Nel punto più lontano dell’universo – una scoperta che ha sorpreso gli astrofisici: questi sono i fenomeni necessari alla formazione della vita

Secondo gli scienziati, dopo aver analizzato l’Atacama, il gigante è stato installato in un deserto radiotelescopio Secondo i dati raccolti da ALMA, è probabile che l’acqua sia rilevabile nella maggior parte delle matrici galassie Dai tempi dell’universo primordiale.

Dopo aver osservato il corpo SPT0311-58, gli scienziati hanno trovato molecole d’acqua e allo stesso tempo monossido di carbonio. Questi elementi si trovano nelle galassie nascenti a circa 12,88 miliardi di anni luce dalla Terra schitechdaily.com.

L’ultimo studio consiste nell’immagine di gas molecolare più dettagliata nella galassia dai primi tempi dell’universo e nella scoperta più lontana di molecole d’acqua in una galassia tradizionale che forma stelle. Lo studio è stato pubblicato sull’Astrophysical Journal.

L’oggetto SPT0311-58 è costituito da due galassie scoperte dal radiotelescopio ALMA nel 2017. A seconda della posizione della galassia (o altrimenti, del tempo), questa è l’epoca della reionizzazione. Questa era dell’universo è iniziata quando Universo Solo 780 milioni di anni, o circa il 5%. La sua età attuale. A quel tempo si formarono le prime stelle e galassie.


La formazione delle galassie agli inizi della saggezza. ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / S. Dagnello (NRAO) Fotografia

Si pensa che la derivata costante sia la fusione di due galassie in un’unica galassia, dove si verifica una rapida formazione stellare non solo per la presenza di gas (il carburante per la formazione stellare) ma anche perché questa coppia di galassie evolve potenzialmente nella massiccia ellittica galassia oggetto di studio. (locale) nell’universo.

“Utilizzando immagini ad alta risoluzione catturate da ALMA, abbiamo studiato una coppia di galassie note come SPT0311-58. In entrambe le galassie sono state rilevate molecole di acqua e monossido di carbonio. Acqua e carbonio sono essenziali per la formazione della vita.

READ  Le formiche indiane rimpiccioliscono il loro cervello per avere la possibilità di diventare una regina

Questa miscela di galassie è la più grande conosciuta da quando l’universo era molto giovane. Sta scoprendo più gas e polvere rispetto ad altre galassie dell’universo primordiale, il che offre molte opportunità per osservare i misteri delle galassie emergenti e comprendere meglio come questi elementi vitali hanno influenzato la formazione dell’universo primordiale”, ha affermato Srivani Garugula, astronomo del Università dell’Illinois.


La formazione delle galassie agli inizi della saggezza.  ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / S. Dagnello (NRAO) Fotografia

La formazione delle galassie agli inizi della saggezza. ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / S. Dagnello (NRAO) Fotografia

Tali studi dalle prime fasi della formazione delle galassie consentono agli scienziati di comprendere meglio la nascita, la crescita e l’evoluzione dell’universo e, di conseguenza, l’evoluzione del sistema solare e della Terra.

Gli scienziati hanno scoperto dove e quanto può essere lontana l’acqua nell’universo. Tuttavia, allo stesso tempo, le risposte sollevano altre domande a cui è necessario rispondere in altri studi. “Quanti gas e polveri sono comparsi così presto nell’universo primordiale per la formazione di stelle e galassie? Imparando questo, saremo in grado di comprendere meglio la struttura di formazione ed evoluzione dell’universo primordiale”, ha sottolineato Srivani Garogula.


La formazione delle galassie agli inizi della saggezza.  ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / S. Dagnello (NRAO) Fotografia

La formazione delle galassie agli inizi della saggezza. ALMA (ESO/NAOJ/NRAO) / S. Dagnello (NRAO) Fotografia

Questi impressionanti risultati di ricerca, che allo stesso tempo dimostrano le capacità del radiotelescopio ALMA, contribuiscono alla continua espansione dell’esplorazione dell’universo.

“Sembra che le biomolecole, che sono così importanti sulla Terra, inizino a formarsi dall’inizio dell’universo, e lo studio ci dà l’opportunità di vedere processi fondamentali nell’universo che sono molto diversi da oggi”, ha detto Joe. Pesce, astrofisico di ALMA.

Fonte: https://arxiv.org/abs/2108.11319

L’uso delle informazioni pubblicate da DELFI su altri siti Web, nei media o altrove, o per distribuire il nostro materiale in qualsiasi modo senza consenso è severamente vietato e, se si ottiene il consenso, è necessario citare DELFI come fonte.

READ  L'Europa è l'epicentro dell'epidemia. Le vittime del COVID-19 sono in aumento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *