Enormi montagne e un antico fondale marino nel cuore della Terra: l’ultima scoperta della Fantascienza – Business AM



Gli scienziati sono riusciti a fare nuovi progressi nello strato sottile tra il mantello e il nucleo terrestre che fino ad allora era ancora in gran parte sconosciuto, un importante progresso nella comprensione del centro del nostro pianeta.

di base : le ultime scoperte sui confini del nucleo terrestre in uno studio pubblicato in ScienceAdvance Soprattutto Scheda madre.

  • Gli scienziati lo scoprono strane strutture Al confine tra il mantello (un grande strato sotto la sottile crosta planetaria su cui camminiamo) e il nucleo al centro della Terra.
  • Queste strutture sono note come zone a velocità ultra bassa (ULVZ), perché le onde sismiche rallentano drasticamente mentre le attraversano.
  • L’origine e l’estensione di questi Anomalie sotterranee rimangono del tutto misteriosi.
  • Ma gli scienziati guidati da Samantha Hansen, geofisica dell’Università dell’Alabama, hanno analizzato i dati sismici raccolti in Antartide e vi hanno trovato diversi ULVZ.
  • Questo risultato indica che questi ULVZ lo sono antichi fondali mariniche è stato spinto nel mantello per subduzione circa 200 milioni di anni fa.
    • La subduzione è un processo geologico in cui una placca tettonica nella crosta terrestre sprofonda sotto un’altra placca più leggera.
    • La placca sommergibile si sposta quindi verso il mantello, dove può subire una parziale fusione e formare magma, che risale in superficie durante le eruzioni vulcaniche.

Catena montuosa sotterranea

Ci sono più Queste placche essendo spinte dalla subduzione possono affondare fino al bordo esterno del confine nucleo-mantello, dove le forze geofisiche le scolpiscono per formare una sorta di Catena montuosa sotterranea.

  • Non stiamo parlando di una piccola collina, ma delle montagne Tra 5 e 40 kmSecondo il sito, il Monte Everest è cinque volte più grande Geometria interessante.
  • Queste regioni montuose potrebbero essere state sotterranee sul fondo dell’oceano durante il periodo dei dinosauri.
READ  La rete "Edge of Chaos" di Nanowire apre la strada alle scoperte sull'intelligenza artificiale

i dettagli : Il limite del nucleo del mantello a più di 2.900 chilometri sotto i nostri piedi è ancora in gran parte sconosciuto.

  • “Nel complesso, solo il 20% del confine del nucleo del mantello è stato scansionato per la struttura ULVZ e la copertura nell’emisfero australe è molto limitata”, afferma Samantha Hansen.
  • Quindi esaminare i dati sull’Antartide aiuta a colmare queste lacune.
  • Come ? Gli scienziati sono stati in grado di esplorare questa regione utilizzando le onde sismiche generate dai terremoti.
  • Queste osservazioni possono aiutarci a capire come particolari regioni della Terra contribuiscano a processi geofisici molto importanti.
    • Ad esempio, il nucleo della Terra svolge un ruolo importante nell’alimentare il campo magnetico che circonda il nostro pianeta.
    • Questo campo magnetico è vitale per la nostra sopravvivenza perché ci protegge dalle pericolose radiazioni solari e stabilizza la nostra atmosfera.
    • Tuttavia, gli scienziati non hanno ancora compreso appieno come il nucleo produca questo campo magnetico. Quindi ogni piccola scoperta è importante per risolvere questo mistero e tante altre cose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *