Samsung conferma che gli hacker hanno rubato il codice dello smartphone Galaxy

Samsung conferma che gli hacker hanno rubato il codice dello smartphone Galaxy

Le informazioni sono ancora scarse, ma Samsung ha sicuramente visto l’accesso a informazioni sensibili. Gli hacker hanno annunciato questa situazione lo scorso fine settimana, dimostrando la loro capacità di portare a termine questo attacco.

Con così tanto in gioco, Samsung ha deciso di aprire il gioco e rivelare le informazioni che già aveva. Ha confermato l’attacco, ma ha confermato che nessuna informazione personale è stata rubata ai suoi clienti o dipendenti.

I responsabili di questo attacco sono ben noti, compresi i portoghesi. Il gruppo Lapsus$ è stato responsabile di diversi attacchi nel nostro Paese, che hanno portato alla perdita di informazioni da parte di alcuni media e di altre regioni.

Questa volta la vittima è stata Samsung, che ha visto rimuovere 190 GB di dati dai suoi server. La società ha ora riconosciuto pubblicamente il problema e si è assicurata di adottare tutte le misure necessarie per evitare che questa situazione si ripresenti nel prossimo futuro.

Si è verificata una violazione della sicurezza relativa ad alcuni dati interni dell'azienda.

Secondo la nostra analisi iniziale, la violazione include del codice sorgente relativo alla gestione dei dispositivi Galaxy, ma non include le informazioni personali dei nostri clienti o dipendenti.

Al momento non prevediamo alcun impatto sulla nostra attività o sui nostri clienti. Abbiamo implementato misure per prevenire ulteriori incidenti di questa natura e continueremo a fornire un servizio continuo ai nostri clienti.

Da quanto ha rivelato l'azienda, il furto si concentrerà sul suo software. In particolare, verrà fornito il codice sorgente per il software di gestione dei dispositivi mobili della famiglia Galaxy, che è un problema futuro per Samsung.

READ  I giocatori di Zelda: Skyward Sword HD hanno segnalato un frustrante bug di Soft-Lock

Nei dati che hai fornito, Samsung ha finito per non confermare né negare l'identità degli aggressori ai suoi sistemi. Tuttavia, da quanto hanno rivelato gli aggressori nel fine settimana, si è rivelato essere opera del gruppo $Lapsus.

Questo stesso gruppo è stato responsabile dell'attacco NVIDIA. In questo caso, l'azienda è finita per essere ricattata dagli aggressori, che volevano rimuovere i limiti del mining di criptovalute da alcune GPU. Non è noto se Samsung in questo caso dovrà affrontare una situazione simile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *