Salonicco: l’ex maestra d’asilo che fa un delizioso gelato (foto)

L’aroma della vaniglia del Madagascar, l’intensità del cioccolato e l’aroma del caffè emanano dalla Gelateria di Evosmos. Nelle caldaie e nelle pentole, i materiali provenienti da ogni angolo della terra sono armoniosamente collegati. Con le istruzioni e l’occhio attento della giovane maestra d’asilo Elena Gianakido, il gelato artigianale della nonna di Polis viene prodotto, in vasetti, insieme al cibo natalizio negli hotel, ristoranti e chalet di tutto il paese.

Avendo già una carriera di 14 anni nel campo del gelato, l’insegnante di Salonicco, che ha lasciato le lezioni e si è addentrato nella produzione del gelato, lo considera non solo una prelibatezza stagionale, ma lo definisce anche un “di alta qualità dolce”. Secondo APE-MPE, infatti, “gelato al latte con baccelli di vaniglia del Madagascar e miele”, “velluto al cioccolato” ma anche il più tradizionale con il kadaifi, in quanto sembra avere un posto di rilievo accanto a melomakarona e kourabiedes, come elencato su molti dei ristoranti.

“Negli ultimi giorni abbiamo consegnato i nostri ordini per Natale e Capodanno. Molti hotel a Salonicco e in altre regioni, oltre a ristoranti e chalet, hanno scelto le nostre creazioni come dessert dopo il tacchino, il maiale o qualunque sia il pasto festivo”. il cuore dell’inverno, ordinano e lo offrono ai loro clienti, in una confezione speciale che ha un involucro festoso in questo periodo dell’anno”, osserva la signora Gianakido.

Elena Giannakidou ha iniziato a lavorare come maestra d’asilo e il suo grande amore per le classi e i giovani studenti è ancora dominante nella sua vita anche oggi quando ha cambiato il suo percorso professionale. Infatti, come le dicevano amici e conoscenti, se fosse ancora a scuola sarebbe la preferita dei bambini, perché tutti amano il gelato!

READ  In Ile-de-France, settembre sarà "grigio"

Sono state quelle circostanze che l’hanno portata sulla strada del gelato, che non solo l’ha amata, ma ha arricchito la sua passione per la conoscenza e l’esperienza. Per un decennio è andata e ritorno in Italia dove ha studiato con famosi chef che le hanno insegnato tante cose e le hanno svelato deliziosi segreti. Salonicco è diventata la città che ha scelto di fondare l’azienda che oggi, sulla base dell’antica ricetta tradizionale del “nonno e nonna della città”, prepara tanti sapori.

nipiagogos_pagoto_2.jpeg

“Fare il gelato è un caso multidimensionale. Mi occupo di matematica, fisica, chimica e tabelle. Il gelato è l’equilibrio di ingredienti e materie prime da eseguire e ottenere un buon risultato. Preparare il gelato, l’antico modo tradizionale con cui il gelato si faceva una volta è seguito da riverenza e fede”. Particolare attenzione è riservata alla bollitura. “Ci vuole poi rispetto, attesa della maturazione e della corretta sequenza di raffreddamento in una gelatiera tradizionale verticale, una delle poche al mondo per fare il gelato tradizionale a mano, senza aria e volume”, spiega.

“L’ideologia dell’azienda di famiglia è sostenere la buona salute”, afferma la signora Gianakidou, che ha viaggiato in molti paesi all’estero e in tutta la Grecia per trovare i migliori materiali. Andava – racconta – in Brasile a cercare il caffè migliore dove dopo che i frutti maturi venivano raccolti ed essiccati, e dopo che erano stati puliti, sbucciati e tostati, finiva nel giusto “legamento” con il latte. Così è finito con i tre caffè che ha portato a Salonicco.

“Un viaggio in Nepal e la mia sete per il gelato più gustoso, con immagini e sapori da tutto il mondo, mi ha portato a scoprire i cacciatori di miele, che raccolgono il miele dalle grotte dell’Himalaya”, aggiunge.

READ  JMC per indennità di congedo dei dipendenti per le aziende alberghiere - Economia

Il gelato ha sicuramente sapori dall’Italia. Una ricetta comasca, 100% tradizionale, con segreti nel drenaggio naturale e nella stagionatura tramandatile da un famoso chef e una ricetta monastica spagnola composta da tre diversi bastoncini preparati nelle pentole di cottura del monastero per la bollitura e la stagionatura a specifiche temperature del formaggio, è uno dei suoi preferiti.

“Viaggiando da Oinousses a Chios, alla ricerca del famoso fico selvatico e del suo lentisco, ho scoperto un’azienda locale tradizionale a conduzione familiare… che curava il gelato con salatini esclusivamente naturali. “A Mani ho trovato nonno Stamos e abbiamo fatto qualcosa di diverso, come metti il ​​sale nel gelato!” , come dice distintamente.

nipiagogos_pagoto_4.jpeg

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *