Scienziati polacchi tornano in Antartide dopo più di 40 anni

Dopo più di quarant’anni, i polacchi tornarono nella base abbandonata in Antartide. Il loro viaggio scientifico inizierà domenica sera. La ricerca geologica sarà condotta presso la più antica stazione polacca in Antartide, nell’oasi di Bunger, a diciassettemila chilometri dalla Polonia.

Il viaggio di sola andata dura due mesi. Torneremo più velocemente, torneremo. Passeremo lì meno di otto settimane. Naturalmente abbiamo tende, sacchi a pelo caldi e giacche. La temperatura media nel sito varia da meno due a più un grado Celsius durante il giorno.

Lo descrive uno dei partecipanti alla spedizione, la professoressa Monica Kosiak dell’Istituto di geofisica dell’Accademia polacca delle scienze.

È un posto situato dall’altra parte della terra dall’Alaska e dalla California. Lì si generano scosse sismiche molto forti. Ciò che contraddistingue questo luogo è la presenza di rocce al suo interno. Il substrato roccioso viene in superficie ed è circondato dal ghiaccio antartico, ma abbiamo accesso diretto al substrato roccioso. C’è una base su queste rocce e noi metteremo i nostri strumenti su queste rocce. Grazie a questo, potremo dare un contributo molto significativo, e otterremo nuovi dati osservativi sullo stato della ionosfera, sul campo magnetico e sulla struttura dell’interno della Terra. Grazie a questo, capiremo meglio la Terra. La Terra è la cosa più importante nell’universo. La nostra ricerca è planetaria, non cercheremo gas di scisto o carbone lì, cercheremo di capire la Terra – Aggiunge il professor Marek Lewandowski dell’Accademia polacca delle scienze.

Come geochimico isotopico che studia l’età della Terra, spero di raccogliere campioni di roccia con cui poter determinare l’età geologica della Terra e le possibili associazioni di questa parte dell’Antartide con l’Australia e l’India. Porteremo tutti i campioni in Polonia e li testeremo qui aggiunge la professoressa Monica Kosiak.

Quattro scienziati polacchi andranno in Antartide, compreso il prof. Monica A. Kosiak – geologa, geochimica isotopica, A. Marek Lewandowski – geofisico, geologo, paleomagnetico, A. Wojciech Miloch – fisico ionosferico e Dr. Adam Nauert – geografo e geomorfologo.

La stazione su cui lavoreranno è la più antica stazione polacca in Antartide, costruita dall’Unione Sovietica nel 1957 e poi donata alla Polonia. Nel gennaio 1959 il suo nome fu cambiato da Oasis Station a Oasis Station. Antonio B. Dobroolsky, e nel 1991 assegnato all’Istituto di Geofisica dell’Accademia polacca delle scienze.

I polacchi hanno visitato la stazione solo tre volte, conducendo ricerche ambientali, l’ultima volta in 40 anni. A causa della sua lontananza da altre stazioni, in un terreno difficile da raggiungere, la ricerca è stata interrotta, sebbene esploratori polari dalla Russia e dall’Australia abbiano visitato più volte le vicinanze della stazione.

READ  Tweet della ISS sui tweet principali di Northrop Cygnus nel primo trimestre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *