Sistema collegato agli ospedali operativi, arresto più breve, salvataggio di vite

immagine: Dal 16 giugno, Austin Phased Alert System. Scenario Di più

Credito: città di Austin

Secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista, un sistema di allerta graduale, progettato da scienziati e funzionari della sanità pubblica per guidare le politiche locali, ha aiutato una città a prevenire le ondate ospedaliere e le lunghe chiusure. Connessioni con la natura.

In un nuovo studio condotto dall’Università del Texas presso l’Austin COVID-19 Modeling Consortium in collaborazione con la Northwestern University, i ricercatori descrivono il sistema che ha guidato le politiche COVID-19 ad Austin, in Texas, per più di un anno, contribuendo a proteggere la salute. Cura del sistema ed evita procedure costose. Tiene traccia del numero di nuovi ricoveri ospedalieri giornalieri per COVID-19 e porta a cambiamenti nelle linee guida quando i ricoveri superano i valori soglia specificati. Durante l’utilizzo di questo sistema di allerta graduale, l’area metropolitana di Austin ha mantenuto il tasso di mortalità pro capite più basso per COVID-19 tra tutte le principali città del Texas.

“Il sistema di allerta ad Austin è stato ottimizzato per bilanciare la salute pubblica della città con obiettivi sociali ed economici”, ha affermato Lauren Ansel Myers, professore di biologia integrativa e direttore del Consorzio di modellizzazione COVID-19 dell’Università del Texas. “Per più di un anno, ha aiutato la nostra comunità ad adattarsi ai rischi in rapida evoluzione, a proteggere l’integrità dei nostri sistemi ospedalieri e a ridurre i danni economici”.

Durante la pandemia di COVID-19, i responsabili politici hanno lottato per combattere il COVID-19 riducendo al minimo le conseguenze sociali ed economiche. I governi di tutto il mondo hanno messo in atto una serie di sistemi di allerta che attivano arresti quando casi o ricoveri raggiungono livelli critici. Secondo il documento di ricerca, il sistema di Austin è stato migliore nel prevenire le ondate ospedaliere rispetto ai trigger basati sulla terapia intensiva utilizzati in Francia e nell’evitare gli arresti in modo migliore rispetto alle raccomandazioni ampiamente citate di Harvard Global Health.

READ  5 Fakta Menarik Tentang Bumi, Ternyata Bulan Tak Cuma Satu

“Il nostro approccio flessibile può progettare politiche adattive per combattere il COVID-19 in tutto il mondo e prepararsi alle future minacce di pandemia”, ha affermato Myers. “Quando abbiamo confrontato gli attuatori Austin migliorati con altri sistemi di allarme simili, abbiamo scoperto che svolgono un lavoro molto migliore nel bilanciare gli obiettivi di salute pubblica con obiettivi economici in competizione”.

David Morton della Northwestern University ha progettato lo studio con Myers e Haoxiang Yang, ricercatore post-dottorato presso il Center for Nonlinear Studies (CNLS) del Los Alamos National Laboratory.

“Il successo del sistema di Austin deriva in parte dalla sua dipendenza dai dati sui ricoveri ospedalieri, che forniscono un’indicazione più affidabile della trasmissione di COVID-19 rispetto ai casi segnalati, e in parte dalla nostra rigorosa ottimizzazione dei trigger di allerta”, ha affermato Morton. I ricercatori hanno dedotto soglie che fornivano una garanzia del 95% che gli ospedali non sarebbero stati superati.

I tre sistemi ospedalieri dell’area di Austin, Ascension Seton e St. David’s HealthCare e Baylor Scott & White Health hanno fornito dati di base che non erano disponibili nella maggior parte delle altre città statunitensi nei primi mesi della pandemia, comprese le stime per l’unità di terapia intensiva e la capacità ospedaliera. e rapporti giornalieri di nuovi ricoveri ospedalieri per COVID-19.

“La pandemia ha stimolato un livello di collaborazione tra i vari attori sanitari in questa comunità in un modo molto speciale ed efficace”, ha affermato Clay Johnston, preside della Dell Medical School presso l’Università di Austin. “Insieme, abbiamo creato un sistema di trigger basato sugli ultimi dati locali, che sono stati la chiave per una risposta coordinata che ha aiutato a prevenire l’overflow delle unità di terapia intensiva e, in definitiva, a salvare vite umane”.

READ  La Svizzera sta provvisoriamente entrando nell’era del sequenziamento dell’intero genoma umano

“Il sistema di allerta graduale è stato sviluppato lavorando con i sistemi ospedalieri e i membri dell’UT COVID-19 Modeling Consortium di Austin”, ha affermato il dott. Desmar Wooks dell’Austin Travis County Health Authority. “È il risultato di una partnership unica tra i leader della città, i tre sistemi ospedalieri e gli accademici. Questa è la prova che la comunicazione per il cambiamento comportamentale è più efficace quando è guidata dalla scienza e dai dati”.

###

Oltre al Chief Medical Officer Mark Escott, al sindaco di Austin Steve Adler, Johnson, Myers e Morton Wiang, gli autori del nuovo documento sono Ozji Saurer, Daniel Duque, Bismarck Singh, Spencer J. Fox, Remy Pascoe, Kelly Pierce e Paul Rathose. e Zhanwei Du e Michael Pignone.

Questo lavoro è stato sostenuto dal National Institutes of Health, dal Texas Department of Human Services, dai Centers for Disease Control and Prevention, dal CNSL, dall’Agenzia accademica bavarese-ceca e dal Texas Center for Advanced Computing dell’Università del Texas ad Austin. UT Modeling Consortium COVID-19 è reso possibile, in parte, dal generoso supporto di Tito’s Handmade Vodka. Myers detiene la Denton A. Cooley Centennial Professorship presso l’Università del Texas ad Austin.

Dichiarazione di non responsabilità: AAAS e EurekAlert! Non è responsabile per l’accuratezza delle newsletter inviate a EurekAlert! Attraverso le istituzioni contribuenti o per l’utilizzo di qualsiasi informazione attraverso il sistema EurekAlert.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *