Alla riscoperta delle terre bonificate medievali in Aa

Alla riscoperta delle terre bonificate medievali in Aa

Dall’inizio di novembre, sotto l’influenza di precipitazioni record, la regione del Pas-de-Calais è stata vittima di diffuse inondazioni. Molti fiumi, tra cui il Lys, il Canche, il Lian e l’Aya, sono soggetti a esondazioni. Quest’ultimo, un piccolo fiume costiero, nasce nelle colline dell’Artois e sfocia nel Mare del Nord a Gravelines, tra Calais e Dunkerque. I Romani lasciarono questo delta paludoso ai pochi Galli che vi abitavano, situazione che continuò fino a quando la regione fu bonificata nel Medioevo sotto il patronato dei Conti di Fiandra. Nell’ambito di un vasto progetto archeologico nella città di Krawick, prima che il porto di Dunkerque si espandesse verso sud, i team di Mathieu Lanson e Samuel DeSouter, di Inrab, stanno studiando come i contadini medievali di questo angolo delle Fiandre respingessero il mare.

Poco più di cinquemila anni prima della nostra era, la scomparsa sotto le acque della pianura continentale allora conosciuta come Mare del Nord portò al ritorno di gruppi di pescatori e agricoltori ai margini marittimi dell’Europa settentrionale. Forse è per questo che tutti i popoli marittimi tra il Golfo della Somme e lo Jutland condividono la stessa tradizione artistica di resistenza al mare. Questa cultura non è mai più forte che nelle terre circostanti il ​​delta del Reno, e quindi nelle Fiandre, come testimonia l’invasione dalla foce dell’Aa.

Baldovino IQualunqueBras de Fer, il primo racconto di Fiandra e di sua moglie Giuditta.

Dominio pubblico

In effetti, le Fiandre marittime francesi – la regione di Dunkerque – costituivano da molto tempo la parte meridionale della Contea delle Fiandre, un’antica marca marittima franca assegnata a Baldovino Bras-de-Ferre (837-879) dal re Carlo della Francia occidentale II. Calvo (823-877), il suo compito era quello di proteggere le terre dei Franchi sulle coste del Mare del Nord dai Vichinghi. Baldovino e la sua dinastia non solo svolsero egregiamente questo compito, ma resero gradualmente la contea delle Fiandre una delle più prospere d’Europa. Come ? Tra l’altro, aiutando la fitta popolazione fiamminga a conquistare le terre sul mare, che divennero diversi nuovi feudi per i conti, un’espansione su larga scala come la bonifica della foce dell’Aa traH Il trediciH Secolo brillante.

La pianura marina di Dunkerque, come rappresentata sulla mappa marittima delle Fiandre di Fisher (1644).

La pianura marina di Dunkerque, come rappresentata sulla mappa marittima delle Fiandre di Fisher (1644).

Gli intenditori delle meravigliose baie del nord sanno che lì il mare si eleva al di sopra dei corsi d’acqua e penetra in profondità nelle terre circostanti. Il litorale, la parte di costa colpita dalle maree, è rivolto verso il lungomare e costeggia le rive delle baie bagnate dall’acqua marina. comÈ una parola germanica che si riferisce alla mistura di sabbia e fanghi organici, che caratterizza la zona e la rende pericolosa. Delimitato da una fascia di dune di sabbia tra gli estuari, il litorale si interrompe ai piedi degli argini degli estuari, dove lo shuri – cioè il prato salato – inizia una vasta distesa di banchi di argilla e sabbia ancorati da una vegetazione di cordone. , obiones, bietola, finocchio marino, alofite corte. Queste piante alofile devono infatti “piacere” al sale, perché le acque dello Shuri sono irrigate da innumerevoli canali fangosi attraverso i quali il mare entra ad ogni marea, salando e risalando la terra.

Ecco perché a Craywick, a partire dal nono giorno, è iniziata la dissalazione dei prati salati a monte.H secolo, sicuramente costruendo dighe su una parte della riva. “Le dighe erano circondate da una fossa esterna colonizzata da organismi marini e da una fossa interna contenente solo acqua dolce”, spiega Mathieu Lanson. Dopo un periodo di sufficiente desalinizzazione, l’autorità distrettuale assegnò ai contadini appezzamenti di terreno della zona così bonificata, mentre si preparavano i preparativi per la costruzione della prima diga per catturare una nuova parte della riva, che fu ulteriormente ampliata. Lo stesso processo è stato ripetuto lungo tutti gli altri piccoli corsi d’acqua e anse locali del fiume Aa. »

Dighe, canali e fossati medievali Aa Artois Inrab

Gli archeologi mappano tracce di dighe, canali e fossati medievali.

©François Savatier/PLS

Nel paese piatto e fangoso di Karaiwick, gli archeologi hanno letto questo progresso della terra bonificata a partire dal IX secoloH secolo al XIIH Nel secolo l’età delle case contadine declinò, regione per regione. Hanno osservato che fin dalla prima fase di occupazione dello spazio dell’estuario, le dighe che proteggono le nuove superfici occupate sulla costa si susseguono ogni 100 m, mentre i borghi si creano ogni 800 m gradualmente dall’invasione di parti successive della costa. Qui i contadini costruivano le fattorie, cioè quelle lunghe case in legno e mattoni di fango, tipiche del corso del Danubio del Neolitico, che gli archeologi hanno identificato dall’allineamento delle fosse. Una volta stabilitisi nelle loro fattorie, i contadini allevavano pecore, polli, mucche e tori da tiro e iniziarono a produrre la base dell’alimentazione del Medioevo: i cereali.

La costruzione di numerose masserie contadine protette da dighe interrompeva il naturale deflusso delle acque piovane, mentre i lavori di sterro richiedevano una costante manutenzione purché il mare non fosse spinto troppo lontano. Per trattare, il dodicesimoH Nel Novecento l’ente circondariale creò le reti di irrigazione, associazioni di contadini che insieme gestivano la rete di dighe, chiuse, pompe e canali, necessari a mantenere l’integrità dei terreni strappati al mare. Queste reti di irrigazione sono nate – ed esistono ancora – per gestire circa 850 chilometri quadrati di territorio e si riuniscono regolarmente per distribuire i compiti necessari alla manutenzione di argini e fossati, all’installazione di canali sotterranei per il drenaggio dell’acqua piovana, ecc. Quando se ne presentò la necessità, i barcaioli dovevano anche assicurarsi che il terreno fosse irrigato, il che spiega perché si concentrarono gradualmente sulla conoscenza completa di tutti i livelli e i flussi delle acque su terreni quasi privi di pendenza.

Livello dell'acqua di Karawik

Intorno a Craywick, la falda freatica è molto bassa, quindi gli archeologi hanno dovuto alzare il livello dell’acqua prima di scavare.

©François Savatier/PLS

L’acquedotto dovette reagire anche alle interferenze provenienti dal mare, in particolare attraverso la costruzione di “dicchi in breccia”. Una volta che il mare entra in un’area protetta, le leggi idrodinamiche richiedono che esso venga difeso non riempiendo il passaggio scavato, ma affrontandolo con una diga rotonda, all’interno o all’esterno della breccia. A Krawick, la mappatura dell’apparente conduttività elettrica del suolo ha rivelato una diga fratturata, la cui realizzazione è stata studiata dagli archeologi. Poiché la falda freatica si trova ora a circa 50 cm dal suolo, è stato necessario eseguire un “abbassamento della falda freatica”, un processo che consiste nel pompare acqua dal terreno attorno a un’intera area da cui si vuole estrarre l’acqua. Hanno così scoperto l’ubicazione di uno degli estesi stagni formatisi all’interno degli argini ad anello, una risorsa preziosa, ad esempio per abbeverare le pecore. Soprattutto rimasero stupiti quando videro che la squadra di maggiordomi era in grado di scavare fino a 5 metri di profondità e spostare grandi blocchi di terra, cosa particolarmente evidente nei resti di ceramica romana rinvenuti sopra. Ceramica medievale. “Come sono riusciti a lavorare così in profondità?” si chiede Samuel DeSouter senza avere una risposta. Tuttavia, ciò dimostra che i membri delle stazioni idriche avevano una conoscenza approfondita dei cicli delle maree, della molteplicità dei livelli dell’acqua e del flusso dell’acqua nella zona a seconda delle stagioni, tanto che sapevano scegliere il periodo ideale per la acqua. Eseguire enormi lavori di sterro senza sommergere il sito…

Lungo le coste del Mare del Nord, da Calais fino alla punta estrema del Belgio, l’enorme lavoro meticoloso della popolazione fiamminga ha prodotto una pianura marina che misura in media 12 chilometri di larghezza, e può arrivare fino a 20 chilometri. I progressi compiuti a livello del mare sono oggi visibili nei nomi di queste zone, come Oui Plag o Lon Plag, situate diversi chilometri nell’entroterra. Senza dubbio, i laboriosi lavoratori che di secolo in secolo hanno portato a termine questa conquista del mare sarebbero rimasti molto sorpresi se avessero saputo che un giorno parte delle loro terre faticosamente guadagnate sarebbero state scavate dal mare fino a una profondità di 20 metri. Accoglienza di grandi banchine portuali.

READ  Solo i geni possono risolvere questo enigma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *