Un sondaggio svela le ragioni per cui migliaia di bambini sono assenti da scuola

Un sondaggio svela le ragioni per cui migliaia di bambini sono assenti da scuola
Lo studente ascolta l'insegnante prendendo appunti sulla lezione precedente. [Getty Images]

Un nuovo rapporto afferma che migliaia di bambini sono privati ​​della possibilità di frequentare la scuola a causa del mancato finanziamento da parte del governo della loro istruzione.

Anche la spesa pubblica attuale per alunno risulta essere bassa, il che a sua volta ha un impatto negativo sulle famiglie vulnerabili, soprattutto quelle che vivono nelle comunità rurali.

Questi risultati sono contenuti in un rapporto intitolato “Trasformare il finanziamento dell’istruzione in Africa, un’agenda strategica per l’Anno dell’Istruzione dell’Unione Africana 2024”.

Lo studio è stato sostenuto da diverse organizzazioni: Center for Economic and Social Rights, Oxfam, ISER, Global Alliance for Tax Justice, Tax and Economic Recovery Alliance, Tax Justice Network, Global Initiative for Economic, Social and Cultural Rights, Grade, Action Aid, Rete per la giustizia fiscale in Africa, la campagna globale per l'istruzione.

Ha aggiunto che circa 38.904.483 studenti delle scuole primarie della regione sono stati costretti ad abbandonare la scuola a causa degli alti costi dell’istruzione, tra cui 727.200 studenti in Kenya.

In termini di fabbisogno pro capite, il rapporto afferma che ogni alunno della scuola primaria in Kenya ha bisogno di almeno 62.577 scellini per coprire il costo della propria istruzione ogni anno.

Il rapporto afferma che se il governo riuscisse a risparmiare 173,5 miliardi di scellini, secondo le stime del Fondo monetario internazionale (20%) del PIL, circa 2.772.616 bambini delle scuole primarie in Kenya tornerebbero a scuola.

Il rapporto pubblicato questo mese rileva inoltre che i gravi tagli di bilancio hanno portato al congelamento o alla riduzione dei finanziamenti pubblici, esacerbando le sfide.

Il documento indica che la regione è in ritardo nella spesa per l’istruzione, con solo sette paesi su 35 in grado di destinare all’istruzione il 20% del loro prodotto interno lordo. Il Kenya è tra i 10 paesi della regione che spendono meno del 15% del proprio budget in questo settore.

READ  Vendemmia prematura ultima prova per i viticoltori francesi

“Se i paesi africani vogliono raggiungere la strategia continentale per l'istruzione e l'obiettivo di sviluppo sostenibile 4, è necessario un aumento significativo degli investimenti nell'istruzione. Il CESA 16-25 riconosce che i sistemi educativi che “coltivano i valori africani fondamentali e promuovono lo sviluppo sostenibile” possono solo essere raggiunto attraverso il finanziamento sostenibile e la mobilitazione delle risorse, in particolare la mobilitazione delle risorse nazionali”, afferma il rapporto.

Mostra inoltre che, nonostante gli encomiabili progressi nell’iscrizione degli studenti nelle scuole e nell’affrontare le disuguaglianze educative, persistono disparità significative. Questi fattori includono genere, disabilità, istruzione dei genitori, etnia e status di immigrato e rifugiato, che continuano a influenzare i tassi di completamento e di progressione scolastica, soprattutto tra le ragazze.

“Le ragazze hanno maggiori probabilità di essere escluse dall’istruzione di base quando i budget vengono tagliati; le donne stanno perdendo l’accesso ad alcune delle migliori opportunità di lavoro dignitoso come insegnanti e altri operatori del settore educativo”, afferma il rapporto.

Ciò dimostra che molti potrebbero dover affrontare sfide uniche che richiedono ulteriori interventi, protezione e supporto.

“Le ragazze subiscono forme molteplici e interconnesse di discriminazione a causa della loro classe, origine sociale, orientamento sessuale, identità di genere, disabilità o status migratorio, tra le altre dimensioni”, afferma il rapporto, sollevando preoccupazioni sulla qualità dell’istruzione ricevuta dagli studenti.

Il rapporto afferma che negli ultimi 50 anni, le scuole hanno continuato a far fronte a una grave carenza di insegnanti, con 44 milioni di insegnanti primari e secondari necessari per raggiungere l’Obiettivo di sviluppo sostenibile 4 a livello globale. Solo in Africa, nei prossimi sei anni sarà necessario assumere circa 17 milioni di insegnanti sia nelle scuole primarie che secondarie.

READ  L'ex ministro di Singapore, di origini indiane, vince le elezioni presidenziali

Ma con la maggior parte dei paesi dell’UA che pianificano di ridurre la spesa pubblica complessiva nei prossimi due anni, si teme che anche gli insegnanti ne risentiranno.

“Quando c'è una pressione generale sulla spesa pubblica, è chiaro che anche i bilanci dell'istruzione ne risentiranno. Ciò richiederà una riduzione del numero di insegnanti o una riduzione degli stipendi degli insegnanti”, secondo l'ultimo rapporto che chiede maggiori investimenti nel settore.

Il rapporto punta anche il dito contro il rimborso del debito e le condizioni frammentate imposte sulle sovvenzioni alle regioni africane come alcuni dei fattori che continuano a creare disuguaglianza nell’istruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *