Il volume del ghiaccio marino antartico non è stato affatto basso da luglio

Secondo un rapporto Servizio Copernico sui cambiamenti climatici (C3S), la banchisa che circonda il continente antartico ha raggiunto il livello più basso mai osservato a luglio. La newsletter completa è disponibile all’indirizzo Posizione agenzia.

Con un’area media di 15,3 milioni di chilometri quadrati nel mese di luglio, il ghiaccio marino antartico ha battuto un nuovo record di bassa estensione. In effetti, luglio non ha visto un numero così basso da quando è diventato disponibile il tracciamento satellitare ad alta risoluzione.

Più precisamente, notiamo Un deficit di 1,1 milioni di chilometri quadrati Rispetto alla media dei mesi di luglio del periodo 1991-2020. In particolare, questa anomalia del 7% arriva dopo giugno e maggio, anch’essi caratterizzati dal ritardo della banchisa meridionale rispetto alla media stagionale.

Anomalie dell’estensione del ghiaccio marino antartico a luglio nel periodo 1979–2022, calcolate come percentuale della media 1991–2020. Crediti: Servizio Copernicus sui cambiamenti climatici / ECMWF / EUMETSAT.

Ghiaccio marino antartico: tempo sfavorevole, ma nessuna chiara tendenza climatica

Una condizione meteorologica sfavorevole per l’espansione del ghiaccio marino, forse favorita dal contesto no nina è in questione qui. “ L’estate è stata caratterizzata da una forte depressione nel Mare di Amundsen che tende a portare aria più calda da nord-ovest verso la penisola e il Mare di Weddell settentrionale. ‘, lui spiega NSIDC.

Ricorda che a differenza del ghiaccio marino artico, Il ghiaccio marino antartico mostra pochi o nessun cambiamento negli ultimi decenni. Vediamo anche una leggera crescita nel periodo 1979-2021. Né è banale associare gli attuali minimi storici a qualche effetto del riscaldamento globale.

Va anche notato che l’estensione del ghiaccio marino antartico era al di sopra della media un anno fa, nel luglio 2021, evidenziando la grande discrepanza interannuale che ha spesso caratterizzato il ghiaccio marino antartico durante l’era satellitare. C3S riferisce al riguardo.

READ  “Non ci sono più stagioni, mia brava signora…” In realtà 😕

Infine, va notato che mentre il ghiaccio che circonda l’Antartide è stato relativamente stabile dalla fine degli anni ’70, la calotta glaciale del continente che contribuisce all’innalzamento del livello del mare è soggetta a una perdita di massa accelerata.

E il ghiaccio marino nell’Artico?

Nell’Artico, l’estensione media osservata nel mese di luglio è di 0,4 milioni di chilometri quadrati in meno rispetto alla media 1991-2020 di 9 milioni di chilometri quadrati, che è del 4%. È il 12° posto più basso da quando è iniziato il rilevamento satellitare nel 1979.

Come sopra, ma per il ghiaccio marino artico. Crediti: Servizio Copernicus sui cambiamenti climatici / ECMWF / EUMETSAT.

Come notato in precedenza, la tendenza osservata negli ultimi decenni per il ghiaccio marino settentrionale è chiaramente al ribasso a causa del rapido riscaldamento alle alte latitudini settentrionali, e questo, sia per l’espansione che per lo spessore del ghiaccio marino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.