Quando si viaggia in Italia, ecco tutti gli errori da evitare secondo gli italiani

Quando si viaggia in Italia, ecco tutti gli errori da evitare secondo gli italiani

turismo – ” A Roma fate come fanno i romani “Questo aforisma attribuito ad Ambrogio di Milano, rivolto a sant’Agostino, non è invecchiato per niente. Senonché i turisti stranieri, che affollano l’Italia tutto l’anno e soprattutto d’estate, non sempre sembrano tenerlo presente durante il loro soggiorno Alpi Abbiamo chiesto agli italiani di elencare i comportamenti che li disturbano.

Il cappuccino è a colazione, non dopo

In prima linea nelle lamentele c’è l’etichetta del cibo e dei pasti. E in questo ambito gli errori sono tanti, se dobbiamo credere agli italiani che ho intervistato.

Nella top 1 dei comportamenti scioccanti nei ristoranti: bere il cappuccino nel pomeriggio. ” I turisti bevono il cappuccino a qualsiasi ora, ma soprattutto all’aperitivo o durante i pasti! “, arrabbiata Sophia, insegnante di 30 anni.

Latte fresco su un tavolo bianco, bevanda a base di caffè espresso e latte cotto a vapore.
Frank Lee/Getty Images Latte fresco su un tavolo bianco, bevanda a base di caffè espresso e latte cotto a vapore.

Frank Lee/Getty Images

Ricordatevi che il cappuccino va bevuto solo a colazione.

Il cappuccino va bevuto al mattino, a colazione, e non è consentito durante gli altri pastiAggiunge Elissa, che vive a Milano. Sì, tutto ciò che riguarda i pasti per noi italiani è sacro. » Anche il caffè lungo non è comune. ” Non ce l’abbiamo! “Sofia ricorda.

READ  Germania e Italia stringono le viti ... aspettando la Francia?

Tabella, campo errore

Attenzione anche alla disposizione dei piatti. ” I turisti seduti a tavola vogliono mangiare tutti i piatti contemporaneamente, noi rispettiamo il sistema, non possiamo confondere tutto così! “, Scusa Sofia. E già che ci siamo: la pasta non è un accompagnamento alla carne nel piatto principale, bensì una parte del piatto principale. Premi BayatiInviato più tardi Antipasti (principianti) e prima secondo (Piatti di carne e pesce).

Anche il modo in cui maneggi il coltello può farti rabbrividire. ” Non mi piace quando i turisti tagliano la pasta, dice Gabriele, insegnante 31enne di Torino.

Altro tema che esaspera il trentenne: la scelta dei condimenti. Qual è secondo lui il crimine più atroce? “Ketchup o ananas. »

Come direbbe Sophia: In Italia la pizza con ananas, ketchup e maionese è vergognosa! Per noi è impossibile capirlo. » Meglio quindi evitare di ordinare una pizza hawaiana quando si visitano i nostri vicini d’oltralpe (il nostro consiglio: in generale, è meglio evitare di ordinare una pizza hawaiana ovunque).

Evita l’imitazione dei cartoni animati

L’italiano è certamente una lingua lirica, e a volte il bisogno di farla propria è davvero irresistibile. Ma attenzione a non parlarne ed evitare caricature, che potrebbero infastidire o addirittura danneggiare la gente del posto. ” Alcune persone gesticolano come gli italiani, ma i loro movimenti non hanno significatoSi prende gioco di Gabriele. È meglio che facciano meno gesti, ma almeno li padroneggino correttamente. »

I Trenta valutano anche alcuni luoghi comuni che possono diventare rapidamente esasperanti. “ Alcuni turisti gridano parole italiane senza motivo, come “pizza, mafia, mandolino”. Solo che nessuno suona il mandolino e non siamo una mafia orgogliosa. »

READ  A Lot-et-Garonne, un centro di parchi per far dimenticare anni di insuccessi

In generale, vanno evitate battute o commenti sulla mafia, nonché riferimenti persistenti alla mafia Padre spirituale Quando si attraversa la Sicilia. C’è un altro luogo comune difficile da ignorare e che può essere compreso: “ Quelli che dicono che tutti gli italiani sono fascisti non sono mai simpatici “dice Gabrielli.

Infine, un piccolo consiglio da Sofia: adattatevi al ritmo locale sulla strada. Sì, guidare i turisti in macchina a volte può aggiungere stress! ” Vanno molto lentamente, non alla maniera italiana L’insegnante si arrabbiò.

Vedi anche su HuffPost :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *