Quattro musei americani restituiscono in Italia più di 200 manufatti antichi

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ha annunciato la decisione di restituire 200 oggetti confiscati dai principali musei e collezioni, molti dei quali legati a un antiquario.

Tra le altre cose, il Museo di arte greca, etrusca e romana della Fordham University ha consegnato circa un centinaio di oggetti e sette oggetti per un valore di $ 2 milioni sono stati confiscati dal Getty Museum di Los Angeles. La maggior parte delle antichità sono state confiscate dai musei di San Antonio e Cleveland e dalle gallerie e dalle case di New York e Long Island.

L’operazione tranquilla e metodica dell’ufficio del procuratore generale di Manhattan ha portato un uomo di nome Eduardo Almagià, un commerciante di antichità di 70 anni con sede a Roma, a essere coinvolto in un importante contrabbando di contrabbando negli ultimi 30 anni.

Centocinquanta manufatti Magia e altri cinquanta oggetti legati ad altri sospetti trafficanti sono stati consegnati al consolato italiano a New York, e i funzionari dicono che questo è il più grande rimpatrio di manufatti dall’America all’Italia.

Vasi decorati, brocche, figurine di marmo e figurine di porcellana del valore di $ 10 milioni sono stati mostrati per diversi anni nelle gallerie dei musei e nelle collezioni private degli Stati Uniti, sebbene la loro presenza sia stata la prova di crimini contro il patrimonio culturale.

Il Museo di arte greca, etrusca e romana della Fordham University ha donato quasi un centinaio di oggetti, tra cui questa urna raffigurante le imprese di Ercole. Foto: via Fordham University

A causa del passare del tempo e dell’obsolescenza dei crimini commessi da Almagià, le autorità italiane hanno reso difficile procedere al suo arresto, ma come ha affermato Roberto Riccardi, capo della squadra di polizia italiana che si occupa delle antichità, “Che cos’è la cosa più importante è che questi importanti reperti archeologici tornino indietro e facciano parte della nostra identità”. culturale”.

READ  L'Italia blocca un altro yacht per oligarchi russi per 530 milioni di euro

Gli investigatori hanno affermato che gli individui e le istituzioni che possiedono gli oggetti li hanno consegnati volontariamente dopo aver appreso del coinvolgimento di Al Majia. La maggior parte di loro ha acquistato gli articoli da intermediari che li hanno acquistati da Mr. Almagià, un laureato di Princeton che vive a New York, e ha venduto opere d’arte lì dal 1980 al 2006.

Parlando del sequestro di questi pezzi, Matthew Bogdanos, assistente del procuratore generale responsabile dell’Unità commerciale per le antichità, ha dichiarato: “Beni rubati”.

Almagià è indagata dalle autorità statunitensi per contrabbando di centinaia di articoli italiani negli Usa e per aver fornito documenti doganali falsi. “Ci sono migliaia di documenti che viaggiano in tutto il mondo senza documenti richiesti ora, ma in passato non c’erano tali requisiti”, ha detto Almagià, riferendosi al commercio di antichità romane rigorosamente regolato dalla legge italiana e da accordi di lunga data tra l’Italia. . e gli Stati Uniti.

Titolo: Via l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan

Poche settimane fa, Almagià è stato indagato per aver venduto al miliardario Michael H. Steinhardt dieci dei 180 oggetti sequestrati perché rubati dalle sue collezioni, e in precedenza aveva avuto altre avventure con l’autorità giudiziaria e la polizia. Nel 2012, un tribunale italiano lo ha assolto dall’accusa di saccheggio di antiche tombe romane ed etrusche. Tuttavia, il tribunale ha confermato la confisca di tutti gli oggetti in suo possesso. Il Magia ammise di aver venduto antichità dall’Italia a musei americani che senza dubbio furono trafugate dagli scavi, ma di scarsa importanza.

READ  Maltempo "Ballos" - lavorare per proteggere i distributori

Matthew Bogdanos, il procuratore generale di New York, ha affermato che New York era il “luogo del complotto” e che le cose dovrebbero essere restituite ai legittimi proprietari, indipendentemente da dove e quando sono state rubate.

I quattro musei coinvolti nel caso hanno affermato che dopo aver esaminato i dati della procura, hanno deciso volontariamente di restituire gli oggetti relativi all’Almagià.

Quattro musei americani restituiscono in Italia più di 200 manufatti antichi
Betho del VII secolo a.C. dal Getty Museum. Foto: tramite l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan

La Fordham University ha consegnato quasi un centinaio dei 260 oggetti donati nel 2007 dal suo alunno William de Walsh, morto nel 2013 e non sapeva da dove venissero, hanno detto i ricercatori. La sua collezione comprendeva manufatti greco-romani risalenti almeno al 700 aC. Ed esempi universali di ceramica.

La sua donazione ha permesso all’università di creare un museo gratuito, istituto di insegnamento e ricerca dedicato allo studio dell’arte antica del Mediterraneo. Uno degli oggetti confiscati, una brocca di argilla alta 19 pollici raffigurante le piume di Ercole, è apparsa sulla copertina del catalogo del museo nel 2012.

“La maggior parte degli oggetti donati in dono al Getty sono stati accettati 25 anni fa”, ha dichiarato il Getty Museum in una nota. “Ogni volta che arrivano nuove informazioni sull’origine degli oggetti, conduciamo una revisione completa e restituiamo gli oggetti se questi nuove scoperte lo giustificano”.

Quattro musei americani restituiscono in Italia più di 200 manufatti antichi
Titolo: Via l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan

“Siamo lieti che il procuratore generale abbia annunciato ufficialmente che i pezzi saranno ora restituiti al governo italiano”, ha affermato il Museo d’arte di San Antonio, che ha consegnato cinque vasi, tavolette greco-romane e una collezione di pezzi di ceramica. “Continueremo a lavorare attivamente per affrontare qualsiasi rivendicazione legale di proprietà di cui il museo sia a conoscenza”. Il Cleveland Museum of Art ha anche affermato di aver accettato di confiscare tre oggetti acquistati direttamente dal signor Almagià a metà degli anni ’90.

READ  Η μό μόσχα σχεδιάζει να βιντει να βιντεοσκοπήσει ψεύτικη επίθεση της ενκρανίας εναντίον της ρωσίας

Matthew Bogdanos ha affermato di aspettarsi ulteriori confische e azioni legali relative al caso Majia. Pubblicarlo sarebbe difficile, ma ha aggiunto che “ci sono molti altri musei che custodiscono reperti dei suoi traffici in tutto il paese”.

Segui lei LiFO.gr su Google News E sii il primo a conoscere tutte le novità

Trova le ultime notizie dalla Grecia e dal mondo su LiFO.gr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.