Come verrà condivisa la torta del piano di risanamento da 750 miliardi di euro dopo il Corona virus?

La prossima generazione dell’Unione Europea: questo è il nome del piano di risanamento da 750 miliardi di euro approvato a livello europeo. È stato bandito da metà novembre attraverso il potere di veto di Ungheria e Polonia, ma grazie a un compromesso, i capi di Stato e di governo sono stati in grado di salvarlo giovedì 10 dicembre all’ultimo Consiglio europeo di quest’anno.

“Questa è una risposta che era necessaria dal punto di vista del budget di fronte alla crisi del Covid-19Emmanuel Macron è stato ricevuto venerdì a conclusione di questo Consiglio. Dobbiamo ora attuare questo piano in modo che i primi pagamenti possano essere effettuati la prossima primavera “.

Parte delle sovvenzioni e parte dei prestiti

Facility Recovery and Resilience (FRR) è una pietra angolare del NextGenerationEU, come indicato Commissione europea. Il suo scopo sarà sostenere gli investimenti e le riforme necessarie per ottenere una ripresa sostenibile, migliorare la resilienza economica e sociale degli Stati membri e sostenere le transizioni verdi e digitali.Scrive le fondamenta.

Alla FRR sono stati assegnati 672,5 miliardi di euro, che rappresenta la parte più consistente del piano di ripresa europeo, e la somma è suddivisa in due categorie: prestiti (360 miliardi di euro) – se i paesi vogliono contrarre – e sussidi (312,5 miliardi di euro), come mostrato in questo grafico. Dal Consiglio dell’Unione Europea.

Il piano di risanamento di NextGenerationEU ha ricevuto 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni.  (Consiglio dell'Unione Europea / Unione Europea)

“Il prestito a un paese sarà completamente rimborsato da quel paese, mentre la sovvenzione viene rimborsata a un paese in proporzione alle sue dimensioni – in PIL. Cioè, se rappresenti il ​​10% dell’Unione europea e hai un sussidio, pagherai il 10% di esso. Ti è stato assegnato. È più generoso per un Paese in difficoltà “., Dettagli di Jerome Creel, Direttore del Dipartimento di Studi dell’OFCE-Sciences Po e Professore Associato di Economia presso ESCP.

Distribuzione secondo necessità per superare la crisi sanitaria

Lo spirito del piano di ripresa europeo, e in particolare del sistema FRR, è aiutare i paesi a superare la crisi Covid-19. “Questa è la novità di questo piano. La priorità dovrebbe essere per i paesi che ne hanno bisogno. Queste sono le esigenze associate alla realtà di uscire dalla crisi sanitaria e le conseguenze economiche e sociali che può comportare”., Ombreggiato Jerome Creel.

Il resto dell’importo, 77,5 miliardi di euro, corrisponde a varie linee del budget pluriennale Dedicato a vari programmi dell’Unione Europea. “Queste sono spese Potrebbe diventare verde, agricoltura … ma FRR è davvero correlato Dopo Covid. “

Principali beneficiari: Italia, Spagna e Francia

Chi riceverà cosa? Questo è senza dubbio l’aspetto più atteso. “La chiave di distribuzione per gli anni 2021-2022 sarà calcolata per ciascuno Stato membro, sulla base della sua popolazione, in proporzione inversa al suo prodotto interno lordo pro capite e sulla base del tasso di disoccupazione relativo di ciascuno Stato membro negli ultimi cinque anni”.E il Prende atto del Consiglio dell’Unione europea. Un conto a favore dei grandi stati del sud come Spagna e Italia, duramente colpiti dalla crisi del Covid-19. “Ma la chiave di distribuzione Non ancora chiaroJerome Krell spiega.

Quindi sappiamo già chi saranno i principali beneficiari del sussidio, anche se i numeri non sono definitivi: Italia (82 miliardi di euro di sussidi), Spagna (più di 60 miliardi di euro) e Francia, che dovrebbero ricevere 40 miliardi di euro in un anno. 2021 nell’ambito di questo piano di ripresa europeo.

READ  L'Italia e la Turchia hanno iniziato la loro attività in Nagorno-Karabakh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *