FR Astronave: laboratorio di Tolosa per idee su come andare sulla luna e viverci

FR Astronave: laboratorio di Tolosa per idee su come andare sulla luna e viverci

Di base
Il progetto Spaceship FR è in fase di attuazione presso il Centro Spaziale di Tolosa. Il CNES cerca di identificare tecnologie e innovazioni che supporteranno progetti di esplorazione spaziale con residenze a lungo termine sulla Luna o su Marte.

Mentre la Cité de l’espace ha appena inaugurato il LuneXplorer, per permettere ai suoi visitatori di sentire fisicamente il decollo verso la luna, ricercatori e ingegneri pensano alle innovazioni necessarie per i soggiorni di esplorazione spaziale a lungo termine. Presso il Centro spaziale di Tolosa (CNES), l’astronave FR è uno dei tre progetti sostenuti dall’Agenzia spaziale europea (ESA) per immaginare le tecnologie e le competenze necessarie per basare la vita sulla Luna o su Marte.

Leggi anche:
A Tolosa, il Centro nazionale francese per gli studi spaziali costruirà una base sperimentale per vivere sulla Luna

Oggi al progetto partecipano decine di persone, tra studenti e tirocinanti, e non ha ancora una sede propria. Nel 2024 sarà costruito un edificio, con un budget di 2 milioni di euro (finanziato dal Centro nazionale francese di studi spaziali e dalla regione dell’Occitania) su un modello quanto più semplice e indipendente dalle risorse possibile, per aderire al tema di un habitat lunare o marziano.

“La nostra strategia è coinvolgere la Francia, attraverso l’Agenzia spaziale europea, nelle missioni di esplorazione spaziale perché oggi siamo satelliti degli Stati Uniti d’America. Cerchiamo di identificare i settori in cui siamo competenti in modo da poter “Dobbiamo sviluppare le nostre capacità e competenze che utilizzano tecnologie che vanno oltre ciò che già conosciamo e che avranno un utilizzo”. Sul campo. Non esiste un piano B, l’umanità non vivrà su Marte e quindi il progresso spaziale deve servirci”, riassume Sébastien Bard, vicedirettore per l’esplorazione e le spedizioni umane presso il Centro nazionale francese per gli studi spaziali.

READ  Questa scoperta senza precedenti è stata fatta utilizzando il telescopio James Webb

Leggi anche:
problema. Spazio: come gli esseri umani si stanno preparando per una presenza permanente sulla Luna

I team dell’INSA stanno sviluppando un bioreattore.
Foto di CNES Thierry Prada – T. DE PRADA

Alloggio, alimentazione, salute e assistenza

Spaceship FR opera su quattro temi: alloggio, nutrizione, salute e assistenza robotica. “Nelle missioni di esplorazione a lunga distanza, non sarà possibile portare a bordo, al di fuori della ISS, tutto ciò che può essere facilmente rifornito, e molte cose dovranno essere prodotte in loco. Stiamo lavorando sulla gestione dell’aria, che richiede un risparmio energetico quando scende”, aggiunge Sebastian Bardi. La temperatura di notte scende sotto i 100 gradi. Dobbiamo anche pensare al riciclaggio dell’acqua, alla gestione dei rifiuti e agli imballaggi.” I team stanno pensando a come produrre cibo utilizzando poca acqua e fertilizzanti, fornendo qualità nutrizionali e psicologicamente accettabili. L’azienda di biotecnologie Orius, con sede a Escalquens, per esempio, lavora nelle serre ciò consentirebbe di produrre piante ad alto valore aggiunto di vitamine.

Aureus Biotechnology Company lavora per produrre piante ad alto valore nutrizionale.

Aureus Biotechnology Company lavora per produrre piante ad alto valore nutrizionale.
Credito Oreo

Robot autonomi

Dal punto di vista sanitario, grazie all’esperienza dei team MEDES (Istituto di Medicina e Fisiologia Spaziale) nei voli umani, Spaceship Fr vuole avanzare nel monitoraggio e nella diagnosi a distanza, nonché nell’identificazione precoce dei problemi di salute, soprattutto a livello psicologico. campo. livello. Infine, con il Dipartimento Innovazione del Ministero delle Forze Armate si sta studiando quale assistenza possano fornire robot e rover. “Questi robot dovrebbero essere in grado di coprire vaste aree, andare a prendere l’acqua, trasportare carichi e tutto ciò in modo autonomo”, conclude Sebastian Bardi, e potrà utilizzare il terreno marziano per il centro spaziale per testare l’attrezzatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *