Per sempre orfano: Euclide scopre nuovi pianeti senza stelle

Per sempre orfano: Euclide scopre nuovi pianeti senza stelle

Il telescopio spaziale europeo Euclid ha scoperto sette nuovi pianeti orfani, mondi isolati che vagano nello spazio interstellare, non collegati a una stella.

• Leggi anche: [PHOTOS] Il telescopio Euclide rivela nuove immagini dell'universo

• Leggi anche: L’universo continua a crescere, ma più lentamente rispetto a qualche miliardo di anni fa

A differenza della Terra, queste stelle non conoscono il giorno né la notte, né i mesi né gli anni. Tuttavia, gli scienziati ritengono che alcuni di essi potrebbero ospitare qualche forma di vita, stimata in miliardi nella galassia.

I nuovi pianeti orfani sono stati scoperti venerdì scorso, in uno studio scientifico in fase di pre-pubblicazione sul sito arXiv.org, cioè un giorno dopo l'annuncio di una nuova raccolta di immagini e dati provenienti da Euclid.

Questi pianeti erranti, giganti gassosi ciascuno almeno quattro volte la massa di Giove, sono stati scoperti nella Nebulosa di Orione, un vivaio stellare situato a circa 1.500 anni luce dalla Terra.



Agenzia di stampa francese

L’astronomo spagnolo Eduardo Martin, primo autore dello studio, ha detto all’AFP che si trattava solo “della punta dell’iceberg”. Ma trovarli è come “cercare un ago in un pagliaio”, perché non riflettono la luce di una stella vicina.

I sette pianeti osservati da Euclide avevano il vantaggio di essere piuttosto caldi e di produrre quindi radiazioni facili da rilevare.

Non da solo

La sonda Euclid, lanciata nello spazio lo scorso anno, ha confermato anche l'esistenza di decine di altri pianeti orfani precedentemente scoperti.

La ricerca indica che per ogni stella ci sono una ventina di pianeti erranti che non appartengono a nessun sistema stellare. Ciò creerebbe miliardi e miliardi nella Via Lattea e innumerevoli su scala dell’universo.

READ  La formula magica per costruire il tuo castello di sabbia

Il lancio del telescopio spaziale romano della NASA nel 2027 potrebbe aiutare a chiarire la cifra.

Per Gavin Coleman, astronomo della Queen Mary University di Londra, questi strani mondi evocano un “senso di meraviglia e mistero”.

“Siamo tutti cresciuti vedendo il sole nel cielo, il che rende affascinante pensare a un pianeta alla deriva nello spazio senza stelle in vista”, ha detto all'AFP.

Tuttavia, alcuni non sono soli. Degli oltre 20 pianeti orfani confermati da Euclide, almeno quattro saranno pianeti binari, cioè in orbita tra loro.

Secondo Eduardo Martin, “Alcuni dei nostri vicini più prossimi sono senza dubbio pianeti orfani”.

Senza il beneficio della vicina luce solare, queste stelle sono note per essere estremamente fredde, con una superficie decisamente ghiacciata.

Forme di vita?

Pertanto, il calore necessario a sostenere una forma di vita deve provenire dall’interno. Un buon esempio di ciò è Nettuno, un gigante di ghiaccio la cui temperatura superficiale deriva principalmente dall’energia del suo nucleo.

Ma anche nelle migliori condizioni, questo isolamento estremo consente solo forme di vita batteriche o microbiche, secondo Gavin Coleman.

Come quelli che prosperano sul fondo degli oceani terrestri vicino alle sorgenti geotermiche, nella completa oscurità.

Questa esistenza solitaria potrebbe non essere così dannosa. Christopher Conselici, uno dei partecipanti allo studio e professore di astronomia extragalattica presso l'Università britannica di Manchester, ha sottolineato che “la vicinanza alla stella ha i suoi svantaggi”.

Come quello che attende la Terra, che tra 7,6 miliardi di anni verrà calcificata o assorbita a causa della trasformazione del Sole in gigante rossa.

I pianeti orfani non hanno questo problema. “Queste cose vivranno per sempre. Se le temperature gelide non ti disturbano, puoi sopravvivere per sempre”, ha detto il professor Conselisi all'AFP.

READ  Il "naso" del chimico odora differenze critiche nella struttura del DNA

Lo studio è stato condotto utilizzando i dati di Euclid e ha suggerito metodi per la formazione di pianeti orfani.

Alcuni possono formarsi ai confini di un sistema stellare prima di staccarsi per fluttuare da soli. Ma Conselici ha affermato che lo studio prevede che molti di essi appariranno come “sottoprodotti naturali” della formazione stellare.

Secondo lui potrebbe esserci un “legame molto forte tra stelle e pianeti attraverso il processo della loro formazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *