Gli scienziati dell'Università Nazionale di Singapore hanno scoperto un nuovo modo per attivare le difese naturali delle cellule muscolari contro il cancro utilizzando impulsi magnetici

Gli scienziati dell'Università Nazionale di Singapore hanno scoperto un nuovo modo per attivare le difese naturali delle cellule muscolari contro il cancro utilizzando impulsi magnetici

Questo approccio privo di farmaci e non chirurgico potrebbe aprire le porte a nuovi progressi nel trattamento del cancro e nella scoperta di biomarcatori del cancro

Singapore, 21 maggio 2024 /PRNewswire/ — Un team di ricercatori guidato dal professore associato Alfredo Franco Obregon dell'Istituto per l'innovazione e la tecnologia sanitaria (iHealthtech) dell'Università Nazionale di Singapore ha svelato un nuovo approccio alla stimolazione muscolare, utilizzando l'esposizione a un campo elettromagnetico pulsato breve e delicato . Per produrre e rilasciare proteine ​​che possiedono proprietà antitumorali. Queste molecole chimiche solubili possono quindi essere trasportate nel flusso sanguigno in tutte le aree del corpo per fornire una protezione a livello di sistema contro il cancro.

È noto che l’esercizio fisico ha effetti protettivi contro il cancro, inclusa la riduzione del rischio di cancro al seno, alla prostata e al colon, oltre a migliorare il tasso di sopravvivenza dei pazienti affetti da cancro. Tuttavia, a causa degli effetti debilitanti della progressione del cancro e degli effetti collaterali legati al trattamento, i pazienti affetti da cancro potrebbero non essere in grado di esercitare e beneficiare degli effetti antitumorali dei muscoli.

“Il metodo di stimolazione dei miociti del laboratorio BICEPS utilizza una forma di terapia magnetica che mostra importanti punti in comune con l’esercizio fisico. Quest’ultimo studio ha dimostrato che il nostro metodo non invasivo di stimolazione muscolare mobilita una difesa antitumorale simile all’esercizio fisico, portandoci un passo avanti. per ottenere risultati migliori”, ha affermato il professore associato Franco Obregón: “Sviluppare trattamenti senza farmaci e scoprire biomarcatori correlati al cancro per aiutare i pazienti affetti da cancro a trarre vantaggio dagli agenti antitumorali indotti dall'esercizio fisico.”

READ  Vuoi avere un accesso gratuito in ADSL e passare la fibra? Liberare una soluzione pour vous

Università Nazionale di Singapore (Università Nazionale di Singapore) Il team ha pubblicato i dettagli di questo nuovo approccio non chirurgico e senza farmaci in cellule SU 5 marzo 2024.

Proprietà antitumorali dei miociti stimolati magneticamente

In uno studio precedente, il professor Franco Obregon e il suo team hanno dimostrato che l’esposizione breve di cellule muscolari isolate a 10 minuti di campi magnetici a bassa energia era in grado di promuovere la crescita muscolare stimolando il rilascio di proteine ​​rigenerative e rigenerative nell’ambiente circostante. È noto che questi stessi fattori muscolari nel corpo proteggono anche da malattie comuni come il diabete e il cancro.

Nel nuovo studio, il team ha studiato chiaramente se lo stesso protocollo di stimolazione magnetica potesse promuovere la produzione e il rilascio di agenti antitumorali dal muscolo sano in modelli preclinici e ha identificato e convalidato agenti antitumorali.

Il team dell’Università Nazionale di Singapore ha prima testato la propria ipotesi a livello cellulare, scoprendo che le cellule muscolari sottoposte a terapia magnetica potrebbero inibire la crescita, l’invasione e la migrazione delle cellule del cancro al seno, che sono i segni distintivi dello sviluppo del cancro. Inoltre, è stato scoperto che i miociti stimolati magneticamente sono in grado di ridurre i microtumori e di ridurre l'angiogenesi.

Successivamente, i ricercatori hanno condotto studi preclinici per convalidare i risultati della coltura dei tessuti. Hanno dimostrato che l’esposizione alla terapia magnetica per 10 minuti una volta alla settimana per otto settimane era sufficiente per suscitare proprietà antitumorali simili – come prevenire la crescita, l’invasione e la migrazione delle cellule del cancro al seno – a quelle ottenute esercitando due volte a settimana per 20 minuti al giorno. Il corso dura otto settimane.

READ  Le campagne per giocatore singolo potrebbero tornare nei futuri giochi "Battlefield".

I ricercatori hanno anche dimostrato che un soppressore tumorale precedentemente sospettato, HTRA1, viene secreto dalle cellule muscolari esposte a campi magnetici per 10 minuti a settimana, proprio come l’esercizio fisico per 20 minuti due volte a settimana. È importante sottolineare che la rimozione selettiva dell’HTRA1 secreto dalle cellule muscolari ha eliminato la sua efficacia antitumorale, mentre l’applicazione dell’HTRA1 sintetico direttamente alle cellule tumorali ha ricreato l’effetto antitumorale attraverso l’esposizione al campo magnetico e l’esercizio. Questi risultati dimostrano che HTRA1 è necessario e sufficiente per spiegare l'effetto antitumorale del muscolo.

È interessante notare che HTRA1 è essenziale per lo sviluppo muscolare e per costruire l'arsenale proteico antitumorale del muscolo, contribuendo a rendere i nostri muscoli la nostra più grande difesa naturale contro il cancro. A questo proposito, i ricercatori hanno dimostrato che l’esposizione precoce di cellule muscolari isolate (in coltura tissutale) all’HTRA1 ne ha stimolato la crescita e ne ha aumentato l’efficacia antitumorale.

In altre parole, HTRA1 può adattare le cellule muscolari all’esterno del corpo per diventare migliori secretrici di agenti antitumorali anche quando non stimolate da campi magnetici, ricapitolando essenzialmente gli adattamenti all’esercizio in vitro normalmente osservati nel corpo.

“Il rilascio di HTRA1 durante l’esercizio può far sì che i muscoli si adattino per essere in grado di secernere HTRA1 anche a riposo. Ciò aiuta a spiegare perché l’esercizio ci rende più resistenti al cancro trattamento Con il campo magnetico, il professore associato Franco Obregón ha affermato: “Può essere una ricetta poco costosa ma è efficace”.

Prossimi passi

Facendo seguito ai promettenti risultati di questo studio preclinico, il team NUS sta avviando studi clinici per valutare il potenziale antitumorale della terapia magnetica mirata ai muscoli negli esseri umani e per confermare gli effetti antitumorali di HTRA1 negli esseri umani con seno e altri tumori.

READ  Il potere del futuro: le cellule sintetiche

Il team attende inoltre con impazienza ulteriori studi per identificare altri biomarcatori antitumorali prodotti e rilasciati dalle cellule muscolari, che potrebbero fungere da potenziali bersagli per lo sviluppo di farmaci e terapie per il trattamento del cancro. Poiché i muscoli sono la base del ringiovanimento e dei fattori che combattono le malattie, questo approccio dovrebbe essere molto fruttuoso.

Leggi di più da: https://news.nus.edu.sg/muscle-cells-natural-defences-against-cancer-using-magnetic-pulses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *