La funzionalità di rimozione generativa di Adobe basata sull'intelligenza artificiale in Lightroom cancella gli oggetti antiestetici in pochi secondi

La funzionalità di rimozione generativa di Adobe basata sull'intelligenza artificiale in Lightroom cancella gli oggetti antiestetici in pochi secondi

Il bombardamento fotografico è morto. Adobe sta aggiungendo ai suoi file una funzionalità di rimozione genetica basata sull'intelligenza artificiale Editor di foto per Lightroom Ciò rende molto semplice eliminare gli elementi indesiderati, come quel ragazzo fastidioso sullo sfondo. La nuova funzionalità è in fase di beta testing pubblica, ma funzionerà nell'ecosistema Lightroom sia che utilizzi l'app su dispositivo mobile, desktop o sul Web.

Genetic Remove di Lightroom utilizza il motore AI Firefly di Adobe per sostituire senza problemi gli elementi indesiderati. Dipingi semplicemente sull'area che desideri rimuovere e Lightroom invierà tali informazioni ai server Firefly di Adobe, che quindi elaboreranno i dati e li rispediranno. Nelle demo pubblicate da WIRED, questo processo non richiedeva più di pochi secondi, anche se le prestazioni dipenderanno dalla velocità della tua connessione Internet.

A differenza di Adobe Photoshop Immagine di riferimento La funzionalità, lanciata meno di un mese fa e consente agli utenti di creare nuove foto utilizzando Firefly, le funzionalità AI di Lightroom si concentrano fortemente sul flusso di lavoro del fotografo.

L'area evidenziata mostra cosa verrà rimosso.

Per gentile concessione di Adobe

Schermata di Adobe Lightroom

Puoi utilizzare insieme Object Aware e AI generativa.

Per gentile concessione di Adobe

Una delle cose più difficili da fare quando si modificano le foto è rimuovere gli elementi che distraggono. Questo di solito viene fatto utilizzando strumenti come Content Aware Remove in Lightroom, che nascondono gli oggetti abbinando le aree circostanti. Funziona bene in piccole situazioni in cui gli sfondi non sono troppo travolgenti per il programma. Ad esempio, rimuovendo un palo del telefono contro un cielo azzurro. Ma quanto più grande è l'oggetto da rimuovere e quanto più complesso è lo sfondo, tanto più difficile e dispendioso in termini di tempo diventa.

Lo strumento di rimozione generativa di Firefly può fare la stessa cosa ma con oggetti molto più grandi su qualsiasi sfondo. Adobe ha ridotto ciò che prima richiedeva ore e notevoli competenze tecniche con un clic del mouse e pochi secondi di elaborazione. Ora tutti sono maghi di Lightroom. Inoltre, a differenza di altri strumenti di ritocco, che offrono il meglio che possono, Geneative Remove crea tre diverse versioni e ti consente di scegliere quella che sembra migliore.

Sebbene lo strumento Geneative Remove sia impressionante e utile, potrebbe sembrare un po' familiare, soprattutto a chiunque utilizzi Google Immagini. Queste nuove funzionalità non offrono molto che lo strumento Gomma magica di Google non possa già fare. Inoltre non abilita nulla come l'editor magico di Google, che ti consente di modificare l'illuminazione di una scena o tagliare e incollare soggetti all'interno di una scena.

Lo strumento Geneative Remove di Adobe riflette gli usi precedenti dell'intelligenza artificiale da parte dell'azienda, come lo strumento di rimozione del rumore basato sull'intelligenza artificiale dell'anno scorso, che si è basato sugli strumenti di rimozione del rumore esistenti, rendendoli migliori anziché aprire nuovi orizzonti in modi importanti. Penso che questo sia ciò che realmente vogliono i fotografi che lavorano: strumenti migliori, piuttosto che nuove funzionalità appariscenti. Adobe sembra contenta di lasciare ad altri gli strumenti più drammatici basati sull'intelligenza artificiale, come riorganizzare una scena dopo il fatto.

READ  I file di progettazione di iPhone 16 Pro mostrano un pulsante di azione più grande, un nuovo pulsante di acquisizione e altro ancora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *