La rompighiaccio Amundsen raggiunge latitudini senza precedenti nell’Artico

La rompighiaccio Amundsen raggiunge latitudini senza precedenti nell’Artico

La rompighiaccio da ricerca CCGS Amundsen ha appena raggiunto latitudini settentrionali senza precedenti, consentendo al suo equipaggio di condurre ricerche critiche nelle acque dello stretto di Nares, un luogo poco esplorato dagli scienziati canadesi e considerato “l’ultimo rifugio” per la fauna selvatica artica.

Questa impresa è straordinaria. Mai dalla nascita di Amundsen Science nel 2003 una nave aveva raggiunto quota 82H Parallelo al nord, alle porte dell’Oceano Artico.

Il tutto è stato realizzato durante la missione di ricerca estiva della nave rompighiaccio, il cui home port è in Quebec, e dedicata alla scienza in estate grazie alla partnership con la Guardia Costiera canadese.

Dati preziosi

Come risultato del lavoro di collaborazione di un consorzio di 14 università (inclusa la Laval University) e istituzioni governative di Canada, Danimarca e Norvegia, la raccolta dei dati sembra ora promettente.

Queste operazioni hanno consentito la raccolta di un insieme unico di campioni e dati nel sito più settentrionale mai campionato dal CCGS AmundsenLo sottolinea Amundsen Science in una dichiarazione inviata a Radio-Canada.

Gli scienziati hanno posizionato strumenti di misurazione ovunque lungo il percorso nella Gola di Nares per raccogliere dati su questo ecosistema unico in Canada.

Foto: Altre banche immagini / Université Laval

I 40 scienziati a bordo, con l’aiuto dell’equipaggio della Guardia Costiera, hanno schierato strumenti di misurazione ovunque lungo il percorso, dal sud dell’isola di Ellesmere al Mare di Lincoln, a nord, oltre a schierare 23 stazioni di campionamento.

La nave è stata in grado di mappare il fondale marino in diverse aree. I glaciologi hanno posizionato dei fari sui ghiacciai e sugli iceberg Comprendere meglio come le dinamiche dei ghiacci continentali influenzano gli ecosistemi marini.

READ  Ecco, il test della personalità virale | Sei una persona ragionevole? Quello che vedi per primo nella foto ti insegnerà | Test virale psicologico | test visivo | Sfida virale | Messico

Alcuni strumenti rimarranno nelle acque artiche per il prossimo anno e dovranno essere recuperati nel corso di una futura missione di ricerca pianificata da Amundsen Science.

Una nave bianca e rossa che galleggia su acque calme e piene di ghiaccio

La CCGS Amundsen si è recata al confine dello Stretto di Nares, alle porte dell’Oceano Artico.

Foto: Altre banche immagini / Université Laval

Luogo unico

Lo stretto di Nares è un passaggio marittimo tra l’isola di Ellesmere e la Groenlandia. Secondo Amundsen Science, Svolge un ruolo importante nel sistema climatico regionale e nella produttività biologica nell’Artico.

La CCGS Amundsen ha viaggiato specificamente verso il Robeson Passage, l’ultimo canale dello Stretto di Nares prima di terminare nel Mare di Lincoln, e poi nell’Oceano Artico.

Il luogo, unico in Canada, costituisce un’importante area di studio secondo Maxime Geoffroy, professore al Marine Institute della Memorial University di Terranova e Labrador. È uno degli ultimi posti che normalmente si troverebbero nell’ArticoIn un’intervista al rompighiaccio ha detto che il suo lavoro è ancora in corso alle latitudini polari.

Due orsi polari su un lastrone di ghiaccio

Gli iconici animali artici, come gli orsi polari, dipendono dal ghiaccio marino per sopravvivere. (foto d’archivio)

Foto: Getty Images/settembre Friedhuber

Egli conferma che grazie al cosiddetto ghiaccio marino pluriennale, che permane anche d’estate, lo stretto costituisce un importante rifugio per gli animali artici. C’è una concentrazione di animali carismatici come trichechi, balene e orsi polari.

Nel contesto del cambiamento climatico e del riscaldamento globale, lo studio dello Stretto di Nares e del suo ghiaccio sarà fondamentale, secondo Audrey Limoges, professoressa del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università del New Brunswick.

Ha detto neve fitta Ha un impatto sul sistema idrologico e oceanografico E anche sul clima. Se il ghiaccio si scioglie o si ritira, si possono prevedere conseguenze sul sistema climatico. Questa è un’area molto importante Dice.

Niente dal 19esimo secolo

Oltre ad attraversare lo Stretto di Nares, la missione ha permesso ai gruppi di ricerca di caratterizzare lo Stretto di Archer, le cui ultime registrazioni risalgono al 19° secolo secondo Maxime Geoffroy.

Questo vasto fiordo si trova nel cuore dell’Area Marina Protetta di Tuvaijuittuq, istituita dal governo federale nel 2019.

Relativamente nuova e sebbene nota per la sua biodiversità, sono stati prodotti pochi dati sulla superficie di questa enorme area protetta di oltre 319.000 chilometri quadrati.2.

A causa della loro posizione geografica e delle condizioni difficili, lo Stretto di Nares e il Mare di Lincoln sono di difficile accesso e solo rare iniziative scientifiche hanno tentato di studiare i loro ecosistemi marini.“, spiega la scienza di Amundsen.

Da parte sua, Maxime Geoffroy sottolinea che il Canada è in ritardo e che il lavoro svolto consentirà di colmare alcune lacune nell’esplorazione dell’Artico. Siamo in ritardo rispetto alla Groenlandia, che [ont] La loro zona è ben documentataEgli ha detto.

Amundsen Science, l’organizzazione no-profit responsabile della missione scientifica del rompighiaccio, spera di capirlo meglio I principali processi associati ai cambiamenti climatici passati, presenti e futuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *