Una cometa mostruosa attraversa il sistema solare esterno: “Questo è un oggetto molto strano”

Telescopio ad alta quota.Beeld Immagini Stock

In ogni caso, gli astronomi sono sorpresi. “Questa è una cosa molto strana”, afferma Simon Porteges Zwart dell’Osservatorio di Leiden. “Ho dormito male per questo.”

UN271 è stato recentemente trovato in immagini scattate negli ultimi anni come parte del Dark Energy Survey. L’astro si muove in un’orbita molto ripida e allungata, con un periodo orbitale di diversi milioni di anni, dieci volte più lungo dell’attuale durata della vita dell’Homo sapiens.

Nell’anno 2031, raggiungerà la sua distanza minima dal sole, cioè più lontano del pianeta Saturno. Ma il punto più lontano dall’orbita è di circa 7,5 trilioni di chilometri, nelle parti interne della cosiddetta nuvola di Oort.

Jean Hendrik Orti

La nuvola di Oort prende il nome dall’astronomo olandese Jan Hendrik Oort. A metà del secolo scorso, avevo previsto che il Sole sarebbe stato circondato a una distanza molto grande da un numero inimmaginabile di comete, pezzi di ghiaccio solido congelato di pochi chilometri.

Occasionalmente, una simile cometa si gira verso il Sole e possiamo vederla nel cielo stellato. Ad esempio, la cometa Neowise era visibile l’anno scorso, con una bella coda di gas e particelle di polvere emesse.

Ma se UN271 è una cometa, è una cometa enorme. Il suo diametro è compreso tra 130 e 370 chilometri. Un corpo così grande della nuvola di Oort non era mai stato osservato prima.

Michiel Hogerheijde dell’Osservatorio di Leiden spera che più di questi tipi di supermasse saranno trovati nel prossimo futuro. “Poi possiamo vedere se sono solo grandi comete rare, o se c’è un insieme completamente diverso di corpi celesti là fuori”, dice.

immagine vuota

Urano

Ma per Portegies Zwart (un non scopritore come Hogerheijde), c’è una domanda completamente diversa: UN271 era originariamente in orbita nelle zone più esterne del Sistema Solare ed è stato espulso da Urano poche centinaia di milioni di anni fa a causa di disturbi gravitazionali. Nella nuvola di Oort? O è stato nella nuvola di Oort negli ultimi miliardi di anni ed è stato “preso a calci” da lì?

In quest’ultimo caso, la “grande cometa” deve aver fatto un grande passo. “Funzionerebbe solo se ci fossero corpi celesti molto più grandi nella nuvola di Oort, paragonabili alla Terra”, dice Porteges Zwart.

Forse, si crede, questo spieghi anche la presenza dei cosiddetti centauri – nane di ghiaccio in orbite instabili che ruotano attorno al Sole tra Saturno e Urano. “Farò sicuramente alcuni calcoli approfonditi sulla stabilità dell’orbita di questo nuovo oggetto”.

Ci sono già suoni per inviare una sonda spaziale all’UN271 per ulteriori indagini. Di per sé, c’è abbastanza tempo per questo: solo nel 2031 l’intrigante oggetto comincerà lentamente ma sicuramente ad allontanarsi dal sole. “Naturalmente è sempre interessante”, dice Hogerheijde, “ma è anche molto costoso. Fortunatamente, saremo in grado di imparare molto nei prossimi anni utilizzando i telescopi sulla Terra.

Il telescopio utilizzato dagli astronomi per scoprire l'enorme cometa, la cosiddetta Dark Energy Camera (DECam) in Cile.  Foto di DOE/FNAL/DECam/R. HAN/CTIO/NOIR
Il telescopio utilizzato dagli astronomi per scoprire l’enorme cometa, la cosiddetta Dark Energy Camera (DECam) in Cile.Foto di DOE/FNAL/DECam/R. HAN/CTIO/NOIR
READ  La NASA ha rivelato che un grande asteroide entrerà in collisione con la Terra il 2 maggio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *