Tasse internazionali, riscaldamento globale e aiuti ai paesi in via di sviluppo .. Il G20 è impegnato

Un weekend cruciale a Roma. I leader delle maggiori economie mondiali si sono riuniti nella capitale italiana sabato 30 e domenica 31 ottobre per il vertice del Gruppo dei Venti (G20), concordando diverse misure economiche ma restando per alcune ore poco chiare sugli obiettivi climatici. Dall’apertura della COP26 in Scozia.

Progressi sul clima, la pandemia legata al Covid-19 e l’economia descritti domenica dal presidente degli Stati Uniti “tangibile”. “Quello che abbiamo visto qui è la forza dell’America quando ti impegni e lavori con essa [ses] Gli alleati sono partner nei problemi.Joe Biden ha aggiunto. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha detto sabato sera alla cena dei leader:

“Non dobbiamo lasciare a coloro che verranno dopo di noi un pianeta che è nel mezzo di un conflitto, le cui risorse sono state sprecate. È nostra responsabilità fare una svolta decisiva per superare questi fardelli. È giunto il momento. Gli occhi di miliardi di persone, interi popoli, sono su di noi e sui risultati che possiamo raggiungere.”

  • Due accordi “storici” su tasse e dazi doganali globali

Sabato a Roma i leader del G20 hanno dato il via libera definitivo alla riforma fiscale globale. Questo “Accordo storico”Nelle parole del segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, sta pianificando in particolare di introdurre una tassa minima del 15% per le società multinazionali, con l’obiettivo di implementarla entro il 2023. Quattro anni fa, stavo combattendo […]. Stasera ci siamo! “e Ha ricevuto il presidente francese Emmanuel MacronMentre il cancelliere tedesco Angela Merkel ha ricevuto “grande successo” e ‘Un chiaro segno di correttezza’.

A Roma, il Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo ha svelato un altro accordo descritto come“Storico”Questa volta per aumentare alcune tariffe sulle importazioni di acciaio e alluminio che hanno avvelenato le relazioni commerciali tra Washington e Bruxelles dall’imposizione di queste tasse da parte dell’amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Questo dovrebbe essere permesso Quantità limitate di importazioni europee di acciaio e alluminio per entrare negli Stati Uniti in esenzione da dazi, spiegato.

READ  Kalavryta, 77 anni dopo: l'orrore è ancora vivo - la storia
Leggi anche A Roma i leader del G20 sostengono la riforma del sistema fiscale internazionale
  • L’obiettivo di riscaldamento viene mantenuto a +1,5°C

Il G20 ha riaffermato l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di mantenere il caldo “Molto meno” +2°C, possibilmente a +1,5°C, rispetto all’era preindustriale. Il tetto è infatti diventato da allora un obiettivo prioritario. Ma, nella loro dichiarazione, i paesi volevano andare un po’ oltre aggiungendo che “mantenere [l’objectif de] Richiede 1,5°C nell’intervallo[it] Azioni e impegni propositivi ed efficaci di tutti i Paesi”.

Il G20, che comprende paesi sviluppati come gli Stati Uniti e membri dell’Unione Europea, ma anche grandi economie emergenti come Cina, Russia, Brasile o India, rappresenta l’80% delle emissioni globali di gas. “La loro risposta sarà decisiva per preservarla [l’objectif de] 1,5°C Raggiungibile »ha detto Alok Sharma, un politico conservatore britannico che è stato nominato capo della COP26.

Leggi l’articolo di Laurent Fabius, Alok Sharma e Laurence Tubiana: Questo articolo è riservato ai nostri abbonati “Alla COP 26, il mondo deve rispettare l’accordo di Parigi”

Secondo l’ultima valutazione dell’Onu, che tiene conto dei nuovi impegni della maggioranza dei firmatari, il mondo si sta ancora avviando verso il riscaldamento globale. “disastroso” da + 2,7 °C. O, al massimo, +2,2°C, se teniamo troppo conto delle promesse “onde” Neutralità di carbonio per la metà del secolo.

“mezzo secolo” Questa è esattamente la formula adottata dal G-20 nel documento finale. – un orizzonte meno preciso rispetto alla data del 2050, particolarmente voluta dalla presidenza italiana del G-20, “Ma è molto importante, vista la diversità dei Paesi partecipanti al G-20”Secondo la presidenza francese, che chiede “Un obiettivo comune”. quanto sopra, “Nonostante le tensioni, e nonostante le differenze, ha permesso di ricreare una vicinanza con uno scopo [la COP26, à] Glasgow »ha detto Emmanuel Macron.

READ  Trieste sulla Nuova Via della Seta

COP26 è “L’ultima e migliore speranza” Per riuscire a ridurre il riscaldamento globale, ha detto Sharma. Durante la pandemia di Covid-19, Il cambiamento climatico non si è preso una vacanza. Tutte le luci sono rosse sul cruscotto del clima »Ha aggiunto, nel primo giorno di due settimane dell’incontro cruciale per il futuro dell’umanità.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati COP26, una conferenza critica di fronte alla crisi climatica
  • Fine del sostegno alle nuove centrali a carbone internazionali entro la fine del 2021

I paesi del G20 hanno anche deciso di smettere di sostenere nuovi progetti di centrali elettriche a carbone all’estero, vera rivoluzione Secondo il presidente francese. “Termineremo il finanziamento pubblico internazionale per le nuove centrali elettriche a carbone entro la fine del 2021”., definisce il testo finale. Tuttavia, non hanno fissato obiettivi chiari per l’eliminazione graduale del carbone a livello nazionale. Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, si era già reso conto che la questione era particolarmente difficile “Per alcuni Paesi che dipendono dal carbone”.

Il G20 si è svolto senza la Cina – il più grande produttore mondiale di gas serra prima degli Stati Uniti – né la Russia, Xi Jinping e Vladimir Putin rinchiusi nei loro Paesi a causa della situazione sanitaria. Sono intervenuti in videoconferenza, ma i loro posti vuoti a Roma hanno fatto temere a qualcuno di perdere un appuntamento con la storia.

Tuttavia, Pechino ha mostrato un segno di flessione promettendo, a settembre, di interrompere la costruzione di centrali elettriche a carbone all’estero. Ma la Cina fa ancora molto affidamento su questo combustibile fossile che emette anidride carbonica.2, in particolare per gestire le proprie centrali elettriche nell’attuale contesto di crisi energetica.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati A Roma, a margine del G20, un parlamentare internazionale contro Pechino
  • 100 miliardi di dollari in denaro del FMI stanziati per i paesi vulnerabili

I paesi del G20 si sono impegnati a restituire 100 miliardi di dollari (circa 86,5 miliardi di euro) ai paesi vulnerabili, su un totale di 650 miliardi di dollari in diritti speciali di prelievo (DSP) emessi dal Fondo monetario internazionale (FMI). L’obiettivo dichiarato è quello di rispondere alla crisi causata dalla pandemia di Covid-19, secondo la bozza di testo finale. L’SDR è distribuito in base alla quota di ciascun paese nel FMI, e quindi il più grande di loro va ai paesi più ricchi. Sulla carta, l’Africa beneficerà solo di 34 miliardi di dollari.

READ  Olaf Schulz sarà il cancelliere tedesco, raggiunto l'accordo per formare una coalizione

“Accogliamo con favore i recenti impegni di quasi 45 miliardi di dollari come passo verso un’ambizione globale di 100 miliardi di dollari in donazioni ai paesi più bisognosi”.Dissero i dirigenti.

La Francia si è già impegnata “Reindirizzare il 20% dei fondi ricevuti dal FMI dal Fondo Monetario Internazionale al continente africano”Come annunciato dal presidente Macron. Il Regno Unito e l’Italia hanno promesso un impegno simile del 20% dei DSP e il Giappone ha promesso $ 4 miliardi.

Infine, la dichiarazione di chiusura riconosce “Importanza” Fornire ai paesi in via di sviluppo 100 miliardi di dollari all’anno, che le nazioni ricche si sono impegnate 12 anni fa a pagarli a partire dal 2020 per aiutarli a combattere le conseguenze del cambiamento climatico. Una promessa che non è stata ancora mantenuta, esacerbando la crisi di fiducia a livello globale, come ha lamentato venerdì il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. Lasciando l’Italia per la Scozia dove si sta svolgendo la COP 26, Ha detto domenica su Twitter :

“Lascerò Roma con speranze disattese, ma almeno non sepolte”.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Al vertice del G20, c’è il rischio di una spaccatura tra paesi sviluppati ed emergenti prima della COP26

Le Monde con Associated Press, Agence France-Presse e Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *