Primarie del New Hampshire: Nikki Haley sta combattendo, ma adesso questo è il partito di Trump

Primarie del New Hampshire: Nikki Haley sta combattendo, ma adesso questo è il partito di Trump
  • Scritto da Anthony Zürcher
  • Corrispondente nordamericano nel New Hampshire

Spiegazione video,

Guarda: Trump attacca l'”impostore” Haley nel suo discorso di vittoria

Donald Trump ha vinto le primarie del New Hampshire, sconfiggendo il suo ultimo sfidante rimasto per la nomina presidenziale repubblicana del 2024, l’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley.

La sua vittoria significa che la corsa per la nomination è finita, anche se Haley non è ancora pronta a concludere la sua campagna, un fatto che ha chiaramente sconvolto l'ex presidente in quella che altrimenti sarebbe stata una serata di festa.

“Sta facendo un discorso come se avesse vinto”, ha detto del suo rivale, che si era impegnato a restare in gara quella sera. “Non ha vinto. Ha perso.”

Una rivincita nelle elezioni generali previste per novembre con il presidente Joe Biden, il probabile candidato democratico, appare ora più certa.

Sebbene la vittoria di Trump nel New Hampshire non corrisponda al margine di 20 punti previsto dai recenti sondaggi, dovrebbe essere più che sufficiente per mantenere l’attuale tendenza della corsa.

Ha vinto il primo concorso in Iowa con una valanga di voti. I prossimi stati nel calendario delle primarie repubblicane sono più inclini a suo favore rispetto al New Hampshire, indicando che il suo percorso verso la nomina si trasformerà presto in una corsa.

Ad ogni voto che passa, la verità diventa sempre più chiara. Come mostrano da mesi i sondaggi, il Partito Repubblicano è ancora il partito di Donald Trump.

La lealtà della sua base è incrollabile, nonostante drammi legali e politici. Il suo marchio di populismo conservatore trova risonanza tra gli elettori del suo partito, così come la sua attenzione su questioni come l’immigrazione, la criminalità e l’energia.

Ciò potrebbe non scoraggiare Haley nel breve termine, ma la realtà è che il New Hampshire era la sua migliore occasione per far deragliare la marcia costante di Trump verso la nomina presidenziale repubblicana.

Qui ha speso decine di milioni di dollari e ha ottenuto l'appoggio del popolare governatore repubblicano dello stato, ma gli elettori indipendenti del New Hampshire e un'ampia percentuale di laureati non sono stati sufficienti per garantire la vittoria.

La signora Haley ora attende con ansia le elezioni primarie nel suo stato natale, la Carolina del Sud, il mese prossimo. Tuttavia, affinché ciò accada, avranno bisogno di contributi elettorali per continuare a fluire.

Maggiori informazioni sulle elezioni americane

Anche se avesse ottenuto un risultato migliore del previsto, ciò non è una garanzia, dato che le sue probabilità di vincere la nomination sono diventate più alte, con il significativo vantaggio di Trump nei sondaggi d’opinione in molti dei restanti stati.

Se rimane a galla, potrebbe non avere un caloroso ritorno a casa. Trump è sostenuto dalla maggior parte dell’establishment repubblicano della Carolina del Sud e gode di un vantaggio significativo nei sondaggi. Questo è stato un punto che l’ex presidente si è affrettato a sottolineare nel suo discorso di martedì sera.

“Andremo nella Carolina del Sud, dove penso che vinceremo facilmente”, ha detto alla folla esultante a Nashua.

Spiegazione video,

Guarda: Haley si congratula con Trump, ma dice che la corsa non è ancora finita

La sconfitta nella sua vecchia roccaforte sarebbe un modo ignominioso per porre fine a una campagna di relativo successo per la signora Haley. È un destino che alla fine potrebbe scegliere di evitare, ma ha un mese per provare a cambiare la situazione.

Anche se Haley alla fine dovesse concedere la vittoria nei prossimi giorni, i risultati del New Hampshire dovrebbero sollevare qualche preoccupazione nella squadra di Trump.

Un'analisi degli elettori di Fox News ha rilevato che il 32% di coloro che hanno partecipato alle primarie repubblicane non voterebbero per lui alle elezioni generali previste per novembre se vincesse la nomination. Solo il 49% ha affermato che si considererebbe sostenitore del MAGA, in riferimento allo slogan della campagna dell'ex presidente, “Make America Great Again”.

Anche un sondaggio della CBS dipinge un quadro della base di sostegno di Trump, ma ne mostra anche i limiti. Tra gli elettori che si definiscono “molto conservatori”, l’ex presidente ha ottenuto l’88%. Ha ottenuto il 66% degli elettori alle primarie senza laurea e gli elettori cristiani evangelici con un margine simile.

Ha vinto solo il 23% dei moderati e il 39% dei laureati, gruppi a cui dovrà rivolgersi se vuole battere il presidente Biden.

E dopo i risultati di martedì sera, una rivincita presidenziale del 2020 sembra più probabile, anche se è una prospettiva che i sondaggi suggeriscono che molti americani non accolgono con favore.

READ  Una nuova agenda sta navigando con passi coraggiosi con la conclusione della Conferenza delle Nazioni Unite sull'acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *