Perché questi scienziati non vogliono che rimuoviamo la plastica dagli oceani?

Perché questi scienziati non vogliono che rimuoviamo la plastica dagli oceani?
Crediti: S.Rohrlach. Gli scienziati hanno scoperto alcuni dei nidoni a più alta densità mai descritti, tra cui il drago di mare blu Glauco.

Crediti: S.Rohrlach.

All’interno del continente della plastica, gli scienziati hanno scoperto alcuni dei nidoni a più alta densità mai descritti, tra cui il drago marino blu Glauco.

Inquinamento – Nel 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesci. Almeno questo è ciò che alcuni scienziati si aspettano… e questo preoccupa le Nazioni Unite. I rappresentanti di 175 paesi si riuniranno fino a venerdì 2 giugno a Parigi per redigere le prime linee di un trattato per combattere l’inquinamento da plastica.

L’obiettivo è chiaro: ridurre la plastica. Consumano molta energia, producono enormi quantità di rifiuti e si infiltrano ovunque negli ecosistemi sotto forma di minuscole particelle. Ma una manciata di scienziati avverte: questa plastica è ormai quasi una parte della natura. Mentre ogni giorno vengono scaricate in mare 15 tonnellate di polimeri, molte specie marine hanno finito per adattarsi e persino evolversi in larga misura.

Nell’oceano, la plastica è piena di vita

Non commettere errori, soprattutto, l’inquinamento da plastica rimane un vero disastro per la vita marina. L’intera catena alimentare ne risente: dai gamberetti alle balene, comprese le tartarughe. Tuttavia, il gruppo di specie che gli scienziati chiamano “newstones” è un’eccezione. Sono tutti organismi, alghe, molluschi, microrganismi, che vivono sulla superficie dell’acqua.

Queste minuscole creature galleggianti si sono particolarmente adattate al loro nuovo ambiente inquinato. Gli scienziati hanno persino scoperto alcune delle più alte quantità di neutroni mai viste nel famoso continente plastico nell’Oceano Pacifico centrale. In particolare ci sono i predatori, tra cui alcuni esemplari notevoli, come il drago di mare blu Glaucus e la lumaca viola Janthena.

READ  Il ritorno degli astronauti cinesi sulla Terra è un "successo" della loro missione

Altra nota: più ci si sposta verso il centro del continente plastico, maggiore è la quantità di neopietra. Un fatto sorprendente che solleva la questione della pulizia degli oceani: questa plastica dovrebbe essere rimossa dall’acqua anche se la vita si sta evolvendo lì?

Un piccolo gruppo di scienziati ha criticato la Ocean Clean-up League per aver ucciso parte delle neopietre con il loro modo di raccogliere rifiuti negli oceani. ” Questi progetti possono derubare il mondo di un intero ecosistema che non comprendiamo e che potrebbe non essere mai in grado di recuperare. L’ambientalista americana Rebecca Helm ha commentato sul giornale oceano Atlantico.

Una miscela di generi è insolita ma non necessariamente gradita

Il continente di plastica è davvero un vero e proprio laboratorio per gli scienziati. I rifiuti che lo compongono arrivano da tutto il mondo e portano con sé specie che non dovreste mai incontrare. Una miscela attentamente studiata, di cui sappiamo ancora molto poco sulle sue conseguenze biologiche.

secondo studioL’80% delle specie plastiche del continente proviene dalle coste. Ora stanno fianco a fianco con specie di acque profonde. Ma è anche potenzialmente molto pericoloso, osserva Melanie Urgood. Queste specie vengono introdotte e diffuse lontano dal loro ambiente nativo. Questo può squilibrare gli ecosistemi, introdurre nuovi virus e interrompere la pesca…”avverte un oceanografo ed ecologista del CNRS.

Se la questione di mantenere la plastica già negli oceani è ancora in discussione, la comunità scientifica concorda su un punto: dobbiamo smettere di scaricare più plastica negli oceani. Per questo è necessario portare il problema alla radice e ridurre sensibilmente la produzione di plastica. Questo è il punto centrale del trattato sull’inquinamento da plastica in discussione a Parigi.

READ  Questa ragazza ha il viso più bello del mondo secondo la scienza (foto)

Guarda anche su The HuffPost:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *