Stephanie LaCour, una pioniera unica nel campo della neurotecnologia

Stephanie LaCour, una pioniera unica nel campo della neurotecnologia

La vita di Stephanie LaCour “girato per sbaglio”Ha detto, un giorno d'estate del 2000 a Saint-Malo (Ile e Villa). Mentre questa giovane donna era dottoranda in elettronica a Lione, ha dovuto sostituire il suo capo in una conferenza, e lui a sua volta ha dovuto sostituire il suo capo! Per questo discorso inaspettato, ha scelto l’argomento della sua tesi “Sviluppo di un sensore in silicone poroso per misurare il livello di idratazione della pelle”. Senza rendersi conto che Sigurd Wagner, professore di ingegneria elettrica all'Università di Princeton (New Jersey), sta ascoltando tra il pubblico. “Non sapevo nulla della sua ricerca, ma ho trovato Stephanie articolata e intelligente. Ricordatevi di questo pioniere del fotovoltaico. Al termine della sua presentazione l'ho invitata a venire a scoprire Princeton. »

Questa mano tesa avrebbe letteralmente sconvolto i piani ben congegnati della 24enne ingegnere elettronico che si aspettava di restare in Francia. Da Princeton a Cambridge (Regno Unito) e poi all'École Polytechnique Fédérale de Lausanne (EPFL, Svizzera), il suo viaggio la porterà a esplorare la biologia e la medicina e a diventare un leader globale nell'elettronica flessibile per scopi medici. Ora professoressa all'EPFL e direttrice dell'Istituto Neuro-X di Ginevra, la 48enne madre di due figli è ricercatrice ospite al Collège de France per il 2023-2024 nella cattedra di innovazione tecnologica Liliane Bettencourt. Sigurd Wagner non ha esitato ad attraversare l'Atlantico per ascoltare giovedì 29 febbraio la sua lezione inaugurale dal titolo “Neurotecnologia: scienza e ingegneria per nuove terapie”.

Quella sera, davanti a un anfiteatro affollato, Stephanie LaCour confermò che la sua specialità poco conosciuta faceva parte di una lunga storia della scienza, tra… “Il papiro di Edwin Smith [vers 1600 av. J.-C.], Il primo trattato di chirurgia cerebrale e la sua controparte tecnologica, l'”alluce” [vers 3000 av. J.-C.]La prima protesi conosciuta per l'alluce ». Continua dicendo che il suo campo si combina “Neuroscienze, lo studio del cervello in salute e in malattia” e “tecnologia, cioè macchine e dispositivi, ma anche software”.. Il tutto per alleviare alcune malattie neurologiche o riparare funzioni carenti.

READ  Urwerk presenta l'orologio in bronzo UR-100V T-Rex - Rapporto di Rob
Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Come le neuroscienze e l'intelligenza artificiale si ispirano a vicenda

Lei e Sigurd Wagner rimasero vicini. “Stephanie mi chiama ancora per prendere decisioni importanti, ma nella maggior parte dei casi non ascolta i miei consigli. È una vera Auvergne”.Egli ha detto. L'Alvernia ce l'ha chiaramente “imbroglione” All'arrivo a Princeton per una borsa di studio post-dottorato. Questo professore ha quindi cercato di creare una pelle elettronica sensibile per il robot; Lì furono rotti i denti di un giovane ricercatore e Stephanie Lacour recuperò il mastaghri. “Non solo ha promesso una soluzione, ma ha anche scoperto una proprietà fisica precedentemente sconosciuta: il metallo su un substrato di gomma può essere allungato più strettamente senza rompersi”.dice Sigurd Wagner. Questa proprietà ha ispirato lo scienziato dei materiali Zhigang Su, allora all'Università di Princeton, ora all'Università di Harvard (Massachusetts), nel suo lavoro sulla meccanica della materia soffice.

Ti resta il 63,72% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *