L’affondamento della nave East Med, il ruolo della Turchia e la cessazione delle indagini su…

Di Nikitas Simos

L’annuncio del documento ufficiale del Dipartimento di Stato Usa, che, tra l’altro, esprime riserve sulla fattibilità del progetto EastMed, ha suscitato come di consueto commenti e imbarazzo. L’investimento di comunicazione dei governi greci in questo progetto è stato eccessivo, che è stato inserito anche nei progetti di interesse comune dell’Unione Europea, soprattutto perché Cipro è stato un elemento chiave nella pianificazione iniziale con tutti i vantaggi geopolitici ed economici che Megalonisos avrebbe guadagno da questa partecipazione.

Le modifiche imminenti erano visibili

Tuttavia, ci sono stati precedenti per i cambiamenti imminenti, quando all’inizio del 2021 è stata rilasciata una mappa di un think tank americano, in cui ha aggirato Cipro, e invece l’oleodotto è passato alle coste egiziane di Indko e Damietta, dove c’è sono grandi stazioni di liquefazione (19 metri). annualmente) di gas naturale. Si stima che i depositi ciprioti e israeliti, insieme ai depositi egizi di Dharan, possano essere ben coperti dal potenziale di questi impianti di liquefazione. In questo contesto, l’Egitto ha proposto un piano alternativo in base al quale il GNL sarebbe stato trasportato via nave al terminal di Revythousa o all’unità di rigenerazione in costruzione ad Alessandria. Anche il presidente egiziano El-Sisi ha discusso questa proposta con il primo ministro greco durante la sua visita in Grecia nel novembre 2020. A ciò è seguita la pubblicazione di analisi speciali sulla stampa egiziana, che hanno indicato l’alto costo della progettazione iniziale del gasdotto. È facile ipotizzare che ci sarà un fermento parallelo, con la partecipazione di Stati Uniti e Unione Europea, che hanno fornito anche la documentazione politica del nuovo piano, oltre al fatto che potrebbe essere stato economicamente più conveniente. Nel febbraio 2021, Israele ed Egitto hanno concordato di collegare un gasdotto offshore al giacimento israeliano Leviathan con gli impianti di liquefazione di Endco e Damietta. Oltre a tutte queste azioni che hanno ribaltato il piano EastMed originale, c’era anche una dichiarazione del Direttore dell’Energia della Commissione secondo cui il progetto originale doveva essere rimosso dall’elenco dei progetti di interesse comune dell’UE. La realtà politica, in particolare la forte sfida diretta della Turchia con una serie di misure aggressive, ha mostrato la limitata tenuta politica ed economica del progetto. L’accordo intergovernativo a Zappeion Megaron per la realizzazione dell’oleodotto, con l’assenza dell’Italia, resta nel quadro della buona volontà.

READ  Mettere etichette alimentari e caccia illegale e clandestina al centro dell'incontro tra Spilios Libanos e il suo omologo italiano Stefanos Patouanelli

lavoratore turco

È un dato di fatto che nelle posizioni principali dell’amministrazione americana ci siano amministratori delegati che, secondo la loro logica, la Turchia è un partner indispensabile per l’Occidente. Tenendo conto della geografia e delle rivendicazioni storiche della Russia e dell’attuale equilibrio che Ankara e il Cremlino hanno notevolmente migliorato attraverso interventi controllati e la distribuzione etnica e religiosa della popolazione nel Caucaso meridionale e nella Turchia centrale, è un partner molto apprezzato per Washington . E diventa ancora peggio se Ankara adotta una politica più filo-occidentale, per la quale l’Occidente sta lottando. Tuttavia, non dobbiamo perdere di vista il fatto che la strategia turca, a prescindere dalla leadership del Paese, ha nel tempo chiarezza e profondità e la questione principale è la sovranità nel Mediterraneo orientale. Questo è il motivo per cui è stato firmato il memorandum turco-libico, sono state condotte varie indagini sismiche ed estese esercitazioni navali insieme ad appelli alle Nazioni Unite ea vari forum internazionali, e ora Ankara sta promuovendo la divisione della questione di Cipro come soluzione. Sulla base di queste politiche, la Turchia ha condannato e condannerà qualsiasi iniziativa economica o di difesa a cui non partecipa e che ritiene minacci le sue ambizioni egemoniche nella regione. Una caratteristica delle sue percezioni estreme era che Ankara stesse condannando EastMed, senza chiederne la partecipazione.

La questione principale che deve occupare i greci è fino a che punto l'”efficienza” occidentale, con la sua consapevolezza della verità, possa restringere le posizioni greche a favore dei turchi, e quale spazio per la manovra greca in una situazione del genere. Indicativo di tale contesto è il commento dell’ambasciatore uscente degli Stati Uniti, che ha commentato alla Conferenza di Atene sui dialoghi energetici: “Oppure speriamo in questo dialogo, compreso l’East Mediterranean Gas Forum, dove l’osservatore americano lasci la porta aperta alla Turchia. Anche “Resta da vedere lo sviluppo di progetti di interconnessione elettrica, come la cooperazione nell’interconnessione elettrica 3+1 Europa-Asia, dove sembra che Washington e l’analoga interconnessione euro-africana rimangano impegnati, come ha affermato un relativo memorandum firmato tra Atene. e Il Cairo lo scorso ottobre.

READ  Fitch Ratings: la moratoria è la più rischiosa per le banche in Grecia e Cipro

Sospensione dell’esplorazione di idrocarburi nell’isola di Creta.

Questo sviluppo ha suscitato tale scalpore da essere stato pubblicato pochi giorni dopo la sua pubblicazione senza carta negli Stati Uniti e riguarda la sospensione delle indagini sismiche a ovest e sud-ovest di Creta, in due blocchi offshore situati al di fuori dell’area (meridionale e orientale) dove il turco zona è. Si tengono le prove. Il termine per lo svolgimento delle indagini scade nell’ottobre 2022 e sembra che il consorzio non abbia chiesto alcuna proroga. Finora non c’è una chiara relazione tra le riserve statunitensi su EastMed e la cessazione delle indagini di cui sopra. Si può notare a questo punto che un gran numero di compagnie di idrocarburi stanno congelando o annullando progetti in questo momento, come la società spagnola Repsoil, che ha annunciato con il suo partner greco le dimissioni dai diritti di esplorazione in Etoloakarnania.

L’equilibrio russo nel Mediterraneo orientale

Il Cremlino ha una strategia specifica nel Mediterraneo orientale? Probabilmente no, poiché il Mediterraneo orientale presenta molte sfide diverse che non possono essere affrontate da un’unica strategia. Il potenziale economico e mediatico della Russia è limitato, in quanto non ha un modello sociale o economico da offrire e sostenere ai paesi della regione, come probabilmente fece in epoca sovietica. Le reazioni russe sono selettive e mirate a seconda delle circostanze. In questo senso, la Russia è chiamata a svolgere il ruolo di bilanciatore. La questione importante è se il Cremlino sarebbe disposto a tollerare la protezione turca a Cipro e in che misura minaccerebbe le posizioni russe sulla costa siriana. Sembra difficile, poiché non ci sono indicazioni di un disimpegno russo dalla Siria, mentre il Cremlino sostiene le posizioni cipriote nel Consiglio di sicurezza dell’Onu. L’ambiente del Mediterraneo orientale era ed è tuttora complesso con la Turchia che ha costantemente intensificato le sue richieste, come la smilitarizzazione delle isole greche nel Mar Egeo. Sembra essere una svolta difficile per la diplomazia greca, che può essere appresa dallo sviluppo del lavoro di EastMed e dalla realizzazione della proposta egiziana alternativa.

READ  Arresto - Thriller del romano che ha fatto "Dolce Vita" a Mykonos con soldi rubati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.