“L’integrazione dell’Unione Africana nel G20 andrà a beneficio del mondo intero”.

Per non perdere nessuna novità africana, iscriviti alla newsletter di mondo africano da questo link. Ogni sabato alle 6 del mattino, trova una settimana di notizie e discussioni trattate dalla redazione all’indirizzo mondo africano.

pista di decollo. La storia mostra che il multilateralismo è la via più sicura verso la stabilità globale e il progresso economico. Le tragedie del secolo scorso e quelle attualmente in corso nel mondo riflettono i pericoli e l’inutilità di approcci frammentari e politiche di perdita. Come capo di stato, ho potuto vedere il costo imposto dalle tensioni internazionali “persone normali” e i vantaggi della cooperazione tra paesi.

Il G20 è il meccanismo di base per la governance cooperativa multilaterale dell’economia globale. I suoi obiettivi generali includono il coordinamento delle politiche per raggiungere la stabilità economica e la crescita sostenibile, ridurre i rischi e prevenire le crisi e modernizzare l’architettura finanziaria internazionale. Con l’istituzione del G20 nel 1999, i paesi del G7, sulla scia delle crisi finanziarie dei mercati emergenti degli anni ’90, si sono resi conto che l’insufficiente partecipazione dei paesi in via di sviluppo alle deliberazioni sui problemi economici globali aumentava i rischi associati alla stabilità finanziaria in generale .

Leggi anche l’intervista al presidente senegalese: Questo articolo è riservato ai nostri iscritti Macky Sall: “Non siamo davvero in un dibattito su chi ha torto e chi ha ragione. Vogliamo solo l’accesso a grano e fertilizzanti”.

La composizione del G20 vuole essere ampia e rappresentativa, ma gestibile in termini di dimensioni. I membri del G-20 sono costituiti da 19 paesi più l’Unione Europea (UE) e rappresentano circa l’80% del PIL mondiale, il 75% del commercio mondiale e oltre il 60% della popolazione mondiale. Poiché l’Unione Europea conta 27 Stati membri – di cui Francia, Germania e Italia sono anche membri individuali del G-20 – quest’ultimo rappresenta in realtà 43 paesi, più di un quinto dei membri delle Nazioni Unite. Di tutti questi paesi, solo uno – il Sudafrica – è africano. L’Unione Africana (UA) è invitata di tanto in tanto.

READ  Il Picasso rubato è stato ritrovato dalla National Gallery

L’ottava economia più grande del mondo

Il G20 sta prestando sempre maggiore attenzione alle preoccupazioni africane e alle questioni globali che interessano l’Africa. Più di recente, ha lavorato per aiutare i paesi altamente indebitati e a basso reddito di tutto il mondo, compresi quelli africani, con la copertura vaccinale contro il Covid-19 e con misure come la Debt Suspension Initiative e il Common Framework for Debt Remedies.

Nel 2021 la Presidenza italiana del G20 ha ospitato il primo Gruppo Consultivo Africa. Ben presto, il G-20 ha approvato le importanti decisioni del Vertice di Parigi sul finanziamento delle economie africane organizzato dalla Francia, di cui ha co-sponsorizzato. Nel 2017, la presidenza tedesca ha lanciato il G20 Compact con l’Africa per contribuire a rilanciare gli investimenti privati ​​nel continente e nel 2016 la presidenza cinese ha lavorato per sostenere l’industrializzazione in Africa. Gli africani apprezzano molto queste e altre misure.

Hai ancora il 51,34% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.