Petrucci triste per essere stato privato del suo addio al pubblico italiano

Non sono mancate forti emozioni durante il Gran Premio dell’Emilia-Romagna, ed in particolare per Danilo Petrucci. Meno pubblicizzato del nuovo Campione del Mondo Fabio Quartararo o che la stella Valentino Rossi Gareggiando nel suo ultimo Gran Premio in Italia, il pilota Tech3 ha anche salutato il pubblico transalpino prima di lasciare la MotoGP il mese prossimo. Come il Dottore, avrebbe voluto poter condividere con gli spettatori un ultimo giro d’onore, ma ne è stato privato in una caduta avvenuta al terzo giro di gara.

Partito nono – di gran lunga la sua migliore qualifica della stagione sapendo di non aver ancora raggiunto la Q2 nel 2021 – Petrucci inizialmente ha perso alcune posizioni nel primo round dopo aver superato Quartararo. “Mi ha passato al Curvone, e c’è solo una linea, quindi entrando mi ha fatto allargare. Chiaramente era molto più veloce di me. ce n’erano tre o quattro per passarmi: Zarco, Álex Márquez, Nakagami, un intero gruppo di persone “, Lui ha spiegato.

Nel terzo round, è un attacco di Joan mirò, questa volta, che ha concluso prematuramente la sua corsa. “Purtroppo Joan ha provato a passarmi alla curva 2, ma è caduto e siamo caduti insieme”, ha descritto. “Non c’è molto da dire, sono cose che possono succedere”.

Petrucci fu poi illustrato da una di quelle belle immagini di cui sono capaci i grandi piloti, poiché invece di sfogare la sua rabbia su colui che aveva appena rovinato la sua corsa, lo prese tra le braccia. “Mi ha chiesto perdono e ho capito la situazione. Joan è molto giovane, è molto veloce e forse sapeva che avrebbe avuto il ritmo per stare molto più avanti”, ha spiegato, rifiutandosi di prendere in considerazione qualsiasi denuncia a posteriori. “Ho capito perfettamente la situazione. Chiaramente io ero molto più lento di lui e lui aveva fretta di passarmi. Penso che se avessimo lottato per un posto di testa sarebbe stato penalizzato, ma francamente non lo sono. il tipo di persona a cui piace chiedere sanzioni, soprattutto in questo tipo di situazione. […] No, non voglio che Joan venga penalizzata”.

“Siamo piloti. Joan, lo conosco da quando ero piccola, era nel team Leopard con mio padre quando ha vinto il titolo. Sono sempre stato un suo fan. È un ragazzo fantastico, e come appena siamo caduti mi ha chiesto perdono. Comunque ormai le moto erano rotte e non potevamo ripartire. Devo dire che c’è molto rispetto tra i piloti”, assicurato l’italiano.

READ  Lo svizzero Gjon's Tears finisce terzo all'Eurovision Song Contest in Italia - rts.ch
Leggi anche:

Danilo Petrucci e Joan Mir dopo la caduta

Nonostante tutto, a Danilo Petrucci ha prevalso la tristezza, perché non essendo arrivato al termine della sua gara, avrebbe voluto potersi riprendere il manubrio per un giro d’onore, ma non ha avuto la possibilità di farlo . “Non avevo più niente sul lato sinistro della moto. Ho provato a ripartire, ma non avevo più pedale. [gauche], quindi purtroppo non è stato possibile.”

“Sarebbe stato bello finire il mio ultimo Gran Premio in Italia, per salutare tutti i miei amici che erano sul circuito, ma ehi, non siamo molto fortunati quest’anno e non ho molto da dire, io sono molto triste. Anche se avessimo saputo che non potevo essere molto veloce, sarebbe stato bello salutarli un’ultima volta”, si è pentito. “Nessuno potrà restituirmi l’emozione di poter salutare il pubblico come ho fatto per tutto il weekend, e che era stato così bello. È una delle emozioni più grandi che abbiamo in MotoGP. Quando salutiamo gli spalti , tutti si alzano e [les spectateurs] sono molto felice di essere accolto.”

“Era il mio 20° Gran Premio in Italia e vorrei poter salutare tutti ancora una volta”, ha aggiunto Petrucci, che domenica ha compiuto 31 anni. “E’ un’emozione incomparabile. Quindi mi sarebbe piaciuto farlo un’ultima volta, ma purtroppo non è stato possibile. Ma ringrazio tutti, c’erano tante bandiere con il numero 9, tanti miei amici, ed è stato bella comunque.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *