Perché il mondo dovrebbe guardare all’Africa per l’innovazione nel campo dell’istruzione?

Perché il mondo dovrebbe guardare all’Africa per l’innovazione nel campo dell’istruzione?
  • L’Africa potrebbe fornire la maggior parte dei nuovi lavoratori del mondo entro i prossimi 30 anni, quindi la qualità, l’uguaglianza e l’accessibilità dell’istruzione nel continente sono di importanza globale.
  • Sostenere e sviluppare la professione dell’insegnante in Africa è il fattore più importante, ma questo deve anche essere abbinato alle nuove tecnologie.
  • Una maggiore attenzione e investimenti nel sistema educativo africano – e il sostegno internazionale da parte di governi, ONG e altre organizzazioni – aiuterebbero ad alimentare l’innovazione e la prosperità in tutto il mondo.

Nel giro di un decennio, Un ingresso su tre nella forza lavoro globale Verrà dall'Africa. Nel corso dei prossimi 30 anni, la maggior parte dei nuovi lavoratori del mondo potrebbe trovarsi nel continente. Ciò che imparano in classe e come lo imparano è una questione vitale del nostro tempo.

Ma il futuro successo dell’Africa nel campo dell’istruzione non è ancora garantito. Nell’ultimo periodo le competenze di alfabetizzazione di base sono diminuite in quattro paesi africani su dieci Tre decenni. Anche se la partecipazione cresce, i bambini devono ancora confrontarsi Bassi tassi di completamento dell’istruzione primaria – Circa il 63%, rispetto alla media globale dell’87%. Questi tassi sono peggiori per le ragazze. in giro 50 milioni di bambini Restare senza scuola in tutta l'Africa. Queste sfide sono particolarmente acute nell’Africa sub-sahariana.

Inoltre non ci sono abbastanza insegnanti o aule per il continente in cui si trova 60% della popolazione Ha meno di 25 anni. Secondo le stime delle Nazioni Unite, l’Africa ha bisogno di almeno 9 milioni di nuove aule e 9,5 milioni di insegnanti in più entro il 2050. UNESCO. Questo serve solo a soddisfare le esigenze dei bambini e degli adolescenti in età scolare e non risponde alla crescente domanda di istruzione superiore.

I progressi in due aree possono fare una grande differenza: la formazione degli insegnanti e la tecnologia educativa. È miope perseguire l’uno senza l’altro, e l’Africa ha un potenziale enorme in entrambi i settori. Tuttavia, gli investimenti nella formazione degli insegnanti, insieme a un’attenta diffusione della tecnologia, devono essere sostenuti dalla cooperazione internazionale. Il modo in cui raggiungi questo obiettivo è davvero importante.

READ  Kiderült, kié "Putyin titkos kastélya"

Sostegno agli insegnanti in Africa

Con l’evoluzione dell’approccio educativo, delle politiche, delle esperienze e della tecnologia in Africa, anche gli standard e lo status della professione docente devono aumentare. noi possiamo Imparare dagli errori, compresi gli sforzi miopi volti ad abbassare gli standard attraverso tagli salariali, standardizzazione e omogeneizzazione. La corsa al ribasso si concluderà con un fallimento.

Un importante modo sostenibile per sviluppare capacità è investire nella formazione degli insegnanti e responsabilizzarli con la tecnologia, piuttosto che utilizzare la tecnologia per sostituire il loro lavoro. Dobbiamo aumentare la qualità man mano che ci espandiamo.

Quando Bella Rwegamba, responsabile digitale del Ministero dell'Istruzione ruandese, venne all'Università di Cambridge per condurre uno studio Borsa di studio per le tecnologie educative Più recentemente, ha incarnato questo sforzo di utilizzare la tecnologia per aumentare la qualità. Il suo lavoro include la guida della trasformazione digitale di circa 4.900 scuole con 3,9 milioni di studenti in tutto il Ruanda. Questa collaborazione – fondata a Cambridge ma fiorita online – con altri leader africani ed esperti accademici e curriculari internazionali sta contribuendo a rafforzare le competenze digitali tra insegnanti e studenti. Il suo team sta alzando il livello sviluppando infrastrutture e attrezzature educative migliori e più pratiche per le aule in Ruanda.

In tutta l’Africa, l’alfabetizzazione digitale è diventata una parte essenziale dei programmi e delle politiche educative, insieme all’alfabetizzazione di base. È fondamentale: i governi di Botswana, Mauritius e Sud Africa hanno messo la competenza digitale al centro delle loro politiche educative.

Dare più potere agli insegnanti in Africa

Quindi, quando cerchiamo la prossima ondata di innovazione nel campo dell’istruzione, i luoghi più interessanti potrebbero non essere la Silicon Valley, Shenzhen, o anche il mio cortile altamente creativo di Cambridge, in Inghilterra. Potrebbero essere in Africa.

READ  Никакого страха: в Москве пройдет новая акция в поддержку Навального

In effetti, quando gli insegnanti africani hanno a disposizione la tecnologia – anche strumenti relativamente semplici come laptop e proiettori, insieme a elementi essenziali permanenti come i libri di testo – l’espansione delle reti e la condivisione delle migliori pratiche diventa fonte di ispirazione.

Lo abbiamo visto quando il COVID-19 ha costretto le scuole a chiudere in Swaziland, un paese dell’Africa meridionale, nel marzo 2020. Gli studenti avevano bisogno di qualcosa di più che semplici app per continuare gli studi, anche se il fornitore nazionale di telecomunicazioni consentiva l’accesso gratuito e Internet supportato per l’insegnamento online. . I leader del settore educativo hanno dovuto affrontare anche il divario digitale in un Paese in cui quasi il 70% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà. Le macchine da stampa furono ridistribuite in modo che i manuali di esercizi potessero essere distribuiti insieme ai giornali. Le lezioni sono state trasmesse in televisione e alla radio.

Era una strategia semplice, intelligente e scalabile. Soprattutto, ha funzionato. Molti paesi ricchi potrebbero imparare qualcosa dall’innovazione frugale che lo Swaziland ha adottato di fronte alle avversità. Allo stesso modo, quando il Senegal ha dato a tutti i bambini libri di testo di alta qualità, questo è stato di grande importanza Miglioramenti nell’alfabetizzazione nelle prime classi prestazione.

Tali piani nazionali hanno successo quando hanno standard, obiettivi e mezzi chiaramente definiti per monitorare i risultati. È essenziale anche investire nella formazione degli insegnanti: elevare lo status degli insegnanti, fornire meccanismi di formazione e sostegno e offrire opportunità per una comunità di pratica e collaborazione. A Cambridge abbiamo la nostra esperienza con le comunità di pratica: abbiamo la comunità scolastica internazionale più grande e diversificata del mondo.

READ  5G與華為:英國情報機構負責人警告西方國家不應再犯類似錯誤 - BBC News 中文

Sostegno internazionale all’istruzione in Africa

La cooperazione e gli investimenti internazionali saranno cruciali per realizzare il potenziale dell’Africa – Lo ha sottolineato l’Unione Africana Stiamo entrando nel suo anno educativo. Quindi quelli di noi coinvolti nell’educazione globale, insieme ai governi, alle ONG, ai filantropi e agli investitori, devono prendere sul serio l’istruzione in Africa. Dobbiamo pensare in grande.

Ad aprile, il primo ministro britannico Rishi Sunak ospiterà 25 capi di Stato e di governo alla conferenza. Vertice sugli investimenti Regno Unito-Africa 2024. L’obiettivo sarà quello di rafforzare i partenariati tra Regno Unito e Africa per creare posti di lavoro e crescita, sostenere i talenti in settori come la finanza e la tecnologia e incoraggiare le donne imprenditrici. Tutti questi obiettivi dipendono dalla qualità dell’istruzione di base, nonché dallo sfruttamento del progresso tecnologico. L’istruzione in Africa deve essere al centro di questo vertice.

Il mondo sta entrando in un’era in cui il progresso educativo dipende dalle nozioni di base e dagli sviluppi più recenti. Questo è vero tanto a Boston, Birmingham e Pechino quanto a Benin City e Bangui. Il continente africano è interessante come fonte di nuove idee e approcci nelle politiche e nelle pratiche educative. Se l’istruzione inclusiva riesce a mettersi al passo con i dati demografici, l’opportunità diventerà ancora maggiore.

Mentre la forza lavoro invecchia in altre parti del mondo, la popolazione africana rimarrà giovane e sempre più dinamica. Ecco perché investire nell’istruzione in Africa significa investire nell’innovazione e nella prosperità per il mondo intero.

Questa storia proviene originariamente da Forum economico mondiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *