Squadra di moda e sport al Museo delle Arti Decorative

Squadra di moda e sport al Museo delle Arti Decorative

C’è molta attività in vista dei Giochi Olimpici che si terranno a Parigi dal 26 luglio 2024. Dopo che il Palais Galliera ha presentato la sua mostra “Fashion in Motion” fino al 7 settembre 2025, è in tournée del Musée des Arts Décoratifs per mostrare, attraverso un’esposizione riccamente documentata, i molteplici legami che uniscono moda e sport. Questa mostra si chiama “Moda e sport, da una piattaforma all’altra” e durerà fino al 7 aprile 2024.

Raccontare la storia dell’ascesa dello sport attraverso l’abbigliamento e, al contrario, decifrare come funziona nel tempo a beneficio del corpo atletico, è la missione che si è impegnata Sophie Lemahieu, curatrice della mostra. Dipartimento di moda e tessile dell’istituzione. Il percorso, quindi, sia cronologicamente che tematicamente, offre un’ideale immersione nella sociologia dello sport, e implicitamente nella sociologia della moda. La democratizzazione delle attività sportive ha permesso che l’abbigliamento diventi più comodo e meno restrittivo. », analizza Sophie LeMahieu.

Osservando le prime sale, dedicate specificatamente all’epoca della scherma equestre medievale, ci si rende conto di quanto fosse chiaramente ristretto l’abbigliamento, quando armature e altre protezioni in ferro impedivano i movimenti. Scopriamo poi come l’arrivo della bicicletta cambiò le abitudini di abbigliamento, soprattutto quelle delle donne che sceglievano i leggings alla fine dell’Ottocento.H L’Ottocento, ovvero come erano organizzate le squadre di calcio o di rugby, soprattutto nelle università inglesi dell’Ottocento.H un secolo. E con loro l’arrivo delle camicie in jersey, più flessibili e “ventilate” rispetto a quelle in cotone.

Sneaker Soho (autunno-inverno 1993) e sneakers Tandem (primavera-estate 1993) del designer di scarpe Cyd Jouny.

La mostra passa poi in rassegna le varie pratiche sportive e l’abbigliamento ad esse associato. Poi (ri)scopriamo i legami tra la tennista Suzanne Lenglen e lo stilista Jean Patou, una coppia d’avanguardia che lavorava sui campi da tennis, dove la giovane donna addolciva i suoi movimenti in abiti di cotone leggero, negli anni ’20. Vedi anche la famosa polo in cotone “Pitit Piqué” disegnata da René Lacoste nel 1933, ma anche i primi costumi da bagno, un abito midi con corsetto e maniche lunghe e pantaloni lunghi per le donne, o ancora come l'”abbigliamento sportivo” si sia affermato nelle abitudini e nelle armadi.

READ  Qualificazioni Euro 2024 | Italia - Ucraina | Gianluigi Donnarumma, ha mantenuto la fiducia ma ci sono state grandi polemiche

Costume di Amazon disegnato da Rei Kawakubo

Questo termine anglosassone, diffusosi sulla stampa francese nel 1928, si riferiva in definitiva ai dettami del tempo, ovvero all’accelerazione dell’attività sportiva, allora consigliata dai medici. Così, dal 1923, Jeanne Lanvin introduce una sezione sportiva nelle sue collezioni, proprio come Jean Patou o Gabrielle Chanel, che utilizzavano il morbido jersey nei loro abiti per promuovere la libertà del corpo. Lo sport ha rapidamente ispirato stilisti e stilisti. Alcuni di loro furono anche forti atleti prima di diventare designer, come Emilio Pucci, che fece parte della squadra olimpica italiana del 1936 come pattinatore, o Ottavio Missoni, più volte campione italiano dei 400 metri. »“, spiega il curatore.

Hai il 35% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *