problema. Nelle antiche miniere delle Cévennes si nascondono minerali importanti per la trasmissione dell'energia

problema.  Nelle antiche miniere delle Cévennes si nascondono minerali importanti per la trasmissione dell'energia

Il geologo Bénédicte Cinque, dell'Università di Montpellier, è interessato ad importanti minerali associati al piombo e allo zinco, da tempo sfruttati nelle Cévennes e nella Lozères. Minerali importanti che vent’anni fa non ci interessavano.

Quel giovedì, nell'aula tecnica della Facoltà di Scienze dell'Università di Montpellier, c'erano Tess, Melina, Colin, Jeremy e Nolan, protesi verso lo schermo, che descrivevano in dettaglio i dati dell'analisi della microsonda del campione di roccia che avevano realizzato. Una fetta sottile, non più grande di 30 micron, osservata con un raggio elettrico. “Interagisce con la materia e dà un segnale specifico per ogni elemento chimico, che potremo misurare quantitativamentelui spiega Il loro insegnante è Benedetto Cinque. “A prima vista, non possiamo dire se un particolare campione contenga o meno un minerale critico”.La concentrazione può essere solo di poche parti per milione, o parti per milione, su scala microscopica, o in “pepite”, come in una torta.

L'insegnante e ricercatore del Laboratorio di Scienze della Terra ha raccolto questo “ciottolo” sul Monte Lozère, in una galleria mineraria abbandonata a sud del Massiccio Centrale che ha tutto. “rosario”. Le miniere di piombo e zinco, storicamente sfruttate, sono ora abbandonate, dove ci troviamo noi “Sono vent'anni che non cerco.”Questi sono oggi i metalli preziosi, che sono descritti come estremamente importanti in Europa occidentale, a causa delle loro fragili fonti di approvvigionamento.

L'analisi dei campioni mediante microsonda consente di isolare l'eventuale presenza di minerali.
Midi Libre – Michael Isdorrobaile

Ritiro in sede

oro, “Gli elementi chimici sono disposti per affinitàFette Benedetto. “Non troveremo nichel nelle vecchie miniere di zinco o di piombo.”Ma possiamo incontrarci “Indio, germanio e gallio”. Il primo è ampiamente utilizzato nella digitalizzazione, “Per touch screen”Il gallio nei pannelli fotovoltaici e il germanio nei catalizzatori e nelle fibre ottiche, per esempio.

READ  Università di Ginevra: matematica nascosta nelle opere dell'artista M. C. Escher

Questi minerali sono al centro delle transizioni digitali ed energetiche. È interessante ricercare una rete di antichi giacimenti di zinco e piombo, dalla Lozère all'Ardèche, passando per il Malin, a Saint-Laurent-le-Minière, o da La Croix-de-Ballières ad Andoz, nel Gard. Innanzitutto, sottolinea Benedict Sinke, “Perché sono questi gli ambiti in cui l’uomo ha già operato”. Non è una zona vergine. Poi, poiché i rifiuti minerari, questi residui dell’estrazione primaria del piombo o dello zinco, si contano a milioni di tonnellate, i cumuli di scorie, “Tutte le valli di Saint Laurent”da valutare e risanare prima di scavare nuovamente il terreno.

I lavori di ricerca della scienziata di Montpellier hanno trovato il loro posto presso la base comune PEPR, per la quale salirà nell'Alta Loira. L'idea è, con un ricercatore post-dottorato e i suoi studenti di terzo livello, di fare proprio questo “Sii interessato al metodo di formazione primaria di questi minerali critici.” Ha mappato la potenziale presenza di gallio, germanio e indio raccogliendoli dai siti minerari e studiando campioni.

Mappa della presenza di gallio, germanio e indio

Ma il geologo ne è allo stesso tempo convinto ANR, Agenzia Nazionale delle Ricercheper stanziare finanziamenti per un progetto correlato denominato Minerali critici negli orogeni. Questa volta guarderai “Processi secondari, cioè modificazioni successive alla formazione primaria di minerali critici”che ritieni sia la loro formazione “Diverso dai metalli vili”.

Questo è sorprendente “Un approccio innovativo che può cambiare la metodologia di esplorazione e sfruttamento” Gli importanti minerali hanno permesso a Benedikt Sinke di ottenere 750.000 euro dalla National Intelligence Agency.

Il progetto è iniziato a marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *