Queste onde radio hanno viaggiato otto miliardi di anni luce per raggiungerci e non se ne è mai sentito parlare

Queste onde radio hanno viaggiato otto miliardi di anni luce per raggiungerci e non se ne è mai sentito parlare

Il lampo radio veloce 20220610A scoperto di recente ha impiegato otto miliardi di anni per raggiungerci (illustrazione)

Lo spazio è un fenomeno misterioso che dura solo pochi millisecondi, ma è così potente che viaggia oltre le galassie. Il loro nome? Lampi radio veloci o FRB (Lampi radio veloci In inglese). Un team internazionale di ricercatori ha appena rivelato la scoperta più rapida e inverosimile mai realizzata, e la sua provenienza è sorprendente.

In Un articolo pubblicato il 19 ottobre sulla rivista scienzaGli astronomi spiegano di aver catturato un lampo radio veloce lo scorso giugno grazie ad ASKAP, una rete australiana di radiotelescopi. Ciò gli ha permesso di farlo Determina il luogo esatto da cui è arrivata la sorpresa ha spiegato Stuart Ryder, astronomo della Macquarie University in Australia e co-autore principale dello studio.

L’area da cui proveniva è stata poi setacciata dal Very Large Telescope (VLT) dell’Osservatorio Europeo (ESO) in Cile. Un segnale radio di questa intensità è infatti accompagnato dall’emissione di luce, ma quest’ultima è appena visibile. E per una buona ragione: viene da una galassia così lontana che il segnale ha impiegato otto miliardi di anni luce per raggiungerci.

Percorrere una tale distanza richiede un’enorme quantità di energia, della quale una volta terminato il viaggio non ne rimane quasi più. Quindi la potenza dei lampi radio veloci è già 1013 Volte maggiore della luminosità totale del sole. Sono molti zeri per un fenomeno che i terrestri riescono a malapena a rilevare.

Un modo per “appesantire” l’universo

L’origine esatta di questi segnali impressionanti.” Forse a causa dell’attività delle stelle di neutroni » Preventivi per HuffPost Fabrice Motiz, astrofisico del Centro nazionale per la ricerca scientifica e dell’Osservatorio di Parigi. Ma in ogni caso, L’articolo conferma che i lampi radio veloci sono eventi comuni nell’universo » Dichiarazioni di uno degli autori dello studio.

Questa scoperta conferma anche che questi lampi radio veloci potrebbero renderlo possibile” Scopri la materia intergalattica e comprendi meglio la struttura dell’universo “Prima di raggiungere noi, l’onda viaggia tra le galassie. Lungo la strada”, Incontrerà elementi, in particolare elettroni che vagano nello spazio, per modificare la propagazione dell’onda » spiega Fabrice Mutiz. Fondamentalmente, sembra un po’ come quando provi a parlare nell’acqua, il suono viene distorto. Lo stesso vale per l’onda, la cui analisi della distorsione ci permette di comprendere meglio cosa c’è nel percorso dell’onda, tra le galassie.

READ  Dove e quando vedete la "Super Pink Moon" a Rouen sabato?

L’idea è anche quella di poter stimare la massa dell’universo. Attualmente i metodi utilizzati danno risposte contraddittorie. ” Se contiamo la quantità di materia naturale presente nell’universo, cioè gli atomi di cui tutti siamo composti, scopriamo che manca più della metà di quella che dovrebbe essere presente oggi. », spiega Ryan Shannon, uno degli autori dello studio. La porzione mancante potrebbe quindi essere nascosta nello spazio intergalattico, e la propagazione di lampi radio veloci servirebbe da metro per misurare il peso di questa materia, e Finalmente L’intero universo.

L’unico problema è che questa nuova scoperta rappresenta un soffitto di vetro per le tecnologie attuali: gli strumenti attuali non ci permettono di andare indietro oltre gli 8 miliardi di anni luce. Ma si stanno costruendo nuovi telescopi, più sensibili e quindi in grado di osservare sorgenti più lontane. È il caso dell’International Square Kilometer Array Observatory, che attualmente sta costruendo due radiotelescopi in Sud Africa e Australia. È in costruzione anche una versione più ambiziosa del Very Large Telescope dell’Osservatorio europeo meridionale, il Very Large Telescope.

Vedi anche su HuffPost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *