Quali perdite calcola Focus a causa di misure

per lui George Lampre

Un nuovo ciclo di oneri, sia in termini di psicologia dei clienti che visitano i negozi, sia in termini di entrate, stimano che porteranno a noti imprenditori nel campo della ristorazione, le ultime misure oggi in vigore e in sostanza verrà vietata la presenza di cittadini non vaccinati all’interno, solo chi è stato vaccinato, ha contratto la malattia negli ultimi sei mesi, o si è sottoposto a PCR o test rapido potrà uscire all’aperto.

Parlando con Capital.gr, chef e ristoratore, Farolco, Lefteris Lazaro, Spiros Liakos, ristoratore, Peace Grill, Travolta, Kokovaya, Gaston, Hocott e Jason Tsaruchas, proprietario di Steakhouses”, ognuno descrivendo l’immagine dal proprio punto di vista vista, ma anche gli effetti delle nuove misure da un lato, ma anche il rifiuto di molti nostri concittadini dall’altro di farsi vaccinare.

Lefteris Lazarou: È triste chiedere l’identità dei clienti che vengono nel mio negozio da 30 anni

Lo chef e proprietario del ristorante di Varoulko, Lefteris Lazarou, stima che le nuove misure riguarderanno principalmente i negozi con spazi all’aperto, poiché il traffico sarà limitato a questo livello, poiché molte attività commerciali hanno avuto un’uscita da un’esistenza precedente. Restrizioni al ritiro dei clienti al chiuso. “D’altra parte, le persone stanno iniziando a rendersi conto che per tornare alle loro abitudini quotidiane e partecipare agli eventi sociali, hanno bisogno di essere vaccinati. Tuttavia, i primi giorni delle nuove procedure creeranno sicuramente una spaccatura”.

Secondo il sig. Lazaro, nei ristoranti di alta gastronomia come il suo, i problemi di potenziale frequentazione dei clienti non vaccinati, sono più limitati rispetto ad altre aziende del settore. “Tuttavia, è triste che io stia alla porta così spesso per salutare i miei clienti di età compresa tra i 25 e i 30 anni, in modo che non si sentano a disagio quando gli viene chiesto chi sono. Sarò onesto, se fossi stato in un ristorante negli ultimi 30 anni, sarei rimasto sorpreso quando mi è stato chiesto all’improvviso la mia carta d’identità, tuttavia, per poter eseguire efficacemente le procedure di controllo del certificato di vaccinazione, ho dovuto assumere due ragazze alla reception, il che ha aumentato la mia operatività costa circa 1800 dollari al mese, che in pratica significa circa 20.000 euro all’anno. I dipendenti interessati incontrano un cliente imbarazzante o qualcuno che vuole ingannarli con un certificato di terze parti o un altro documento, cosa che è successa di recente. I fenomeni sono fortunatamente limitato”.

READ  "Sta attento nonostante abbia un po 'di pollice in su."

ος λιακος

Spyros Lyakos: Le persone hanno bisogno di socializzazione e intrattenimento, non solo di uscire a mangiare

Per Spyros Liakos, proprietario di diversi ristoranti famosi come Base Grill, Travolta, Cookoovaya, Gastone, Hoccut e la ristorazione al chiuso “è comunque qualcosa che è finita. Abbiamo sperimentato molti cambiamenti, ogni volta” da D’altra parte, i nostri negozi hanno stabilito una base di clienti stabile, grazie alla quale continuano a fidarsi di noi anche in queste circostanze speciali”.

“Le persone vogliono essere affascinate e non essere deluse dal loro uscire”.

“Il difficile non è quanti o chi entreranno nei negozi. Quello che dobbiamo capire è che mangiare al ristorante non è una forma di necessità, ma soprattutto voglia di socializzare e divertire le persone che vogliono incantare e non essere deluso come è stato di recente, quindi non basta solo andare a mangiare fuori, ci sono altri standard che sono necessari per l’intero settore, e secondo me il fattore principale nel nostro lavoro si chiama psicologia, penso che in Alla fine, tutte queste azioni arrivano a pesare sulla psiche del mondo”.

Come sottolinea, i negozi che gestisce dipendono molto dagli interni esistenti, il che significa che le persone che chiamano al telefono per prenotare un tavolo sanno in anticipo che devono essere vaccinate. “Tuttavia, c’è molta frustrazione in alcune persone quando chiediamo un certificato rapido o un certificato di vaccinazione e molte volte ci maledicono perché pensano che stiamo rovinando loro la notte”.

“E’ ironico che uno rifiuti di farsi vaccinare”

“Inizialmente il pubblico che abbiamo perso era molto più grande. Ora la maggior parte delle persone conosce le procedure in atto, e quindi ci sono molte meno persone a cui diremo che non possiamo accogliere. In ogni caso, trovo ironico che qualcuno rifiuti la vaccinazione”. Alla fine, penso che sia inutile passare attraverso tutto questo processo con divieti e restrizioni. Perché è diverso avere il 10% di persone che non seguono le regole ed è diverso non seguire il 50%”.

READ  La pandemia COVID-19: la ripresa economica tanto attesa nell'Eurozona

Preoccupazione in caso di nuova chiusura

“La mia opinione è che questa situazione deve finire e dobbiamo prendere alcune decisioni. Non ha senso punire il nostro insegnante per l’ortografia corretta. Sono stato nel Regno Unito due volte a novembre e funziona come un paese ‘I negozi sono non è pieno di coronavirus, i negozi sono pieni, dentro e fuori non ci sono controlli di certificazione e nemmeno in metro è obbligatorio l’uso della mascherina.

Tuttavia, è più preoccupato per la possibilità di una nuova chiusura nel periodo natalizio, piuttosto che per il fatto che le persone vaccinate e non vaccinate saranno ammesse o meno nei negozi. “Ora è chiaro che non abbiamo la forza per affrontare un nuovo arresto come economia”.

ασων τσαρουχας

Iason Tsarouchas: “Abbiamo già perso il 30% delle nostre vendite, meglio lavorare solo con la consegna”

Quanto alle perdite fino al -30% in tutti i negozi di proprietà della catena di steakhouse, “il capo”, cita il proprietario dell’azienda, Eson Tsaruchas. “Abbiamo già raggiunto il -30% in termini di vendite dall’inizio del ‘divieto precedente’ che consentiva solo ai clienti vaccinati o testati in laboratorio di visitare i nostri negozi”, osserva in modo caratteristico.

Apprezza persino che “sarebbe meglio se interrompessero completamente le nostre operazioni, come è avvenuto l’anno scorso, e servissero solo con la consegna, poiché avremmo infatti costi operativi molto più bassi nei nostri negozi. E questo dimostra fino a ieri domenica quando era Il tempo è primavera e abbiamo avuto modo di lavorare di più nelle aree esterne dei nostri negozi, tutti i negozi tranne Glyfada sono in calo dal -10 al -15% rispetto a quanto accadrà consecutivamente nel fine settimana senza la forza del corrispondente restrizioni”.

READ  Sfakia - Una coppia olandese persa sotto la pioggia - salvata dai vigili del fuoco

Riferendosi all’atteggiamento delle persone nei confronti delle procedure, ha affermato: “La maggior parte delle persone conosce queste procedure. Tuttavia, alcuni scommettono sulla mia conoscenza o sul fatto che sono clienti dei nostri negozi da diversi anni, il che non è assolutamente modo possibile” in queste circostanze speciali che tutti noi affrontiamo. Un argomento del genere, come capisci, non può in alcun modo coprire il mio lavoro davanti alle autorità di vigilanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *