SpaceX potrebbe tentare di catturare un missile che sta cadendo in una torre di lancio

Ingrandire / La navicella SpaceX dovrebbe avere gambe di atterraggio. Il veicolo di lancio del primo stadio, il Super Heavy, potrebbe non esserlo.

SpaceX

Per costruire un sistema di lancio completamente riutilizzabile per il suo veicolo spaziale interplanetario, SpaceX ha dovuto risolvere una miriade di sfide tecniche, come il rallentamento dell’enorme veicolo spaziale mentre tornava nell’atmosfera terrestre a velocità vicine all’orbita.

Ma forse la sfida più grande – come sempre accade con i razzi – è piuttosto banale: la sua massa. L’obiettivo del missile è costruire il veicolo più leggero possibile con le migliori prestazioni possibili. In teoria, sembra semplice. In pratica, però, contenere liquidi volatili ad alte pressioni non è facile. E con un sistema di lancio completamente riutilizzabile, SpaceX ha l’ulteriore sfida di costruire veicoli in grado di resistere ai rigori del lancio, lavorare nel vuoto, quindi urlare attraverso l’atmosfera per atterrare di nuovo alle pressioni a livello del mare.

La necessità di costruire veicoli leggeri, robusti e adattabili a volte porta a opzioni di design interessanti. Alla fine del 2020, il fondatore di SpaceX Elon Musk si è recato sul suo social network preferito, Twitter, per condividerne uno con i suoi follower. “Cercheremo di catturare il Super Heavy Booster con il braccio della torre di lancio, utilizzando le alette in rete per resistere al carico.” Egli ha detto. Il missile Super Heavy, che probabilmente avrà circa 28 motori Raptor, lancerà l’astronave nell’orbita terrestre.

Questo appare a prima vista pazzo. Come catturi un missile che cade nella torre di lancio? E perché rischieresti la preziosa infrastruttura di lancio tentando di far atterrare un enorme missile direttamente sopra di essa?

READ  Potrebbe esserci meno acqua liquida su Marte di quanto si pensasse in precedenza

Una risposta è la massa. Il primo stadio Falcon 9 dell’azienda utilizza quattro grandi carrelli di atterraggio in fibra di carbonio e alluminio per stabilizzare il veicolo durante la discesa. Sebbene sia realizzato con questo materiale leggero, la massa combinata delle quattro gambe di atterraggio è ancora di circa 2 tonnellate metriche. Le gambe del booster pesante molto più grande erano probabilmente molte volte più grandi, forse nell’intervallo da 5 a 10 metri.

Chi ha bisogno di due gambe?

Sarà anche più efficiente. Se SpaceX potesse progettare un boom della torre di lancio, o un paio di boom, per afferrare il booster Super Heavy, potrebbe trasportarlo rapidamente sulla rampa di lancio. Un tale missile potrebbe quindi – e ciò richiederebbe anni di miglioramenti e sperimentazioni – essere rapidamente controllato, rifornito e lanciato di nuovo. Forse anche entro un’ora, Musk ha detto.

Non è chiaro se ciò sia possibile. In teoria, tuttavia, il booster Super Heavy potrebbe cadere sotto la potenza di un sottoinsieme dei suoi 28 motori, e molto vicino al volo, e le braccia della torretta di lancio potrebbero estendersi per afferrare il booster. Sembra una manovra piuttosto folle, ma alcuni anni fa era già come inviare una nave autonoma senza pilota nell’Atlantico per catturare i missili in caduta.

Resta da vedere se tutto questo funziona. SpaceX ha provato molte cose in passato riguardo ai razzi solo per ignorare queste idee. Questa è una delle chiavi del successo e dello stile di leadership di Musk. Chiede al suo personale di fare cose quasi impossibili, come costruire un sistema di lancio orbitale completamente riutilizzabile. Quindi, dà loro la libertà di sperimentare e talvolta di fallire.

READ  Lamezia, anche su Technology Pole Training Presentation dal titolo "Chemistry, Materials and Biotechnology"

Questa idea sembra abbastanza folle da funzionare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *