C’è un’enorme faglia lunga circa 15 chilometri a Grindavik, ma rimane l’incertezza sulla possibilità di un’eruzione.

C’è un’enorme faglia lunga circa 15 chilometri a Grindavik, ma rimane l’incertezza sulla possibilità di un’eruzione.

Venerdì 10 novembre una serie di terremoti ha scosso la penisola di Reykjanes, nel sud-ovest dell’Islanda. Centinaia di terremoti furono abbastanza forti da essere avvertiti a Reykjavik, a 50 chilometri di distanza. Da allora a Grindavik è stata osservata una faglia compresa tra 15 e 16 chilometri e da diversi giorni i servizi meteorologici islandesi osservano che il magma si è accumulato sotto la superficie terrestre, a una profondità di circa cinque chilometri.

In Islanda, possibile fuoriuscita di magma e incertezza

come mostrato rfiLe autorità locali e i vulcanologi avvertono di una possibile fuoriuscita di magma sotto Grindavik. ” In questa fase non è possibile determinare esattamente se e dove il magma possa raggiungere la superficie. » Ma, ” La quantità di magma coinvolta è molto maggiore di quella osservata durante le intrusioni di magma più grandi associate alle eruzioni del Vagradalsfjall. Possiamo leggere.

BFMTV Andò a Grindavík e gli disse che “A causa dei terremoti, parte della città sprofondò di un metro. Metà della città è meno adessodice Petur Benediktsson, il vigile del fuoco responsabile della messa in sicurezza dell’area.

L’enorme crepa, lunga circa 15 chilometri, si estende attraverso tutta la città. È largo circa due metri e sta crescendo di dimensioni, dice Petur Benediktsson.

Credito video: WION

Altrove si sono formate altre crepe, talvolta lunghe diversi metri.

Tre eruzioni si sono già verificate vicino a Fagradalsfjall, nella penisola di Reykjanes, nel marzo 2021, agosto 2022 e luglio 2023. Finora si sono verificate in luoghi lontani dalle case.

6 agosto 2022: una piccola eruzione vulcanica sul monte Fagradalsfjall, a soli 30 km dalla capitale Reykjavik / Credito immagine: Shutterstock

>> Leggi anche : In Islanda si sta formando un “tunnel di magma” lungo circa 16 chilometri e nelle vicinanze è in corso un’eruzione vulcanica

Il pericolo di esplosione che diminuisce con il passare dei giorni?

Ma il vulcanologo e ricercatore onorario dell’Istituto di geofisica di Parigi (CNRS), Patrick Allard, ha spiegato a… Francia 24 Se questo ” L’attività sismica è stata molto intensa per diversi giorni, e ora sembra rallentare. Ci sono meno terremoti e sono meno potenti. Nel frattempo, la Terra continua a sollevarsi, ad allontanarsi e a collassare, ma in modo meno evidente. Ciò significa che il magma si diffonde meno rapidamente“.

READ  I migliori tipi di fragole che crescono in luoghi caldi

Questo non è sinonimo di pacificazione in Islanda, perché sarebbe indicativo di due presupposti. ” O l’eruzione verrà interrotta, oppure il magma si prenderà una pausa e finirà per raggiungere la superficie in modo accelerato. In altre parole, un’eruzione potrebbe iniziare all’improvviso e sorprenderci o non avvenire affatto. Oscilliamo tra questi due scenari anche se sembra più probabile un’eruzione vulcanica. » spiega Patrick Allard.

Come indicato dalle autorità sul posto, la situazione è ancora attentamente monitorata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *