La Luna è un rifugio per l’umanità o una discarica per i rifiuti?

La Luna è un rifugio per l’umanità o una discarica per i rifiuti?

Venti sacchi di urina, sei paia di pantofole, un ritratto di Lenin, otto paia di scarpe da astronauta, sacchetti per le deiezioni, asciugamani, una foto di famiglia, palline da golf, decine di astronavi… Nell’ultimo secolo, la luna è stata la più destinazione di spedizione emozionante e stimolante per l’umanità.

Centinaia di oggetti di ogni tipo ricoprono la superficie lunare, mentre le navi che li hanno depositati sono ancora intatte, appoggiate sulla superficie. Al centro di questo museo improvvisato sulla conquista dello spazio, circondato da jeep lunari abbandonate e bandiere americane lasciate ai posteri, ci sono le uniche stampe di 12 astronauti americani, comprese quelle del loro primo, Neil Armstrong, nel 1969.

Dalla fine del programma Apollo, nessun essere umano ha messo piede sulla Stella Grigia. Cinquant’anni dopo, quando la NASA e aziende private come SpaceX annunciarono il loro desiderio di inviare esseri umani su Marte, sembrava che la Luna fosse tornata ad essere una tappa della corsa allo spazio.

Durante l’atterraggio sulla Luna, la navicella spaziale russa Luna 25 ha riscontrato un’anomalia che l’ha portata a schiantarsi il 19 agosto 2023. È stato creato un nuovo cratere di 10 metri di diametro.

© NASA Goddard Space Flight Center / Arizona State University

Cina, India, Giappone, Russia, Israele… i paesi, a loro volta, stanno cercando di occuparne una parte. La Cina c’è già riuscita, grazie a due rover di superficie, Yutu-1 e Yutu-2, l’ultimo dei quali è ancora operativo. Anche l’India è riuscita a far muovere in sicurezza la sua navicella spaziale Pragyan mentre aspettava che il sole ricaricasse le batterie. Ma molti di loro hanno incontrato la superficie lunare, come la Russia, che non è riuscita a mettere in orbita la sua sonda Luna-25.

Queste missioni legacy e i molteplici fallimenti lasciano una grande quantità di rifiuti e detriti sulla Luna: circa 200 tonnellate. I siti di atterraggio dell’Apollo erano pieni di telecamere, unità di potenza, pinze, trapani, spazzole, presse e strumenti per lo scavo. Per non parlare delle decine di veicoli abbandonati.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Chi possiede i resti della luna?

Sulla Terra abbiamo deciso che valeva la pena salvare il nostro patrimonio archeologico. Che si tratti delle antichità egiziane o di quelle di Pompei, i siti che incarnano il nostro patrimonio culturale sono protetti da quadri giuridici ben definiti. Ma l’esistenza umana si estende ben oltre i confini della Terra, come mostra questa mappa della NASA, preparata nel 2012.

L'emisfero della luna dove puoi vedere la posizione delle missioni lunari.

L’emisfero della luna dove puoi vedere la posizione delle missioni lunari.

©NASA

Vale la pena preservare i resti delle missioni Apollo, le sonde sovietiche del programma Luna o la prima navicella spaziale cinese? Nel Trattato Spaziale Internazionale, ratificato nel 1967, i primi due articoli stabiliscono che nessun paese può appropriarsi dello spazio extra-atmosferico. In altre parole, chiunque può divertirsi guidando una Jeep sulla Luna o cancellando l’impronta di Neil Armstrong.

Legalmente “i siti non sono affatto protetti”, spiega Michelle Hanlon, professoressa di diritto all’Università del Mississippi e cofondatrice dell’associazione. per tutta la razza lunareun gruppo creato nel 2017 per proteggere i resti dell’esplorazione lunare.

Gli americani raccomandavano, ad esempio, di non atterrare a meno di 2 chilometri dai siti Apollo. E al Congresso degli Stati Uniti, i senatori hanno presentato un testo per creare di fatto siti del patrimonio culturale protetto e aree riservate. Ma il Trattato sullo Spazio è molto chiaro: la Luna non può essere oggetto di appropriazione nazionale mediante dichiarazione di sovranità, né mediante uso o occupazione.

Quindi, per inasprire le regole – e permettersi allo stesso tempo di sfruttare le risorse lunari – la NASA ha redatto, nel 2020, gli Accordi Artemis in cui gli stati firmatari intendono “preservare il patrimonio spaziale”, in particolare come “siti di atterraggio di missioni con equipaggio, artefatti. ” Veicoli spaziali e altre prove di attività che si svolgono sui corpi celesti.

L'astronauta John W. Young, comandante della missione Apollo 16, salta dalla superficie della luna, davanti alla bandiera americana.

L’astronauta John W. Young, comandante della missione Apollo 16, salta dalla superficie della luna, davanti alla bandiera americana.

©NASA

25 paesi hanno ratificato questi accordi, tra cui Francia, Giappone e India. Non Cina o Russia. “I cinesi conoscono molto bene la posizione degli Stati Uniti su questo argomento”, afferma Francis Rocard, astrofisico e capo dei programmi di esplorazione del sistema solare presso il Centro nazionale di studi spaziali (Cnes). Ha aggiunto: “Ma se vorranno provocarli avvicinandosi ai siti Apollo, lo faranno, e questo porterà a nuove tensioni diplomatiche”.

Nell’ombra, la Cina continua la sua espansione lunare, con in cantiere la costruzione di una base lunare. Oltre alle agenzie spaziali, ci sono anche aziende private. Solo quest’anno sono state lanciate quattro missioni, di cui una di origine speciale. L’azienda giapponese Ispace ha già tentato di sbarcare sulla Luna con la sua navicella spaziale Hakuto-R, ma senza successo. Giovedì 7 settembre i giapponesi possono ancora sognare. Un nuovo razzo è decollato da Tanegashima per riprovare.

READ  Ricerca: l'interno della Terra "inghiotte" più carbonio del previsto e lo intrappola più in profondità - Scientific Exploration-cnBeta.COM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *