Trieste sulla Nuova Via della Seta


L’accordo Italia-Cina per includere Trieste sulla nuova Via della Seta ha messo sotto i riflettori il porto italiano. Una società tedesca ha recentemente costruito il nuovo stabilimento.

Per l’Impero Asburgico, il porto di Trieste era l’unica uscita sul mare e quindi aveva la massima importanza strategica. Nel 1719 Carlo VI la dichiarò zona di libero scambio e divenne uno dei più importanti punti di scambio per l’Europa orientale. Più tardi nel ventesimo secolo durante la Guerra Fredda, era solo un porto appartato nell’Oceano Europeo. Ma negli ultimi anni il porto di Trieste è entrato in una nuova fase di prosperità.

Il presidente dell’Autorità portuale Zeno de Agostino ha affermato che “basta guardare la mappa per capire l’importanza del porto” e aggiunge che “insieme allo sviluppo delle economie dell’Europa orientale, il porto di Trieste si sta sviluppando come importante centro commerciale”. Nel 2019 Zeno Di Agostino ha firmato un accordo con la Cina per lo sviluppo del porto. Ma finora i soldi non sono entrati e non sono stati realizzati progetti significativi.

La posizione strategica di Trieste la rende particolarmente attraente per la Cina e la Nuova Via della Seta. A marzo 2019 è stato firmato un protocollo di cooperazione tra Cina e Italia, Trieste e così l’Italia è entrata a far parte della Nuova Via della Seta, come primo Paese del gruppo G7.

Trieste non sarà mai venduta come il Pireo

Le critiche sono arrivate principalmente da Bruxelles e da altri stati membri dell’Unione Europea. “Quello che è stato annunciato nell’opinione pubblica italiana come una dichiarazione di intenti puramente economici è stato, infatti, il riconoscimento politico della nuova Via della Seta da parte di un Paese – membro dell’Unione Europea”, spiega la sinologa italiana Giada Messiri. Nel suo ultimo libro, In Dragon Head, l’autrice cerca di spiegare ai lettori la strategia cinese da un punto di vista politico e culturale: “La Cina ha pianificato da tempo quello che è oggi. Ha un piano economico a lungo termine. Data l’importanza della lingua cinese”, l’economia di Pechino è di particolare importanza. . Pechino dà per scontato che giocherà un ruolo nella politica internazionale “.

READ  Fatturato di 25 miliardi di euro a luglio

Il porto internazionale per le petroliere è il più importante del Mediterraneo, grazie alla sua posizione strategica. Il memorandum sino-italiano prevede la partecipazione della società di costruzioni cinese CCCC ai progetti. Tuttavia, come ha chiarito l’Autorità Portuale di Trieste, il porto non può essere venduto come lo è stato, ad esempio, con il Pireo, controllato dalla Cina dal 2016.

Finora, almeno, non sono emersi progetti concreti dal controverso memorandum di cooperazione sino-italiana. “Abbiamo negoziato dietro le quinte con i cinesi da molto tempo”, ha dichiarato Francesco Baresi, presidente della società di costruzioni PLT, incaricata di costruire il nuovo terminal per il porto. PLT sta cercando partner per finanziare l’ambizioso progetto. Come dice Francesco Paris, “Non è necessario collaborare con i cinesi, anche se oggi sono un importante partner commerciale del nostro Paese”.

È stata preferita la collaborazione con una società tedesca

Ma come lavori con un paese che viola i diritti umani? E quale posizione dovrebbero assumere i funzionari portuali finché la disputa commerciale USA-Cina continua? La pressione politica è grande. All’improvviso Trieste guadagna un ruolo e una parola in un conflitto internazionale.

Ma a fine settembre si è saputo che nella costruzione del nuovo terminal portuale non sarebbe stato un partner cinese per i servizi portuali, ma una società tedesca: HHLA “Hamburg Port and Logistics” avrebbe acquisito il 50,01% del nuovo terminal. Un’opzione puramente commerciale? Forse, ma a Trieste le norme geopolitiche giocano sempre un ruolo

Tuttavia, la studiosa cinese Giada Messiti avrebbe preferito una posizione europea più chiara sulla Cina: “L’Europa rischia di diventare un campo di battaglia tra Cina e Stati Uniti. L’Unione europea resta il terzo attore sulla scena internazionale. Ruolo”.

READ  A partire da oggi, la polizia OPKE e DRASI porteranno le telecamere

Ma per arrivarci, gli europei hanno bisogno di una logistica europea comune. La cooperazione tra i porti di Trieste e Amburgo è un primo passo importante in questa direzione.

Linda Ferric, Elizabeth Gala

A cura di: Stefanos Georgacopoulos


Fonte: Onda tedesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *