Una città del Sud Africa resiste alla polizia per cavi elettrici illegali

Una città del Sud Africa resiste alla polizia per cavi elettrici illegali

La polizia di Città del Capo tenta di strappare un cavo elettrico collegato illegalmente ai residenti di un insediamento informale (Rodger Bush)

Una donna in abito bianco e nero ha opposto resistenza, tirando con forza un lungo cavo elettrico mentre cercava di impedire alla polizia in tenuta antisommossa di portarlo via.

È stato utilizzato per collegare illegalmente le case in un povero insediamento informale a sud di Città del Capo ed è stato uno dei numerosi cavi sequestrati dalla polizia sudafricana durante un raid mercoledì.

Per le donne e gli altri abitanti del posto che non erano in grado di pagare le bollette, era un’ancora di salvezza.

Ma le autorità di un paese che affronta una grave emergenza energetica hanno considerato questo un peso per le casse pubbliche e per la rete energetica esaurita.

“Alla fine, cosa fai? Ti sdrai e muori o provi, come qualsiasi essere umano o animale, a lottare per sopravvivere?” ha detto Fernando Williams, 58 anni, che vive a Oasis Farm, l’insediamento informale.

“Questa volta la sopravvivenza consiste nel connettersi illegalmente alla rete.”

– Soffre di un’interruzione di corrente –

Il Sudafrica è stato colpito da interruzioni di corrente record che hanno paralizzato l’attività economica e fatto arrabbiare i residenti, mentre i problemi aumentano nell’assediata azienda elettrica Eskom.

Le interruzioni illegali delle comunicazioni, che le autorità accusano di esacerbare il problema, sono abbastanza comuni nel paese.

“Non possiamo tollerare questo perché è illegale, è un furto al governo e ai nostri clienti che li pagano e rispettano la legge”, ha detto Beverly Van Reenen, membro del comitato municipale per l’energia, che era alla la scena.

READ  Macron affronta una dura battaglia per il controllo del parlamento mentre la Francia vota

La pratica è costata alla città più di quattro milioni di rand (210.000 dollari) nell’ultimo trimestre finanziario, ha detto, aggiungendo che era anche pericolosa.

“Quando piove, puoi vedere il fumo che si alza dal terreno”, ha detto un residente, che ha preferito rimanere anonimo, quando gli agenti hanno scoperto chilometri di cavi multicolori nascosti sottoterra e che si snodavano tra campi e cespugli.

– Energia per l’ossigeno –

Ma Marina, una donna del posto che ha fornito solo il suo nome, ha detto che alcuni anziani hanno bisogno di elettricità per far funzionare le bombole di ossigeno. “Pensi che sia giusto come esseri umani essere trattati in questo modo?”

Il raid è avvenuto mentre le interruzioni di corrente si sono intensificate in tutto il paese negli ultimi giorni, dopo una pausa invernale.

Domenica il ministro dell’Elettricità Kgosincho Ramokgopa ha attribuito la colpa alla coincidenza delle riparazioni programmate delle centrali elettriche con interruzioni non pianificate.

Ma in una conferenza stampa ha affermato che le interruzioni dovrebbero diminuire in modo significativo nei prossimi mesi, poiché continuano i lavori per riportare in funzione una gigantesca centrale elettrica alimentata a carbone.

Ramokgopa ha affermato che quattro delle sei unità dell’impianto di Kusile funzioneranno tra ottobre e la fine dell’anno, aggiungendo che ciò fornirebbe al Sudafrica un “percorso decisivo” per uscire dalla crisi.

La risoluzione della crisi elettrica è una questione cruciale in vista delle elezioni generali del prossimo anno, quando l’African National Congress, al potere dall’avvento della democrazia nel 1994, rischia di vedere i suoi voti scendere sotto il 50% per la prima volta.

READ  A new wave of COVID-19 bacterial infections is surging via Africa. These learners want to aid.

L’impianto di Kusili, il quarto generatore a carbone più grande del mondo, ha prodotto relativamente poca energia da quando è stato messo in funzione nel 2007, ed è stato afflitto da problemi di progettazione e costruzione, guasti e accuse di corruzione.

Proprio la scorsa settimana, la polizia ha arrestato nove persone nello stabilimento con l’accusa di furto e frode, accusando l’impianto di aver addebitato carbone mai consegnato.

str-ub/bp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *