Satya Nadella, CEO di Microsoft, afferma che basta trattare l’intelligenza artificiale come esseri umani, è solo uno strumento

Satya Nadella, CEO di Microsoft, afferma che basta trattare l’intelligenza artificiale come esseri umani, è solo uno strumento

Satya Nadella ha affermato che gli utenti devono tenere a mente le capacità del software AI.

Una settimana dopo che OpenAI ha presentato un assistente personale in grado di ridere, cantare e parlare con un mix di voci diverse, il partner più stretto dell'azienda ha offerto una prospettiva molto diversa su come le persone interagiscono con gli strumenti di intelligenza artificiale.

“Non mi piace antropomorfizzare l'intelligenza artificiale”, ha detto lunedì a Bloomberg TV Satya Nadella, CEO di Microsoft, riferendosi alla pratica di usare verbi e sostantivi per descrivere l'intelligenza artificiale che di solito è riservata alle persone. “Penso che sia uno strumento.”

I commenti di Nadella sottolineano un dibattito in corso nel settore tecnologico sulla misura in cui i servizi di intelligenza artificiale dovrebbero essere umanizzati in un momento in cui la tecnologia avanza e risponde in modi che sembrano più simili a quelli umani. La settimana scorsa, un dirigente di Google ha dichiarato a Bloomberg che, sebbene sia possibile creare strumenti di intelligenza artificiale che “mostrano emozioni”, l'azienda preferisce concentrarsi sull'”essere molto istruttivi e molto utili”.

OpenAI ha adottato un approccio diverso. La settimana scorsa l’azienda ha presentato un nuovo assistente vocale che, a suo dire, è in grado di comprendere ed esprimere le emozioni. In diversi punti della presentazione, la voce dell'IA sembrava colpire il dipendente che utilizzava lo strumento sul palco. Molti sui social media hanno paragonato il film al film distopico “Her”, un paragone alimentato da una particolare scelta vocale che secondo gli utenti somigliava alla star del film, Scarlett Johansson.

Johansson ha detto in una dichiarazione a NPR che il CEO di OpenAI Sam Altman l'ha contattata e le ha chiesto di prendere in considerazione l'idea di dare voce alla funzione di chat vocale. Secondo Johansson, Altman ha cercato di convincerla che avrebbe potuto “aiutare i consumatori a sentirsi a proprio agio riguardo al cambiamento epocale che riguarda gli esseri umani e l’intelligenza artificiale”. Ha rifiutato e ha detto che da allora ha dovuto assumere avvocati a causa della decisione di OpenAI di andare avanti con una voce simile. (OpenAI da allora ha eliminato l'audio e lo ha sostituito con un altro.)

READ  Si dice che l'iPhone 16 abbia un layout della fotocamera verticale come l'iPhone 12

Ancor prima che ChatGPT portasse l’intelligenza artificiale nella coscienza tradizionale, le aziende tecnologiche spesso davano personalità umane ai loro programmi di intelligenza artificiale, di solito con nomi e caratteristiche in codice femminile, nel tentativo evidente di aiutare le persone a connettersi e a sentirsi a proprio agio con la tecnologia. Anche Microsoft Nadella non è rimasta immune da questo comportamento. Nel corso degli anni l'azienda ha rilasciato diversi chatbot e software di intelligenza artificiale, tra cui Tay e Cortana, che prendono il nome dall'assistente AI femminile di Halo. E chi può dimenticare il personaggio canaglia dell'intelligenza artificiale di Bing, Sydney?

Esiste una tendenza naturale a voler descrivere l’intelligenza artificiale in termini umani, con persone che cercano di spiegare la matematica, i numeri e il codice dietro il software in modi in cui gli utenti possano identificarsi, dicendo cose come l’intelligenza artificiale “impara”. Questa tentazione diventerà più forte man mano che le aziende tecnologiche rilasceranno più prodotti capaci di conversazioni in tempo reale.

Ma nell’intervista, Nadella ha affermato che gli utenti devono rendersi conto che le capacità mostrate dal software AI non sono l’intelligenza umana. “Ha intelligenza, se vuoi chiamarla così, ma non è la stessa intelligenza che ho io”, ha detto.

In effetti, Nadella arrivò al punto di esprimere il suo rammarico per aver scelto il termine “intelligenza artificiale”, coniato per la prima volta negli anni ’50. “Penso che uno dei nomi più sfortunati sia intelligenza artificiale: vorrei che la chiamassimo intelligenza diversa”, ha detto. “Perché ho la mia intelligenza. Non ho bisogno dell'intelligenza artificiale.”

Nadella vuole solo che il software di intelligenza artificiale lo aiuti quando lo desidera. “Penso che questa sia la relazione perfetta.”

READ  3C approva il nuovo telefono Huawei PSD-AL00 5G, che potrebbe appartenere alla serie Nova 13

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *