Dinkenish, uno splendido asteroide con un doppio satellite

Dinkenish, uno splendido asteroide con un doppio satellite

mercoledì 29 maggio revisione natura Ha fatto una scoperta astronomica unica Che nulla lasciava presagire e, a dire il vero, non sarebbe mai dovuto accadere. Le immagini riprese dalla sonda americana Lucy dell'asteroide Dinkenish hanno mostrato che questo piccolo corpo dal diametro di 719 metri non solo aveva un satellite che non era stato osservato dalla Terra, ma soprattutto che quest'ultimo era doppio. Questo satellite, chiamato “Salam” dal team internazionale che ha analizzato le immagini di Lucy, ha la forma di due sfere quasi uguali (212 e 234 metri di diametro) incollate insieme. Ciò che gli esperti chiamano nella loro terminologia “doppia comunicazione”.

Perché scrivo che questa scoperta non sarebbe dovuta avvenire? Perché, originariamente, non era previsto che Lucy fosse interessata a Dinkenish. Lanciata nell'ottobre 2021, questa nave prende di mira i cosiddetti asteroidi troiani, due ammassi di pietre celesti oscurate su entrambi i lati di Giove in zone trappola. Ma poiché il viaggio è lungo – Lucy visiterà il primo gruppo di Troiani solo nel 2027 – la NASA, un po’ all’ultimo minuto, ha aggiunto Dinkenish (situato nella fascia principale degli asteroidi, tra le orbite di Marte e Giove) come obiettivo intermedio . , soprattutto per testare sistemi specifici della sonda.

Questo per lui fu un bene, perché anche se il viaggio era stato effettuato da lontano, a 431 chilometri di distanza, aveva reso possibile questa sorprendente scoperta. Cosa ha visto esattamente Lucy? Innanzitutto Dinkenish, come Ryugu e Bennu, gli asteroidi campionati dalle sonde giapponesi e americane Hayabusa-2 e Osiris-REx, ha una forma superiore con un bordo equatoriale prominente. Dalle foto si nota anche una cavità abbastanza evidente, perpendicolare a questo bordo ma da esso ricoperta, il che significa che è più recente.

READ  Salvare la Terra espellendo la polvere lunare? cattiva idea
Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Lancio riuscito di Lucy, la prima missione della NASA sugli asteroidi troiani

EFFETTO EUROPA

Salam è in orbita a 3,1 chilometri dall'asteroide e orbita attorno ad esso in cinquantadue ore. Poiché il suo periodo di rotazione ha la stessa durata, i ricercatori hanno concluso che, proprio come la Luna mostra sempre lo stesso lato alla Terra, Salam mostra sempre lo stesso lato a Dickenish. Quest'ultimo, invece, ha un periodo di turnover molto più breve perché gira su se stesso in meno di quattro ore.

Questa rapida trasformazione può essere spiegata dall'influenza di YORP, il cui nome è composto dalle iniziali dei quattro ricercatori che lo hanno evidenziato: Ivan Jarkovsky, John O'Keefe, Vladimir Radzewski e Stephen Paddack. “L’effetto YORP deriva dal fatto che l’asteroide riceve calore dal Sole sulla sua superficie e, mentre orbita, nel momento in cui lo irradia nuovamente, lo irradia in un’altra direzione.spiega Patrick Michel, direttore della ricerca presso il Centro nazionale di ricerca scientifica dell'Osservatorio della Costa Azzurra e specialista in asteroidi. Se la loro forma non è perfettamente sferica, si genera una coppia che può accelerare o rallentare la rotazione; l'aumento o la diminuzione della velocità di rotazione dipende strettamente dalla topografia della superficie. »

Ti resta il 41,84% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *