Vacanze estive: Spagna, Italia, Grecia… Ecco le condizioni di ingresso e uscita per paese

Molti francesi hanno scelto l’Europa come meta delle loro vacanze estive. Ma le regole per entrare e uscire dal paese variano a seconda dei paesi vicini.

L’emergenza sanitaria ha ulteriormente complicato l’organizzazione delle vacanze estive, e quindi dal 1 luglio devi pensare ora a portare il tuo libretto sanitario per viaggiare liberamente in Europa. Conosciuto anche come “Certificato Digitale Covid UE”, questo sistema raccoglie tutte le prove di vaccinazione, test negativo o guarigione. In Francia, il certificato può essere scaricato e stampato dal sito web dell’assicurazione sanitaria, Ameli. Ma è disponibile anche in versione digitale dall’applicazione “TousAntiCovid”. Rilasciato a cittadini e residenti dell’Unione Europea, il QR Code è leggibile ovunque nei 27 Paesi d’Europa e i viaggiatori sono invitati a “presentarlo alla polizia di frontiera o alle compagnie aeree” come specificato sul sito del servizio pubblico.

Per la Germania

Per chi volesse recarsi in Germania, sappiate che dal 1° agosto ogni ingresso in territorio tedesco deve essere subordinato alla presentazione di un documento sanitario. Coloro che hanno più di 12 anni dovranno fornire un test PCR negativo di meno di 72 ore o un test dell’antigene di meno di 48 ore. Deve essere presentato un certificato che attesti la guarigione da una contrazione del virus e datato tra ventotto giorni e sei mesi prima dell’ingresso nel territorio. Un certificato di vaccinazione che attesti la completa vaccinazione contro SARS-CoV-2, la cui ultima iniezione è avvenuta almeno quattordici giorni prima, può essere presentato anche entro 48 ore dall’ingresso in Germania, per i viaggiatori provenienti da aree a rischio.

Sebbene la Francia nel suo insieme non sia classificata come zona a rischio, presenta tuttavia alcune eccezioni tra le sue regioni. Questo è il motivo per cui da questa domenica 8 agosto la Germania imporrà una quarantena per i viaggiatori non immuni delle regioni dell’Occitania, della Provenza-Alpi-Costa Azzurra e della Corsica, che stanno affrontando una recidiva del Covid-19 casi. Pertanto, se i viaggiatori provenienti da queste zone non sono in possesso di un libretto sanitario che attesti una doppia dose di vaccino o una cura, dovranno sottoporsi a un periodo di isolamento di dieci giorni, che potrà però essere ridotto a cinque giorni su presentazione di un negativo test. Sono interessati anche i dipartimenti francesi d’oltremare, vale a dire Martinica, Guadalupa, Riunione, Saint-Martin e Saint-Barthélemy.

Per il Belgio

Per i viaggi in Belgio, le condizioni sono leggermente più flessibili. Infatti, se i viaggiatori arrivano da una regione classificata come zona verde o arancione, non dovranno presentare un test PCR e potrebbero anche sfuggire alla quarantena all’arrivo. Se, invece, i vacanzieri provengono da una zona rossa, sarà necessario presentare un certificato di vaccinazione o di recupero. In assenza di tale certificato, è richiesto un test PCR negativo inferiore a 72 ore.

Per le persone che intendono rimanere più di 48 ore, dovranno compilare un modulo di tracciamento dei passeggeri, indipendentemente dal loro mezzo di trasporto. In questo documento, tutti i cittadini europei e non, devono inserire il loro luogo di partenza, la durata dei precedenti soggiorni in altri paesi e l’indirizzo del luogo di residenza in Belgio.

Per l’Italia

Per i viaggiatori che desiderano godersi la “dolce vita” in Italia, a modulo posizione deve essere completato su Internet, ma a versione cartacea può anche essere scaricato e stampato. Tuttavia, questo è disponibile solo in italiano. Per i viaggiatori che arrivano dalla Francia, sono a loro disposizione diverse scelte, sempre in versione cartacea o digitale. Come nella maggior parte dei territori europei, possono presentare una PCR negativa o un test antigenico inferiore a 48 ore. Tuttavia, dovresti sapere che gli autotest non sono accettati. I viaggiatori potranno anche presentare la prova di un programma di vaccinazione completo (14 giorni dopo l’ultima iniezione). Inoltre, si specifica che il certificato “deve essere presentato in italiano, inglese, francese o spagnolo”. E infine, è possibile presentare un certificato di guarigione.

Le persone che desiderano recarsi in Puglia dovranno registrarsi in un sito apposito prima del viaggio, quindi inviare il modulo a un servizio di prevenzione locale.

Per la Spagna

Per visitare la Spagna, è disponibile un modulo di localizzazione in francese su un sito dedicato. Dopo averlo completato, il sito genera un QR Code che consente di superare il controllo sanitario in aeroporto. E se i viaggiatori non provengono da una zona a rischio, può bastare solo la presentazione di questo QR code. Questo dispositivo è predisposto per chi viaggia in aereo o in barca.

Se invece i turisti arrivano da regioni d’oltremare, ovvero da Corsica, Bretagna, Grand-Est, Hauts-de-France, Normandia, Occitania, Ile-de-France, de-France, Nouvelle-Aquitaine, Pays de la Loire , Provenza-Alpi-Costa Azzurra e la regione Auvergne-Rhône-Alpes, che sono attualmente classificate come “a rischio”, devono presentare un certificato di un programma di vaccinazione completo almeno 14 giorni dopo l’ultima iniezione. Può anche essere presentato un test PCR o antigene negativo che risale rispettivamente a settantadue ore e quarantotto ore. Oppure, un certificato di guarigione “valido dall’undicesimo giorno dopo il primo test diagnostico positivo per un periodo complessivo di 180 giorni”. Può essere utilizzato anche il certificato digitale Covid UE.

Per il Portogallo

Come la vicina Spagna, tutti i viaggiatori che presentano un certificato EU Covid possono entrare in Portogallo, indipendentemente dal motivo del viaggio. Ovviamente il certificato deve attestare, o una vaccinazione completa datata almeno 14 giorni, o un’immunità attestata da un “test NAAT positivo, effettuato più di 11 giorni e meno di 180 giorni fa”, o un test PCR negativo inferiore a 72 ore o un test antigenico inferiore a 48 ore. Inoltre, è richiesto di sottoporsi a una misurazione della temperatura da un sistema di termocamere, all’arrivo negli aeroporti. Un modulo speciale è “richiesto dalle autorità sanitarie portoghesi”, che può essere compilato durante il volo.

Per chi si recherà alle Isole Madeira e alle Azzorre, se non dispone del certificato Covid dell’UE, dovrà inviare un test PCR negativo inferiore a settantadue ore, alle autorità locali, tramite un piattaforma progettata per. Per le Azzorre si precisa che “se il soggiorno è pari o superiore a sette giorni, il viaggiatore deve, il sesto giorno dalla data del primo esame, rivolgersi all’autorità sanitaria competente per il luogo di residenza o alloggio, per effettuare una seconda prova”. Occorre però pensare ad anticipare i ritardi dei risultati che oscillano tra le dodici e le quarantotto ore. “Se il test è positivo, deve essere effettuato un isolamento profilattico fino a quando non si ottiene un test con esito negativo”, si legge.

Per la Grecia

Per entrare in Grecia, che attualmente sta soffrendo per gravi incendi in alcune sue regioni, le condizioni sono pressoché identiche a quelle di altri Paesi europei e “tutte le persone residenti in Francia sono autorizzate ad entrare nel Paese”. Ovviamente tutti i viaggiatori hanno l’obbligo di presentare all’imbarco o alle frontiere, un modulo di posizione passeggeri entro e non oltre il giorno prima del loro arrivo in Grecia. È inoltre possibile presentare un certificato di vaccinazione completo datato almeno quattordici giorni prima del viaggio, o un risultato del test PCR negativo inferiore a settantadue ore, o un test antigenico negativo inferiore a quarantotto ore, o una prova di guarigione.

Questi documenti devono essere scritti in francese, inglese, tedesco, italiano, spagnolo, russo o greco, per tutti i viaggiatori di età superiore ai 12 anni. Si prega di notare che i viaggiatori possono essere sottoposti a uno “screening casuale” mediante PCR o test dell’antigene, al loro arrivo in Grecia, “indipendentemente dalla loro nazionalità, dalla loro origine e dalla loro via di ingresso in Grecia”.

READ  Chicago si proclama la capitale della pizza e gli italiani sono indignati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *