I buchi neri sono reali? Questi cinque indizi dicono di sì!

I buchi neri sono cose davvero spaventose. Primo, nemmeno la cosa più veloce dell’universo sfugge alla forza di gravità: la luce, e in secondo luogo, oltre la regione nota come orizzonte degli eventi, la fisica, come la conosciamo, smette di funzionare, scrive Gates. spazio.

È comprensibile mettere i buchi neri al contrario e pensare che siano il prodotto di storie scientificamente affascinanti. Lo stesso Einstein non credeva nella loro possibilità, ma nel corso degli anni abbiamo acquisito una grande quantità di prove che i buchi neri esistono nello spazio. Ecco 5 indizi a riguardo.

Le teorie di Einstein

Abbiamo scritto sopra che Einstein non credeva nei buchi neri, ma sapevi che la loro esistenza appariva nella sua esistenza? Teoria della relatività? Uno degli scienziati più famosi al mondo crede che l’esistenza dei buchi neri sia la prova che la sua teoria è incompleta. Tuttavia, non è stato Einstein a scoprire questi mostri oscuri.

https://www.youtube.com/watch?v=AjUkFeD8-XU

Il fisico Karl Schwarzschild notò la loro esistenza teorica nel 1916. Disse che se la teoria di Einstein era corretta, i buchi neri dovevano esistere. La teoria della relatività ha subito molte prove difficili, ma ha sempre vinto.

Lampi di raggi gamma

Negli anni ’30, l’astrofisico indiano Subramanian Chandrasekhar studiò le stelle nelle ultime fasi della loro vita. L’obiettivo della sua ricerca era scoprire cosa succede loro quando finiscono il carburante.

Le sue scoperte suggeriscono che le stelle veramente massicce collasserebbero insieme per formare un buco nero. Il collasso dei loro nuclei avverrà ad una velocità incredibile, nel giro di pochi secondi, un’incredibile quantità di energia verrà rilasciata nello spazio. Questi sono chiamati lampi di raggi gamma e gli astronomi ne hanno catturati molti nello spazio. Questi lampi indicano la nascita di un buco nero.

READ  Splendide immagini dell'asteroide Dimorphos dopo la sua collisione con la sonda Dart

onde gravitazionali

I buchi neri non devono esistere in isolamento. Accade spesso che siano in coppia e ruotino l’uno intorno all’altro. In questo caso, si verificano onde gravitazionali, che è un’altra cosa che Einstein aveva predetto. Oggi possiamo rilevare le onde gravitazionali utilizzando rivelatori altamente sensibili. La prima scoperta è avvenuta nel 2016 ed è proseguita Basta unire due buchi neri in uno.

Compagno invisibile

I buchi neri sono davvero difficili da notare. Naturalmente, non stiamo parlando di situazioni in cui sorge, si fonde in una o assorbe la materia intorno ad essa. Se un buco nero non fa nulla, semplicemente “si siede sul retro” e non emette radiazioni e Praticamente invisibile.

C’è solo un modo per trovarli, ma c’è. I buchi neri sono famosi per la loro enorme gravità, che influenza le cose che li circondano. Nel 2020, gli astronomi hanno osservato un sistema stellare e hanno notato una particolarità. L’intero sistema si stava comportando in modo diverso e il suo comportamento poteva essere spiegato, Se qualcos’altro non è visibile.

I ricercatori hanno scoperto che nel sistema doveva esserci un oggetto del peso di 4 soli e l’hanno riconosciuto immediatamente come un buco nero. Si trova nel sistema HR 6819 circa Mille anni luce dalla Terra. È allo stesso tempo buco nero più vicino.

immagine diretta

La migliore prova che i buchi neri esistano davvero. Nel 2019, il progetto Event Horizon Telescope ha tentato un compito davvero imponente: fotografare un buco nero supermassiccio, nel cuore di una galassia vicina. Si trovava nella galassia Messier 87, ovviamente, l’immagine risultante non ha una risoluzione 4K, Ma è il primo scatto in assoluto di un buco nero che l’umanità abbia mai acquisito.

READ  Gli scienziati hanno risvegliato un verme di 46.000 anni. Questa scoperta nasconde molti segreti
La prima immagine di un buco nero, creata dall’Event Horizon Telescope Project Fonte: NASA

Il progetto sta attualmente cercando di collegare più telescopi che fornirebbero una visione migliore del buco nero. Quindi è possibile che In futuro vedremo questi mostri oscuri con una bellezza completa

Potresti essere interessato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *