Israele e gli Emirati Arabi Uniti stanno collaborando per perfezionare il calcolo quantistico

Israele e gli Emirati Arabi Uniti stanno collaborando per perfezionare il calcolo quantistico

Questa ricerca è stata condotta con il finanziamento della Israel Science Foundation

Un progetto guidato da un gruppo di ricercatori della Bar-Ilan University israeliana, in collaborazione con il TII – Quantum Research Center di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, sta facendo progredire il calcolo quantistico migliorando le prestazioni di calcolo di base di un processore quantistico superconduttore.

Il qubit migliorato, chiamato “qubit di flusso superconduttore sintonizzabile”, è un anello superconduttore di dimensioni micron in cui la corrente elettrica può fluire in senso orario, antiorario o in qubit superconduttori in entrambe le direzioni.

Queste caratteristiche consentiranno al computer di essere più veloce e più potente di un normale computer. Per sfruttare la velocità potenziale, un computer quantistico deve eseguire diverse centinaia di qubit contemporaneamente senza che interferiscano inavvertitamente tra loro.

Come tecnologia alternativa a quella che si trova oggi nei processori quantistici, i qubit di flusso superconduttori presentano diversi importanti vantaggi: primo, sono molto veloci e affidabili; In secondo luogo, potrebbe essere più semplice inserire molti qubit in un processore rispetto alla tecnologia attualmente disponibile.

George Jobet/AFPdonna davanti al computer

Paragonando un computer quantistico a un pianoforte, il dottor Michael Stern, del Dipartimento di Fisica e del Quest Center dell’Università Bar-Ilan, ha detto: “Immaginate di voler suonare una certa nota sul pianoforte, ma accidentalmente e simultaneamente suonate un numero di tasti, perché la distanza tra i tasti non è abbastanza grande.Ha spiegato che uno dei principali vantaggi della trasmissione qubit è che il “pianista” può sempre produrre il suono che vuole grazie all’importante separazione dei “tasti” .

Nicholas Asfouri/AFP
Nicholas Asfouri/AFP

Per rimanere con l’analogia del pianoforte, una complicazione tecnologica che i qubit in streaming hanno dovuto affrontare fino a poco tempo fa era la difficoltà nel controllare e cambiare il loro “tono”. Era praticamente impossibile cambiare la frequenza di un flusso di qubit senza distruggerne la coerenza. Questa ricerca è stata condotta con il finanziamento della Israel Science Foundation (ISF).

READ  Test visivo: riuscirai a trovare il cane in 7 secondi? Solo il 2% riesce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *