Orde di turisti minacciano il Monte Fuji

Orde di turisti minacciano il Monte Fuji

Le autorità giapponesi, costernate dall’atmosfera del parco a tema, stanno valutando la possibilità di fissare quote di visitatori

Il sovraffollamento è un grave problema alla stazione Subaru, la quinta e più grande stazione base sulle pendici del Monte Fuji. (Foto: Reuters)

Fujiyoshida, Giappone: in un sabato grigio e piovoso, un flusso costante di autobus turistici arriva alla stazione base del Monte Fuji, depositando dozzine di turisti stranieri poco vestiti davanti a negozi di souvenir e ristoranti.

La scena evoca immagini di un parco divertimenti, non la reverenza che la maggior parte dei giapponesi si aspetterebbe alla base della montagna alta 3.776 metri che i giapponesi considerano sacra, motivo di orgoglio per la sua forma perfettamente simmetrica.

“Ehi, qui non si fuma!” abbaiò un operaio in un negozio di souvenir, rivolgendosi a un uomo in pantaloncini corti che teneva una lattina di birra davanti a un Tori Di fronte si trova un cancello che simboleggia l’ingresso a un santuario shintoista.

Il Monte Fuji, che si trova a cavallo delle prefetture di Yamanashi e Shizuoka nel Giappone orientale, è molto popolare tra i turisti nazionali e stranieri.

Ma il recente aumento degli arrivi di turisti in Giappone ha portato a gravi livelli di inquinamento e ad altre pressioni, dicono le autorità, aggiungendo che potrebbero dover adottare misure drastiche come limitare il numero di visitatori rendendo la montagna accessibile solo a un piccolo numero di persone. persone. Il sistema tramviario è in costruzione.

“La Fuji sta affrontando una vera crisi”, ha detto ai giornalisti Masatake Izumi, un funzionario della prefettura di Yamanashi, durante un tour dei media stranieri sabato, l’ultimo fine settimana prima della chiusura delle piste per l’anno.

Ha aggiunto: “La questione è incontrollabile e temiamo che il Monte Fuji diventi presto poco attraente e nessuno vorrà scalarlo”.

Il Monte Fuji è stato inserito nell’elenco dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO 10 anni fa, cosa che ne ha aumentato la popolarità. Ma la distinzione è arrivata a condizione che il Giappone riducesse il sovraffollamento e i danni ambientali causati dai visitatori e riparasse il paesaggio artificiale, come i grandi parcheggi creati per accogliere i turisti.

Tuttavia, il sovraffollamento è peggiorato. Subaru, la quinta e più grande stazione base, ha accolto circa 4 milioni di visitatori quest’estate, un aumento del 50% rispetto al 2013.

Nonostante il ritmo frenetico delle pulizie da parte di addetti alle pulizie, aziende e volontari, i social sono pieni di post su bagni sporchi e cumuli di spazzatura lungo la via di arrampicata.

Izumi teme che il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti (ICOMOS), che consiglia il Comitato per il Patrimonio Mondiale, possa venire da un giorno all’altro a chiedere un aggiornamento.

Anche l'”arrampicata bullet”, in cui gli scalatori tentano di scalare la vetta più alta del Giappone all’alba e scendono lo stesso giorno, è un mal di testa crescente, dicono le autorità.

Secondo la polizia della prefettura di Shizuoka, quest’anno le richieste di soccorso sono state 61, il 50% in più rispetto allo scorso anno, di cui un quarto sono turisti non giapponesi. La maggior parte era scarsamente equipaggiata e soffriva di ipotermia o mal di montagna, ha detto un funzionario. La polizia di Yamanashi non disponeva di dati comparabili.

Un visitatore locale ha affermato che le restrizioni potrebbero essere inevitabili.

“Ogni giapponese vorrebbe scalare il Monte Fuji almeno una volta nella vita”, ha detto Jun Shibazaki, 62 anni, arrivato in tournée. “Ma è molto affollato. L’accesso limitato potrebbe essere qualcosa con cui dovremo convivere.”

Il Monte Fuji può essere visto dall’isola di Enoshima a Fujisawa, a sud di Tokyo. (Foto: Reuters)

READ  নিউ ডেভেলপমেন্ট ব্যাংকের সদস্যপদ পেলো বাংলাদেশ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *