Una violenta eruzione vulcanica in Islanda porta allo stato di emergenza

Una violenta eruzione vulcanica in Islanda porta allo stato di emergenza
  • Scritto da Katherine Armstrong
  • notizie della BBC

Spiegazione video,

Guarda: il vulcano islandese erutta lava nella penisola di Reykjanes

Lo stato di emergenza è stato dichiarato nel sud dell'Islanda dopo un'altra eruzione vulcanica nella penisola di Reykjanes, la quarta da dicembre.

L'Ufficio meteorologico islandese (IMO) ha affermato che forti e veloci colate di lava sono iniziate sabato tardi, ma i flussi sono stati “lenti e costanti” fin da domenica mattina.

La lava ha raggiunto le difese orientali attorno alla cittadina di Grindavik, che è stata in gran parte evacuata.

L'IMO ha affermato che la lava si trovava a 200 metri (650 piedi) dalle condutture dell'acqua nella zona.

Il tubo di distribuzione si trova vicino alla centrale elettrica di Svartsinje, una centrale geotermica che fornisce acqua calda a gran parte della penisola di Reykjanes.

Il capo di un dipartimento dell’Autorità meteorologica norvegese ha affermato che potrebbero esserci conseguenze “gravi” se la lava raggiungesse il mare mentre scorre verso sud.

“Se la lava, che è alcalina, entra in contatto con l'acqua di mare, può produrre vapori di cloro”, ha detto Kristin Jónsdóttir, citata dall'Icelandic Public Broadcasting Corporation (RUV).

Un'altra preoccupazione è il rischio di “piccole esplosioni” se la lava diventa instabile quando interagisce con l'acqua di mare, ha avvertito.

L'attività attorno alla fessura, che inizialmente era lunga 3 chilometri (1,9 miglia), si è dissipata.

Il direttore della Protezione civile islandese, Feder Rennison, ha affermato che è stato fatto tutto ciò che poteva essere fatto per prepararsi alla colata di lava, e che la preoccupazione più grande riguarda l'impatto sulle infrastrutture.

Ha aggiunto che anche le pozze di lava vicino alle difese costituiscono una preoccupazione.

Domenica ha detto ai giornalisti che tutte le strade che portano a Grindavik sarebbero probabilmente chiuse.

L'eruzione è iniziata dopo le 20:23 ora locale (20:23 GMT) di sabato a nord di Grindavik, secondo l'ufficio meteorologico del paese.

Questo è un luogo simile all'eruzione iniziata l'8 dicembre.

Le riprese dell'esplosione hanno mostrato nuvole di fumo e magma incandescente che sanguinava e ribolliva da buchi nel terreno.

L'esplosione non ha colpito il principale aeroporto internazionale, che si trova a nord-ovest di Grindavik.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

I veicoli di emergenza sono stati filmati mentre la lava fusa scorre da una fessura sulla penisola di Reykjanes

Il geofisico Magnus Tommy Gudmundsson, che era tra coloro che hanno sorvolato le aree colpite in elicottero, ha detto ai media locali che l'eruzione di sabato è stata la più forte mai vista finora.

C'erano due flussi di lava che si muovevano verso ovest e verso sud. I media locali hanno riferito che la lava emanata da quest'ultimo ha raggiunto le mura difensive orientali di Grindavik.

È anche possibile che la lava scorra nel mare, ma ciò potrebbe non accadere se l'attività vulcanica diminuisce, ha detto Gudmundsson.

L’IMO aveva precedentemente affermato che questo strato di lava era “molto più ampio” rispetto a febbraio, quando una precedente eruzione aveva fatto fluire la lava in una direzione simile.

Ricky Pedersen, capo del Northern Volcanoes Centre con sede a Reykjavik, ha detto a Reuters che attorno ad essi sono state costruite diverse dighe protettive.

Si teme che i cavi in ​​fibra ottica sulle strade possano essere danneggiati, il che potrebbe portare all'interruzione dei servizi telefonici e Internet.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Sabato sono state viste persone riunirsi per osservare il flusso di lava da una fessura causata da un'eruzione vulcanica

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Lo skyline di Reykjavik diventa arancione dopo un'eruzione vulcanica

La lava si stava dirigendo verso il Lago Blu, che è chiuso a scopo precauzionale fino a nuovo avviso.

Pedersen ha detto che c'erano tra le 500 e le 600 persone nella zona quando si è verificata l'eruzione sabato.

Anche a Grindavik sono state disinfettate tra le cinque e le dieci case.

Ai circa 4.000 residenti della città non è stato permesso di tornare alle loro case fino a circa un mese fa, dopo che un'eruzione di gennaio aveva diffuso lava nella città, distruggendo tre case.

La maggior parte di loro ha scelto di non tornare. Ma ne rimasero pochi.

In un'intervista al programma BBC World Service Newsroom, la giornalista islandese Lara Omarsdóttir ha affermato che la maggior parte delle persone che vivono a Grindavik se ne sono già andate.

Alla domanda se le persone si allontaneranno da Grindavik, ha detto che molti lo farebbero e “circa il 30% ha già deciso di vendere la propria proprietà”.

Ha aggiunto che “il 10-20%” di loro non andrà da nessuna parte, “tuttavia vogliono solo vivere a Grindavik”.

L'Islanda ha 33 sistemi vulcanici attivi e si trova sopra quella che è conosciuta come la dorsale medio-atlantica, il confine tra due delle più grandi placche tettoniche del pianeta.

L'ultima volta che la penisola di Reykjanes ha vissuto un periodo di attività vulcanica è stato 800 anni fa, e le eruzioni sono continuate per decenni.

Questa è ora la settima eruzione dal 2021 e gli scienziati ritengono che la regione stia entrando in una nuova era vulcanica che potrebbe durare decenni o addirittura secoli.

READ  Rendere ECOWAS aperto agli investitori spagnoli - raccomanda l'ambasciatore del Ghana in Spagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *