Risolvere finalmente il mistero della relazione mente-corpo? Scoperta di una nuova rete nella corteccia motoria

Risolvere finalmente il mistero della relazione mente-corpo?  Scoperta di una nuova rete nella corteccia motoria

Si ritiene che la rete recentemente scoperta nella corteccia motoria sia il centro della connessione mente-corpo, rivoluzionando la nostra comprensione della struttura funzionale di questa regione del cervello. Questa rete sarebbe coinvolta sia nel pensiero che nella pianificazione, oltre a controllare le funzioni corporee involontarie.

Per decenni, i neuroscienziati hanno convenuto che la corteccia motoria costituisce una struttura somatica continua (una posizione nel sistema nervoso delle strutture corrispondenti di diverse parti del corpo). Questa comprensione si basa sul lavoro di Wilder Penfield, un famoso neurochirurgo che ha mappato le regioni motorie del cervello nel 1930. Per mappare queste regioni, è stata applicata una lieve stimolazione elettrica al cervello dei pazienti sottoposti a intervento chirurgico. Analizzando le risposte di ciascuna area, ha scoperto che la stimolazione di una stretta striscia di tessuto, compressa tra il cervello destro e sinistro, provoca contrazioni in alcune parti del corpo.

Queste aree di controllo motorio sono disposte esattamente nello stesso ordine delle aree del corpo che controllano. Le aree che controllano le dita dei piedi si trovano in modo significativo a un’estremità della fascia di tessuto, mentre le aree che controllano il viso si trovano all’estremità opposta. Questa scoperta ha permesso al neurochirurgo di creare una mappa rappresentata sotto forma di omuncolo, che è diventata un punto fermo in tutti i libri di testo di neuroscienze.

:: La maglia che sostiene la bandiera! ::

Tuttavia, alcune delle funzioni controllate dal cervello confondono i neuroscienziati. Ad esempio, il meccanismo mediante il quale l’ansia fa sì che alcune persone accelerino o eseguano altri movimenti nervosi rimane un mistero. Molte altre domande rimangono senza risposta, come ad esempio: perché la stimolazione del nervo vago, che regola le funzioni autonome degli organi interni, può alleviare la depressione? Perché le persone che si esercitano regolarmente si sentono bene in generale? …

READ  I ricercatori cinesi sviluppano una batteria impiantabile che funziona con l'ossigeno corporeo!

affiliato ricerca Precedenti studi hanno suggerito una connessione cervello-corpo-mente e hanno messo in discussione il lavoro di Penfield. Ricorda che la memoria, l’attenzione, la logica, l’intuizione, la risoluzione dei problemi, la capacità di comunicare, l’emozione (in teoria) e persino il subconscio sono le caratteristiche principali della mente. Tuttavia, la mancanza di prove e la notorietà della mappa di Penfield hanno fatto sì che questa ricerca fosse accantonata. ” Una volta che abbiamo iniziato a scavare, abbiamo trovato molti dati pubblicati che non corrispondevano del tutto alle sue idee e spiegazioni alternative che sono state trascurate. », Spiegare Co-autore principale del nuovo studio, Nico Duesenbach, MD, professore associato di neuroscienze presso la University of Washington School of Medicine.

Il nuovo studio descritto nella rivista naturaoffre una sintetica retrospettiva di questi studi e nuove forti prove della relazione mente-corpo. I risultati gettano nuova luce su nuove parti della corteccia motoria del cervello coinvolte nel ragionamento e nella pianificazione, nonché nel controllo delle funzioni fisiologiche involontarie (come la regolazione della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca). Contrariamente alle ipotesi precedenti, la corteccia motoria formerebbe così una struttura somatica discontinua.

Area di pensiero e pianificazione

Come parte della loro ricerca, Duesenbach e colleghi hanno replicato il lavoro di Penfield utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI) di sette adulti sani. Quindi, hanno progettato mappe cerebrali individuali per ciascun partecipante e hanno confrontato i risultati con un set di dati di scansione cerebrale di quasi 50.000 persone.

I ricercatori sono rimasti sorpresi nello scoprire che le mappe di Penfield non corrispondevano esattamente ai risultati. Le aree che controllano i piedi, le mani e il viso sono identiche a quelle sulla mappa. Al contrario, altre tre piccole regioni si trovano tra queste tre regioni e sembrano essere coinvolte solo indirettamente nel controllo del movimento, nonostante siano localizzate nella corteccia motoria.

READ  Lo stadio principale del missile cinese cadrà a terra in maniera incontrollabile

I tre punti colorati situati in ciascun emisfero cerebrale indicano aree specifiche associate ad aree coinvolte nel pensiero, nella pianificazione e nel controllo delle funzioni corporee di base. Più caldo (rosso) è il colore, maggiore è la densità delle maglie. © Università di Washington

Vuoi rimuovere gli annunci dal sito
Pur continuando a sostenerci ?

È semplice, basta registrarsi!

Al momento, 20% di sconto Sull’abbonamento annuale!

Queste tre nuove aree saranno diverse da quelle che controllano il movimento, essendo particolarmente sottili e fortemente connesse tra loro, così come aree del cervello coinvolte nel pensiero e nella pianificazione, eccitazione mentale e dolore, controllo del movimento, organi interni e funzioni fisiologiche. Inoltre, la risonanza magnetica funzionale ha dimostrato che queste regioni si attivano quando una persona sta pensando di eseguire un movimento e si ferma quando il movimento viene eseguito.

I ricercatori ritengono che queste saranno le aree in cui la mente si attiva e inizia a orientarsi verso gli obiettivi. ”
Lo spirito lavora per agire con tale successo nell’ambiente che puoi raggiungere i tuoi obiettivi senza ferirti o ucciderti dice Dosenbach. Quindi ha senso che le aree motorie siano associate a processi esecutivi e fisiologici come la frequenza cardiaca e la sensazione di dolore. ”
Se ne calmi uno, dovrebbe avere un effetto di feedback sull’altro. afferma Evan M. Gordon, autore principale dello studio e assistente professore di radiologia presso l’Università di Washington.

I ricercatori hanno soprannominato queste nuove connessioni Somatic Cognitive Action Network (Mind-Body) o SCAN. Ulteriori esperimenti hanno anche dimostrato che questa rete è rilevabile solo nei bambini dall’età di 1 anno e diventa visibile come negli adulti dall’età di 9 anni. Facendo osservazioni su altri mammiferi, scoprì che la rete era meno estesa e più primitiva nelle scimmie. Gli autori dello studio suggeriscono che la rete SCAN cresca come un organismo vivente che esegue una pianificazione e un pensiero complessi.

fonte : natura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *