Come gli esseri umani, non inclini al freddo, si sono adattati straordinariamente bene

Come gli esseri umani, non inclini al freddo, si sono adattati straordinariamente bene

Di fronte al freddo, gli esseri umani non potevano fare affidamento sull’adattamento biologico come alcuni animali o i Neanderthal. Tuttavia, ha dimostrato capacità di adattamento nonostante la sua naturale incompatibilità.

Gli esseri umani sono una specie tropicale. Abbiamo vissuto in climi caldi per gran parte della nostra evoluzione, il che potrebbe spiegare perché così tanti di noi trascorrono il tempo sognando l’estate.

Tutti i tipi di scimmie vivono ai tropici. I più antichi fossili conosciuti della stirpe umana (ominidi) provengono da Dall’Africa Centrale E est. Gli ominidi che si spostarono a nord verso latitudini più elevate dovettero affrontare temperature gelide, giornate più brevi che riducevano il tempo necessario per procurarsi il cibo e neve che faceva Inseguire è più difficile E il vento gelido quello Maggiore perdita di calore Dai loro corpi.

Data la sua limitata capacità di adattamento al freddo, come ha fatto la nostra specie a diventare dominante, non solo nelle regioni calde dei nostri antenati, ma ovunque sul pianeta? La risposta sta nella nostra capacità di sviluppare soluzioni culturali complesse per affrontare le sfide della vita.

Non sono solo gli esseri umani che possono evitare il freddo… // Fonte: com.onlyfabrizio

I primi segni della presenza di ominidi furono scoperti nel nord Europa Happisburgh, Norfolk, nell’Inghilterra orientale. Questi includono impronte e strumenti di pietra che hanno 900.000 anni. A quel tempo gli Asburgo erano una regione Foreste di conifere con inverni freddi, come oggi la Scandinavia meridionale. Ci sono poche prove che suggeriscono che gli ominini di Happisburgh siano rimasti a lungo nel sito, suggerendo che non abbiano avuto il tempo di adattarsi fisicamente.

Come questi esseri umani siano sopravvissuti a condizioni così diverse da quelle delle loro terre ancestrali in Africa rimane un mistero. Nella zona non sono presenti grotte né tracce di rifugi. Gli artefatti di Happisburgh sono semplici e non mostrano alcuna tecnologia complessa.

Prova di Usa i fuochi da campo All’epoca la cosa era controversa. Strumenti necessari per realizzare Abbigliamento adeguato e resistente alle intemperie Non apparvero nell’Europa occidentale fino a circa 850.000 anni dopo. Molti animali però migrano per evitare il freddo stagionale Ominini di Happisburgh Avrebbero dovuto viaggiare per circa 800 chilometri verso sud per fare davvero la differenza sul clima.

READ  Freddo e neve: due sezioni allerta arancione

È difficile immaginare che gli ominidi sarebbero potuti sopravvivere agli inverni del Norfolk senza fuoco o indumenti caldi. Eppure il fatto che vivessero Finora a nord Ciò significa che dovevano trovare un modo per sopravvivere al freddo, quindi chissà cosa scopriranno gli archeologi in futuro.

Adattamento fisiologico dei cacciatori di boxgrove

I siti di insediamenti moderni, come Boxgrove nel West Sussex, nel sud dell’Inghilterra, forniscono ulteriori prove di come i nostri antenati sopravvissero ai climi settentrionali. IL Sito web di Boxgrove Risalente a circa 500.000 anni fa, è uno dei periodi più freddi della storia umana.

Ci sono ampie prove, come segni di taglio sulle ossa o la scapola di un cavallo che si ritiene sia stata trafitta da una lancia di legno, che questi fossero ominidi Animali che vengono cacciati. Questi risultati sono coerenti con gli studi sui moderni cacciatori-raccoglitori, che mostrano che le persone vivevano in regioni fredde Dipendono maggiormente dalle prede animali Rispetto ai loro omologhi nelle regioni calde. La carne contiene le calorie e i grassi necessari per combattere il raffreddore.

La tibia fossilizzata di un ominide trovata a Boxgrove è più robusta di quella di un essere umano moderno, suggerendo che appartenesse a un gruppo di organismi. Gli ominidi sono alti e tozzi. UN corpo enorme con Arti relativamente corti Riduce la perdita di calore riducendo la superficie.

Poiché la sagoma migliore per prevenire la perdita di calore è quella di una palla, gli animali e gli esseri umani nei climi freddi si avvicinano il più possibile a questa forma. Ce l’abbiamo anche noi certificato A quel tempo c’erano dei fuochi da campo.

Il caso dei Neanderthal, specialisti dei climi freddi

I Neanderthal, che vissero in Eurasia tra 400.000 e 40.000 anni fa, Climi glaciali abitati. Rispetto ai loro antenati africani e rispetto a noi, sì Arti corti e fortiHanno corpi grandi e muscolosi adatti a produrre e mantenere il calore.

READ  Catalogo - Tech-Science - Scioglimento dei ghiacciai dei Pirenei

Tuttavia, i volti prominenti e i nasi larghi e prominenti dei Neanderthal sono l’opposto di ciò che si potrebbe pensare sia appropriato per un’era glaciale. Come il Macachi giapponesi Vivere in zone fredde e Topi da laboratorio Crescere in condizioni fredde, Umani provenienti da climi freddi In generale, hanno nasi relativamente alti e stretti e zigomi larghi e piatti.

Modellazione informatica Gli antichi scheletri ci dicono che i nasi dei Neanderthal erano più efficienti di quelli dei loro antenati dai climi caldi nel trattenere il calore e l’umidità. Sembra che la struttura interna sia importante quanto la dimensione complessiva del naso.

bue muschiato
Il bue muschiato era ben adattato ai climi freddi. // fonte : Jean-Pierre Plutone

Anche se i loro corpi si adattarono al freddo, i Neanderthal conservarono le caratteristiche dei loro antenati tropicali. Quindi non ce l’avevano Pelliccia folta Altri mammiferi dell’Europa glaciale, come il rinoceronte lanoso o il bue muschiato. Piuttosto, hanno sviluppato una cultura complessa.

abbiamo Evidenze archeologiche I Neanderthal producevano vestiti e ripari con pelli di animali. Cresciuto da cucinare E usa il fuoco per prepararti Colla di corteccia Dal legno di betulla alla realizzazione di utensili, dimostra che i Neanderthal avevano un eccellente controllo del fuoco.

Subordinare Lo sostengono gli archeologiSebbene controverse, le ossa di Neanderthal trovate nel sito di Sima de los Huesos, nel nord della Spagna, risalente a 400.000 anni fa, mostrano lesioni causate dal loro metabolismo che rallenta fino al letargo. Secondo i ricercatori, queste ossa mostrano cicli di crescita e guarigione intermittenti.

Solo poche specie di primati vanno in letargo, come alcuni lemuri malgasci e il Galago moholi, così come il lemure malgascio. Loris lento nano Dal nord del Vietnam.

Galago Moholi
Il galago Moholi è uno dei pochi primati che va in letargo. // fonte : Wade Tregaskis

Ciò potrebbe portarci a credere che gli esseri umani saranno in grado di ibernare. Ma la maggior parte delle specie che vanno in letargo lo fanno Piccolo corpo, con alcune eccezioni, come gli orsi. Gli esseri umani potrebbero essere troppo vecchi per andare in letargo.

Adattamento comportamentale in assenza di adattamento biologico

I fossili più antichi della razza Homo sapiens Risalente a 300mila anni fa, In Marocco. Abbiamo lasciato solo l’AfricaCirca 60.000 anni faQuindi colonizzare tutte le regioni del mondo. Quindi siamo relativamente nuovi alla maggior parte degli habitat in cui ci troviamo oggi. Per migliaia di anni, le popolazioni delle regioni fredde si sono adattate biologicamente ai loro ambienti, ma non perfettamente.

READ  Missione di tiro con l'arco della NASA: Biliardo cosmico | Hayes in linea

Un esempio ben noto di questo adattamento è che in aree con poca luce solare, Homo sapiens Si sviluppano tonalità della pelle chiare, Ciò consente di produrre meglio la vitamina D. I genomi degli Inuit groenlandesi mostrano un adattamento fisiologico Dieta marina ricca di grassiUtile al freddo. Prove più dirette provengono dal DNA dei capelli conservato nel permafrost della Groenlandia. Ciò suggerisce che i capelli abbiano 4.000 anni Modificazioni genetiche Il risultato è una forma corporea tozza che massimizza la produzione e la ritenzione del calore, come l’ominide di Boxgrove di cui abbiamo solo una tibia.

La nostra eredità tropicale significa che non siamo ancora in grado di vivere in luoghi freddi senza inventare modi per affrontare questo clima. Pensaci e basta Giacca tradizionale InuitChe fornisce un isolamento migliore rispetto alla moderna uniforme invernale dell’esercito canadese.

Era la nostra adattabilità comportamentale Fondamentale per il nostro successo evolutivo. Se Lo confrontiamo con altri primatiGli esseri umani mostrano un minore adattamento fisico al clima. L’adattamento comportamentale è più veloce e più flessibile dell’adattamento biologico. Gli esseri umani lo sono Eroi dell’adattamentoconsentendo loro di abitare quasi tutte le nicchie ecologiche.

Marchio di conversazione

Laura Buckdocente senior di antropologia evoluzionistica, Università John Morris di Liverpool E Kyoko Yamaguchidocente senior di genetica umana, Università John Morris di Liverpool

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione Sotto licenza Creative Commons. Leggi ilArticolo originale.


Iscriviti gratuitamente ad Artificielles, la nostra newsletter sull’intelligenza artificiale, progettata da AI e verificata da Numerama!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *