Una nuova teoria spiega perché i nostri sogni sono strani

Una nuova teoria spiega perché i nostri sogni sono strani

Sogni di comprendere i tuoi sogni? Questa è anche l’ambizione degli studiosi. Il neuroscienziato Eric Hall introduce una nuova teoria che potrebbe spiegare le loro stranezze.

I sogni sono un enigma. Nello specifico, gli scienziati sognano di capire perché è successo. I loro cervelli sono saturi di ipotesi. L’argomento giura. Si nascondono nel sonno, alcuni li dimenticano e altri li provocano, ma le loro funzioni rimangono misteriose.

Una nuova teoria, ispirata all’intelligenza artificiale, sta cercando di trovare una spiegazione concentrandosi specificamente sulla stranezza dei sogni. Perché sono surreali? Eric Hall, professore e assistente di ricerca in neuroscienze alla Tufts University, difende l’ipotesi del cervello che modifica eccessivamente.

Questo approccio pubblicato sulla rivista Patterns suggerisce che la stranezza dei nostri sogni aiuta il nostro cervello a generalizzare meglio le nostre esperienze quotidiane. La generalizzazione è un processo cognitivo che consiste nell’astenersi da un gruppo di concetti o cose trascurando i dettagli in modo che possano essere considerati in modo comparabile; In che modo i sogni vi partecipano?

Quando impari i neuroni artificiali

Una rete neurale artificiale è un sistema informatico che utilizza le funzioni del cervello umano per apprendere. Grazie agli esempi forniti durante i giochi di formazione, la rete dedurrà generalità e potrà successivamente applicarle ai nuovi dati. Tuttavia, durante l’addestramento, a volte viene a conoscenza di questi dati. Quindi presume che siano una rappresentazione perfetta di tutto ciò che potrebbe incontrare nella realtà. In altre parole, il modello riproduce molto fedelmente ciascuno dei campioni di addestramento piuttosto che tracciare un grafico delle tendenze generali.

Per ridurre questo “overfitting” (in lingua inglese), gli scienziati hanno inserito un certo disordine nei dati, grazie ai cosiddetti metodi di organizzazione. Un modo è scartare alcuni dati in modo casuale.

Immagina se dei quadrati neri apparissero all’improvviso sullo schermo interno di un veicolo autonomo. Pertanto, un veicolo che vede queste piazze dovrebbe concentrarsi sui dettagli generali dell’ambiente circostante, non sui dettagli. Questa esperienza di guida sarà probabilmente migliore e gli consentirà di acquisire un’esperienza di guida più generale.

Sogni: organizzare l’apprendimento

I nostri sogni avranno la stessa funzione di questi quadrati neri? Potrebbe suonare così: “Se si guardano le tecnologie che le persone usano per organizzare l’apprendimento profondo delle reti neurali, si potrebbe notare che queste tecnologie hanno sorprendenti somiglianze con i sogni”, afferma il neuroscienziato Hall.

Si suggerisce che anche il nostro cervello abbia acquisito molta familiarità con l’apprendimento quotidiano. Quindi, per contrastare questa familiarità, il cervello crea una versione aliena del mondo nei sogni. Aggiunge: “La stranezza dei sogni e la loro distanza dalle nostre esperienze reali, è ciò che conferisce loro la loro funzione biologica”.

Per supportare la sua ipotesi, Eric Hall ha indagato. In effetti, è stato dimostrato che il modo più efficace per suscitare sogni su qualcosa che accade nella vita reale è eseguire frequentemente un nuovo compito mentre sei sveglio. Quindi Hoel sostiene che quando ti alleni eccessivamente su un nuovo compito, viene attivato l’overfitting e il tuo cervello cerca quindi di generalizzare quel compito attraverso la creazione di sogni.

Fare sogni artificiali

Hoyle sta ancora cercando una spiegazione per questo mistero. Ovviamente bisognerà fare più esperimenti per determinare la vera funzione dei sogni. Quindi, nel frattempo, Hoel sta scrivendo storie sulla coscienza umana. Nel 2021, ha pubblicato il suo primo libro, The Revelations: A Novel. Chi ha detto che scienza e letteratura sono incompatibili !?

In ogni caso, è l’immaginazione di Eric Hall la più eccitante: ora vuole esplorare “sogni artificiali”. Quest’ultimo presuppone che gli stimoli, come le opere letterarie, da film o romanzi, possano essere trasformati in sogni di sostituzione, giocando sulla loro dimensione onirica. Il loro lavoro: aiutare a ritardare gli effetti cognitivi della privazione del sonno che influenzano l’apprendimento, ad esempio utilizzando la realtà virtuale.

“Anche se puoi smettere di imparare nelle reti neurali artificiali, non puoi farlo con il cervello”, dice Hoel. I cervelli imparano sempre cose nuove, ed è qui che entra in gioco l’ipotesi cerebrale troppo sintonizzata. “La vita a volte è noiosa”, dice. il mondo “.

    Eric Hall, professore e assistente di ricerca in neuroscienze alla Tufts University, difende l'ipotesi del cervello che modifica eccessivamente.  © Eric Hall
READ  Successo israeliano alle Olimpiadi europee di matematica

Scrittore: Mary Origas – Future Science – Seneweb.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *