Meteor disturba la teoria della formazione di Marte

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] I pianeti del sistema solare sono nati da disastri
La Terra e gli altri pianeti in orbita attorno al Sole sono nati in subbuglio, casualmente da successive collisioni. Questo è ciò che descrive questo episodio della serie Keys to the Universe di Discovery Science Channel.

Lo studio dei meteoriti sulla Terra lo rende possibile Una migliore comprensione della formazione del nostro pianeta e delle sue sorelle Mercurio, Venere e Marte. I veri effetti fuori sistema solarei meteoriti aiutano gli scienziati a determinare la composizione originale in particolare di pianeti rocciosi In particolare la natura e L’origine degli elementi volatili che entrano nella formazione delle rocce e che hanno contribuito alla formazione di atmosfera.

Formazione di pianeti rocciosi: nebulosa o condrite?

Attualmente, l’attuale ipotesi sulla formazione di pianeti rocciosi indica che questi elementi volatili sono stati perforati all’inizio della nebulosa solare da giovani pianeti che erano in fase di formazione. A questo punto, la Terra ma altri pianeti rocciosi Erano anche solo palle di roccia fusione. Elementi volatili, comeidrogenoIl carbonioIO’OssigenoIO’azoto E molto Gas Raro, assorbito, disciolto in una circonferenza la sagoma occupare la sua superficie. Poi, attraverso vulcani Poi densi, questi gas sono venuti a formare l’atmosfera. Poi i giovani pianeti furono sottoposti ad un lungo e intenso bombardamento da meteoriti chiamati ” Condrite »che a sua volta ha contribuito al contributo di elementi volatili. L’idea è anche che siano stati gli elementi volatili dei meteoriti a contribuire maggiormente almeno alla formazione dell’atmosfera terrestre.

Da questa ipotesi deriva che la formazione della nebulosa solare primordiale, o miscela di nebulose meteoriche, può essere trovata principalmente a livello degli strati più profondi della Terra. È probabile che le parti più profonde del mantello abbiano conservato questa firma chimica. Dagli strati superficiali, che sono stati sottoposti per miliardi di anni al processo di fusione e scarico. Tuttavia, un nuovo studio ha interrotto questa linea di ragionamento.

READ  Il rover sonda Marte della NASA sta lavorando sul problema della polvere e può continuare a fare lavoro scientifico

Un meteorite testimonia la formazione interna di Marte

I meteoriti che cadono sulla Terra possono provenire da molte fonti, comprese le superfici di altri pianeti rocciosi nel mondo. sistema solare. Forti influenze che hanno colpito vari pianeti all’inizio della loro vita hanno già lanciato nello spazio frammenti di pianeti, che ancora si scontrano regolarmente con i pianeti vicini. Ecco come sono stati trovati frammenti di rocce di Marte sulla Terra. Tuttavia, uno di questi meteoriti è di particolare valore per gli scienziati, perché non proverrà dalla superficie, ma dall’interno di Marte, il che è un fatto estremamente raro. Riguarda meteora de Chassigny, scoperto in Francia nel 1815.

Un team di ricercatori ha studiato la composizione di questo meteorite e in particolare l’origine dei suoi elementi volatili. Di solito, l’analisi dei rapporti isotopici del krypton consente di distinguere l’origine solare o cartilaginea degli elementi volatili. I risultati dello studio sul meteorite Chascini sono a dir poco sorprendenti.

Infatti, l’analisi isotopica mostra che gli elementi volatili che contiene non proverranno dall’assimilazione dei componenti della nebulosa solare come si pensava, ma piuttosto dall’integrazione di materia cartilaginea. Ciò significa che le condriti sarebbero state coinvolte molto prima di quanto pensassimo nel contributo dei volatili, ovvero il tempo in cui il pianeta si è formato dalla nebulosa solare.

La situazione può essere completamente opposta, poiché la composizione interna del pianeta è associata alle condriti e la composizione dell’atmosfera alla nebulosa solare.

L’atmosfera di Marte potrebbe essersi formata molto rapidamente

L’articolo appena apparso nella recensione ScienzaTuttavia, l’atmosfera marziana non può essere formata unicamente attraverso una scarica di gas Cappotto, che quindi avrebbe dovuto avere una formazione cartilaginea. È possibile che il pianeta abbia acquisito la sua atmosfera molto presto, fondendo gli elementi della nebulosa solare, prima che l’oceano di magma si raffreddasse. Va notato che Marte si è congelato molto rapidamente, in soli 4 milioni di anni, anche se Questa volta è stato discussoA differenza della Terra, che ha impiegato dai 50 ai 100 milioni di anni per raffreddarsi.

READ  Missione di tiro con l'arco della NASA: Biliardo cosmico | Hayes in linea

Questi nuovi risultati indicano che Marte avrebbe finito di crescere prima che la nebulosa solare si dissipasse sotto l’influenza della giovane radiazione Sole.

Ancora pochi giorni per approfittare della nostra speciale offerta per la festa del papà!

Tuo padre è fantastico appassionato di scienze E scoperte straordinarie? E se gli offrissi un Fantastica esplorazione scientifica In forma cartacea? beneficiare di -20% su Mag Futura (Offerta speciale: 15 euro invece di 19 euro): 220 pagine, 4 grandi numeri decodificati per comprendere tutto sulla scienza che si celebrerà nel 2022.

Offerta Speciale: -20% di sconto su Mag Futura

Mag Futura è:

  • 4 domande chiave della scienza per il 2022, dalla Terra alla Luna
  • 220 pagine, 60 esperti
  • consegna a domicilio
  • carta regalo elettronica

Interessato a quello che hai appena letto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.