Ogni 2,4 milioni di anni Marte ha uno strano effetto sui nostri oceani

Ogni 2,4 milioni di anni Marte ha uno strano effetto sui nostri oceani

Sappiamo fin dall'antichità che la Luna ha una grande influenza sulla dinamica dei nostri oceani, soprattutto attraverso il ciclo delle maree. Ma non è l'unico: anche Marte ha un ruolo nella dinamica dell'acqua sul pianeta blu, e ricercatori della Sorbona e dell'Università di Sydney hanno recentemente rivelato l'esistenza di un nuovo fenomeno mai visto prima. È stato accuratamente documentato prima.

Il team di Adriana Dutkiewicz, geologa dell’Università di Sydney e autrice principale di questo lavoro, ha inizialmente cercato di determinare in che modo le correnti del fondale oceanico sono influenzate dal clima globale su larga scala temporale. Diventano più attivi quando il clima si riscalda o tendono a calmarsi?

Schemi ripetuti nei sedimenti oceanici

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno esaminato centinaia di analisi geologiche di regioni molto profonde degli oceani. È un buon indicatore delle turbolenze che si verificano a grandi profondità. Se troviamo Depositi continui ed armoniosiciò significa che Le correnti erano abbastanza calme Per consentire a questi materiali di accumularsi silenziosamente. Al contrario, possiamo anche trovare Separazione In modelli sedimentari. Possiamo quindi concludere che il fondale oceanico era così Più turbato Durante il periodo in cui si è accumulato.

Un elemento durante l'analisi li ha sorpresi: hanno scoperto che queste fessure erano più abbondanti in determinati periodi e che la loro distribuzione seguiva un ciclo di 2,4 milioni di anni.

Il tango gravitazionale tra Terra e Marte

A prima vista, l’origine di questi modelli non è del tutto chiara. Dopo aver analizzato il problema da tutti gli angoli, hanno concluso che solo un elemento potrebbe influenzare la Terra con tale regolarità su questa scala temporale: Il famoso pianeta rosso!

READ  Futura Swipe Into Space si lancia su Snapchat per esplorare lo spazio!

Siamo rimasti sorpresi di trovare questi cicli di 2,4 milioni di anni nei nostri registri sedimentari “Dutkiewicz spiega.” C'è solo un modo per spiegarlo: è legato ai cicli di interazioni tra le orbite di Marte e della Terra. “.

In effetti, i due pianeti interagiscono regolarmente (tutto sommato) mentre orbitano attorno al Sole. Quando due corpi celesti si avvicinano, i loro campi gravitazionali interferiscono con il percorso reciproco. In pratica, ciò è particolarmente evidente attraverso le variazioni dell’eccentricità, un parametro che misura quanto un’orbita è vicina a un cerchio perfetto.

Rappresenta l'eccentricità dell'orbita. Un valore pari a zero corrisponde a un cerchio perfetto; Man mano che aumenta, l'orbita diventa più ellittica. © Phoenix7777 tramite Wikimedia Commons

Questi cambiamenti nella traiettoria diventano più pronunciati, per poi diminuire gradualmente nel corso di lunghi cicli che durano – avete indovinato – 2,4 milioni di anni. Questi hanno differenze Un impatto molto tangibile sul nostro pianeta. In alcuni momenti di questo ciclo, la Terra è più vulnerabile alle radiazioni del Sole, che si manifesta con un aumento temporaneo della temperatura climatica. Al contrario, durante la seconda fase, le temperature globali tendono a diminuire.

Implicazioni per la scienza del clima

Mettendo in equilibrio tutti questi elementi, Dutkiewicz e i suoi colleghi hanno scoperto che le discontinuità nei modelli sedimentari corrispondono a periodi più caldi del ciclo. Quindi possiamo concludere che le correnti del fondale marino sono effettivamente influenzate dal clima globale.

C’è anche un altro elemento che rafforza questa ipotesi. I ricercatori hanno scoperto che queste crepe erano particolarmente abbondanti durante i periodi notoriamente particolarmente caldi, ad es Massimi termici del corridoio Paleocene-Eocene 56 milioni di anni fa.

Ma la conclusione più interessante, che impone di fare un passo indietro, è questa Le interazioni gravitazionali tra Marte e la Terra influenzano le dinamiche delle profondità marine in modi molto tangibili.

READ  Gli epidemiologi hanno rivelato il ruolo dell'uomo nell'emergere di un nuovo ceppo di COVID-19 :: Società :: RBC

D'altra parte, le conseguenze di questo fenomeno ciclico rimangono piuttosto misteriose, perché è estremamente difficile realizzarlo sulla scala della vita umana. Ma questo è un argomento che vale la pena approfondire in futuro.

I ricercatori ritengono infatti che questi disturbi potrebbero interagire con altri fenomeni che notoriamente hanno un impatto decisivo sul clima globale, come Corrente del Golfo O il Circolazione termica – Massicci movimenti dell'acqua dovuti alle differenze di temperatura e salinità nelle diverse aree marine. Gli autori sperano quindi che i loro risultati siano fattibili Aiutare la comunità scientifica a costruire modelli climatici più solidi.

Il testo dello studio è disponibile Qui.

🟣 Per non perdere nessuna novità su Journal du Geek, iscriviti a Google News. E se ti piacciamo, abbiamo una newsletter ogni mattina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *