Preistoria: “Tutti i problemi che affliggono il mondo oggi hanno la loro origine nell’era neolitica”.

Preistoria: “Tutti i problemi che affliggono il mondo oggi hanno la loro origine nell’era neolitica”.

È un’autorità mondiale nel campo dell’archeologia. Jean Guillén è un archeologo, direttore della ricerca presso il Centre National de la Recherche Scientifique, direttore degli studi presso l’EHESS e professore emerito al Collège de France, dove ha presieduto la cattedra di Civiltà europee del Neolitico e dell’età del bronzo. È membro dell’Accademia delle Iscrizioni e delle Belle Arti.

Dedicò gran parte della sua carriera al Neolitico, che considerava l’origine del mondo storico. Ha appena pubblicato due grandi opere: L’alba dei mietitori. Dal Neolitico in particolare e dall’archeologia in generalepubblicato da Verdier W Desiderio di storia. L’infanzia di un archeologo A Odile Jacob.

Come possiamo descrivere il Neolitico, su cui si concentra la tua ricerca?

Jean Guillén

Archeologo

Per circa tre milioni di anni gli esseri umani sono stati predatori, sopravvivendo cacciando o raccogliendo risorse fornite dalla natura. Quindi questo caso ha avuto una traiettoria molto lunga. Tuttavia, circa dieci-dodicimila anni fa, cioè l’altro ieri, sulla scala evolutiva, gli uomini e le donne hanno gradualmente modificato in modo profondo il loro modo di vivere e di mangiare.

Si stabilirono in abitazioni permanenti, raggruppati in villaggi, e iniziarono a modificare gli organismi viventi, sia vegetali che animali. Ora ottengono il loro cibo dai cereali e dai legumi che coltivano, mangiano la carne degli animali che allevano e bevono il loro latte.

Questo profondo cambiamento è avvenuto in molti dei “laboratori” in cui le persone vivono Piante e animali Forse addomesticato: il Medio Oriente, la Cina e l’America centrale sono i centri “classici” di questa “rivoluzione neolitica” nella misura in cui producono i cereali – grano, riso e mais – che oggi nutrono la maggior parte dell’umanità. Ma in realtà le transizioni verso l’agricoltura furono più numerose e furono legate anche ad altre regioni dell’Asia, dell’America e dell’Africa, dove l’uomo ebbe la possibilità di modificare le piante locali.

Perché la “Rivoluzione Neolitica”, quando gli esseri umani passarono dalla caccia all’agricoltura, è così importante per tutta la nostra storia?

La vita agricola ha completamente cambiato il rapporto tra l’uomo e il suo ambiente. Le conseguenze furono varie, positive o negative. L’insediamento portò ad un netto progresso demografico: rispetto ai diversi milioni di individui che popolavano il globo alla fine del Paleolitico, il Neolitico generò un “boom” demografico che portò rapidamente la popolazione umana a diversi milioni.

READ  Ecco, il test della personalità virale | Sei una persona ragionevole? Quello che vedi per primo nella foto ti insegnerà | Test virale psicologico | test visivo | Sfida virale | Messico

Ciò ha portato a concentrazioni umane che hanno contribuito alla diffusione di malattie infettive. L’espansione degli agricoltori ha portato a numerose mescolanze genetiche, movimenti di popolazioni e alla creazione di espressioni con nuove tecniche di produzione. L’accumulazione delle scorte alimentari o la moltiplicazione delle mandrie hanno certamente permesso di sfamare un maggior numero di bocche, ma hanno anche creato surplus, capitale e ricchezza.

«Il Neolitico è la nascita della storia rurale e della vita nelle nostre campagne. »

Jean Guillén

Poi arrivarono i controllori, che crearono disuguaglianze sociali a proprio vantaggio e continuarono conflitti e guerre. E non dimentichiamo i cambiamenti climatici che già c’erano e che talvolta hanno destabilizzato le popolazioni. In breve, la sicurezza alimentare fornita dall’agricoltura si accoppia con un contesto economico e sociale che genera tensioni. Tutti i problemi che affliggono il mondo oggi hanno la loro origine nell’era neolitica.

Nonostante la sua importanza, il Neolitico fu meno apprezzato dagli storici rispetto al Paleolitico. Dici che questo era, una volta, a “connotazione ideologica”. Spiegacelo.

Quando si formò la preistoria, intorno alla metà del XIX secoloH Nel Novecento la questione fondamentale era quella dell’uomo cosiddetto “primitivo”, un’immagine che contraddiceva l’essere perfetto risultante dalla creazione. A cavallo del XX secolo, il riconoscimento dell’arte rupestre del Paleolitico focalizzò l’attenzione sulle capacità intellettuali ed estetiche dei popoli preistorici.

In Francia, culla della preistoria, lo studio del Neolitico rimase sottosviluppato: la fase finale e breve della preistoria, segnata dall’industrializzazione degli organismi viventi, non rappresentava più la nobiltà dei periodi precedenti, che obbedivano solo all’evoluzione “naturale”. Da parte loro, gli storici, che per lungo tempo avevano basato i loro studi solo sui testi, hanno liquidato tutte le culture precedenti con tradizione orale nelle nebbie della preistoria.

Pertanto, il Neolitico si trovò “incastrato” tra gli storici che non lo volevano e gli studiosi preistorici che lo consideravano secondario. Tuttavia, il Neolitico è la nascita della storia rurale, della vita nelle nostre campagne e la base delle civiltà storiche.

READ  Il lampo radio catturato dal telescopio sfida ogni spiegazione

Quali furono le principali innovazioni tecniche del Neolitico?

Per liberare appezzamenti di terreno da trasformare in campi o prati per il bestiame, gli uomini del Neolitico dovettero ripulire il terreno. Per fare questo, usavano il fuoco e un’ascia di pietra levigata con manico, una specie di ascia da taglialegna. Inventata da alcuni cacciatori-raccoglitori asiatici e africani, la ceramica divenne più adatta allo stile di vita sedentario e alla conservazione di cereali o liquidi, una delle attrezzature fondamentali delle società agricole.

Ben presto apparvero gli strumenti: la zappa, la falce e il mazzafrusto. Il bisogno d’acqua da parte dell’uomo e degli animali portò alla creazione di sistemi idraulici: pozzi, cisterne e dighe. Col tempo apparvero altre invenzioni: il tiro del bestiame e il giogo, l’aratro, il predecessore dell’aratro. In Europa la ruota e il carro sono documentati dalla fine del capitolo IVH Millennio prima dell’era. Infine, l’estrazione del rame – e successivamente quella del bronzo – costituì uno degli sviluppi tecnici di maggior successo del periodo.

Perché hai scelto il lavabo Aude per condurre la tua ricerca?

Ho lavorato ai quattro angoli del Mediterraneo, ma Aud è stato il mio primo campo. Essendo un Odi di nascita, ed essendo entrato a far parte del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica nel 1963, ho notato che in questa regione difficilmente conosciamo il Neolitico. La composizione geografica di questa sezione la rende eccellente per studiare sia i siti costieri (il Mediterraneo fungeva da “rotta marittima” per i primi agricoltori provenienti dall’Oriente) ma anche i depositi nelle pianure, nelle montagne centrali e persino negli altipiani, che sono tutti in grado di fornirmi informazioni sulla conquista agricola di vari tipi di terreni. Tuttavia l’Aude è stato per me un luogo sperimentale, ma le conclusioni a cui sono riuscito a giungere hanno un valore generale.

In che modo l’archeologia è una “scienza civica”, per usare una frase nel tuo lavoro più recente, e come può essere insegnata?

READ  Solo i geni (+140 QI) possono fare 2 caselle in 2. fiammiferi

Se i metodi di studio dell’archeologia oggi fanno appello a tutti i tipi di discipline naturalistiche, fisiche, statistiche, antropologiche, ecc., il loro obiettivo finale è quello di fornire il resoconto storico più attendibile dei tempi passati. In questo senso fare archeologia è produrre storia a partire da resti materiali, e quindi deperibili.

Dobbiamo anche renderci conto che la minima testimonianza è un ricordo, e può essere utile riguardo a un evento, o a un’epoca. Dire che l’archeologia dovrebbe essere una disciplina civica significa lanciare una richiesta di aiuto per evitare la distruzione senza memoria dei monumenti per arricchire la nostra conoscenza del passato. Certo, è impossibile preservare tutto.

Ma l’essenza dell’archeologia preventiva è registrare quante più informazioni possibili su un luogo prima della sua prevista scomparsa. C’è quindi la consapevolezza tra i nostri cittadini di mantenere questo riflesso per evitare qualsiasi lacuna nella conoscenza, poiché l’ignoranza apre la strada all’oscurantismo.

Oltre ai canali tradizionali della formazione universitaria, l’ampia gamma di media oggi esistente (libri, riviste, mostre, convegni, fumetti, film) contribuisce a far conoscere meglio il passato. Attenzione però a evitare distrazioni: come ipotesi fantasiose o recuperi politici dell’archeologia, perché non sempre questa disciplina sfugge a manipolazioni fuorvianti e infondate.

Non siamo riusciti a confermare la tua registrazione.

La tua registrazione è stata confermata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *