Nazioni Unite: le morti di rifugiati e migranti nel Mediterraneo risalgono

Un’altra barca di profughi è affondata nel Mediterraneo centrale la scorsa settimana, portando a 160 dal 1 ° gennaio il numero totale di persone che hanno cercato di attraversare l’Africa verso l’Europa.

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, almeno 41 persone sono annegate nel nuovo relitto quando la loro nave si è capovolta a causa del sovraccarico, due giorni dopo aver lasciato la Libia per l’Italia.

La nave trasportava 120 persone, comprese sei donne, una delle quali incinta e quattro bambini.

Come ho già detto telegrafo15 ore dopo la partenza, la barca ha iniziato ad annaffiare. Otto persone sono annegate non appena sono cadute in mare. Dopo tre ore, una barca di salvataggio si è avvicinata a loro e non ha potuto salvare nessun altro, poiché l’operazione è stata molto difficile.

Delle 41 persone ritenute morte, solo una è stata trovata.

“Il salvataggio di rifugiati e migranti a rischio nel Mediterraneo deve tornare ad essere una priorità per l’Unione europea e la comunità internazionale”, hanno affermato in un comunicato le Nazioni Unite.

Delle 3.800 persone arrivate sulle coste italiane nel 2021, 2.500 hanno lasciato la Libia. Chi è stato rimpatriato dall’Italia deve affrontare torture, sfruttamento e reclusione.

Una donna afgana incinta ha cercato di darsi fuoco

Nel frattempo, una donna rifugiata afgana di 26 anni, incinta di otto mesi e madre di altri due bambini, domenica scorsa si è data fuoco nella tenda dove si trovava, nel campo temporaneo di Kara Tepe a Lesbo.

La donna, una rifugiata riconosciuta che si è trasferita a Lesbo con i suoi figli da sola, avrebbe dovuto lasciare Mytilene mercoledì scorso per la Germania, ma all’ultimo minuto è stato detto che non poteva essere fatto immediatamente a causa della sua gravidanza avanzata.

READ  Dodecaneso dall'antichità all'integrazione della cucina, ai viaggi e ai viaggi

Domenica mattina, ha portato i suoi figli fuori dal palco e si è data fuoco per protesta. Con l’intervento del personale del KYT e di altri richiedenti asilo che vi risiedono, l’incendio è stato spento e la ragazza di 26 anni con ustioni è stata portata all’ospedale di Mytilene, dove viene curata per il pericolo, mentre è stata anche esaminata psicologicamente.

Come si è saputo, la donna sarebbe stata trasferita all’ufficio del pubblico ministero a Mitilene, con le scuse per la sua accusa di incendio doloso fino al punto di diventare un crimine.

I rifugiati a Kara Tepe scavano una buca fuori dalle loro tende per evitare inondazioni – Intime / Lagouraris Manolis

Un portavoce dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati ha detto che la situazione nel campo improvvisato di Kara Tepe, che è stato allestito dopo l’incendio di Moria a settembre, è rimasta incerta e che il lavoro continua a migliorare le condizioni di vita.

Rifugiati e richiedenti asilo che vivono in tenda soffrono di cattive condizioni igieniche e maltempo, poiché sono esposti al freddo, mentre le loro tende sono spesso allagate dalla pioggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *