Un animale microscopico si è risvegliato dal permafrost in Siberia: è in letargo da 24.000 anni

Dopo aver speso poco 24.000 anni congelatiGli scienziati russi dicono Dopo che mi sono svegliato il rotifero L’uomo solitario è stato congelato per tutto questo tempo. Un microscopico animale multicellulare d’acqua dolce che pensavamo fosse durato appena un decennio in letargo.


In uno studio pubblicato su Current Biology, gli scienziati hanno dimostrato di essere in grado di far rivivere questo minuscolo rotifero. è simile a tardigradiE il È resistente alle dure condizioni ambientali. Tuttavia, non ci si era mai svegliati prima con una tale antichità.

era l’animale Trovato congelato nel permafrost siberiano, Russia settentrionale. I test del carbonio sugli animali datano tra 23.960 e 24.485 anni. È il più vecchio che è stato risvegliato? Non proprio, ci sono prove di un verme Aveva 40.000 anni Quando è stato scongelato ed è sopravvissuto. seguito da tardigradi 30.000 anni dall’antichità. Per quanto riguarda il più antico rotifero conosciuto, non è quasi mai esistito 10 anni.

Il laboratorio russo di biologia criogenica del suolo è stato colui che ha trovato i rotiferi durante gli scavi Circa 3,5 metri nel permafrost. Corrisponde a uno strato di terreno dell’era glaciale e tutto ciò che c’era era circa 12.500 anni prima della fine dell’ultima era glaciale. In laboratorio i ricercatori sono riusciti a far rivivere il rotifero e farlo riprodurre (è asessuale e si riproduce indipendentemente per partenogenesi).

Congelare gli organismi multiculturali

Una conclusione che i ricercatori ne hanno tratto è che Un animale multicellulare può essere congelato e conservato così com’è per migliaia di anni, da riproporre in seguito. Naturalmente, sottolineano che più l’organismo è complesso, più è difficile, il che attualmente lo rende impossibile per i mammiferi.

READ  A Cher, la palude di Guette rilascia torbiere accumulate nel corso di migliaia di anni

Quello che i ricercatori hanno visto è che I rotiferi possono proteggersi dai cristalli di ghiaccio dal congelamento. Questi cristalli in generale sono quelli che distruggono il corpo agendo come piccoli coltelli, distruggendo le cellule. Se questo viene scoperto o compreso, potrebbe aiutarci a preservare meglio i tessuti e gli organi umani.

via | BBC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *